Portale:Serbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale Serbia


Portale Serbia
Coat of arms of Serbia.svg

La Repubblica di Serbia (serbo: Република Србија, Republika Srbija) è uno stato del sud-est dell'Europa, nella regione dei Balcani. Confina con Ungheria, Romania, Bulgaria, Macedonia, Albania, Montenegro, Bosnia ed Erzegovina, Croazia. La sua capitale è Belgrado.

La Serbia era unita al Montenegro nell'Unione Statale di Serbia e Montenegro ma in seguito al referendum del 21 maggio 2006, il Montenegro ha optato per l'indipendenza. A seguito del referendum, la Confederazione è stata sciolta e la Serbia (così come il Montenegro) è divenuta uno stato sovrano.

Geografia

Coat of arms of Serbia.svg

La Serbia è uno stato che si estende nei Balcani (una regione storica e geografica del sud-est dell'Europa) e nel Bassopiano Pannonico (una regione dell'Europa centrale). Confina con Albania, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Montenegro (Paese con cui formava una Confederazione), Romania e Ungheria.

È priva di accessi diretti sul mare, anche se l'accesso all'Adriatico è possibile tramite il vicino Montenegro, mentre il fiume Danubio garantisce un accesso fluviale verso l'Europa centrale e il Mar Nero.

Storia e società

Dusanova Srbija200.jpg

L'Impero serbo (in serbo: Српско Царство, Srpsko Carstvo) fu un impero medievale dei Balcani che nacque dal regno serbo nel XIV secolo. L'Impero esistette dal 1346 al 1371 e fu uno dei maggiori stati europei dell'epoca.

Lo stato serbo medievale raggiunse il suo apice alla metà del XIV secolo, durante il regno di Stefano Dušan, che si proclamò nel 1345 imperatore (zar) a Serres e fu solennemente incoronato a Skopje il 6 aprile 1346 come "Zar ed autocrate dei serbi e dei greci" dal neocreato Patriarca serbo Joanikie II con l'aiuto del patriarca bulgaro Simeone e dell'arcivescovo di Ohrid, Nicola.

Stefan Dušan introdusse anche il Dušanov Zakonik (Codice di Dušan, 1349), un risultato giuridico unico negli stati europei dell'epoca. L'imperatore Dušan aprì nuove vie di commercio e rafforzò l'economia dello stato. L'Impero serbo fiorì, risultando una delle nazioni più evolute e culturalmente avanzate del continente. Alcune delle opere d'arte serbe medievali furono proprio create durante questo periodo: tra tutte si ricorda principalmente il Nomocanon di San Sava.

Persone
Pietro I

Pietro I di Serbia, figlio di Aleksandar Karađorđević e di sua moglie, la principessa Persida Nenadovic, seguì la famiglia all'abdicazione paterna nel 1858 nell'attuale Romania. Il giovane passò parte del suo esilio in Francia, dove studiò all'accademia militare di Saint-Cyr e prese parte alla Guerra franco-prussiana come ufficiale della Legione straniera francese, e nel 1875 prese parte alla rivolta della Bosnia contro gli Ottomani.

Nel 1883 sposò la Principessa Zorka del Montenegro, figlia del re Nicola I del Montenegro: ebbero cinque figli. Pietro tornò in Serbia nel 1903, con il rovesciamento della dinastia Obrenovic, ritornando dall'esilio per prendere il posto di sovrano. Nikola Pašić fu il suo primo ministro.

Suddivisioni
Distretti

Serbia Centrale: Belgrado · Bor · Braničevo · Jablanica · Kolubara · Mačva · Moravica · Nišava · Pčinja · Pirot · Podunavlje · Pomoravlje · Raška · Rasina · Šumadija · Toplica · Zaječar · Zlatibor

Voivodina: Bačka Settentrionale · Bačka Meridionale · Bačka Occidentale · Banato Settentrionale · Banato Centrale · Banato Meridionale · Sirmia

Kosovo e Metohija (istituiti dall'ONU nel 1999): Mitrovica/Kosovska Mitrovica · Prishtina/Priština · Gjilani/Gnjilane · Peja/Peć · Gjakova/Đakovica · Prizreni/Prizren · Ferizaji/Uroševac

Comuni (in grassetto con titolo di città)

Serbia Centrale: Belgrado (Barajevo · Čukarica · Grocka · Lazarevac · Mladenovac · Novi Beograd · Obrenovac · Palilula · Rakovica · Savski Venac · Sopot · Stari Grad · Surčin · Voždovac · Vračar · Zemun · Zvezdara) · Čačak · Jagodina · Kragujevac (Aerodrom · Pivara · Stanovo · Stari Grad · Stragari) · Kraljevo · Kruševac · Leskovac · Loznica · Niš (Crveni Krst · Medijana · Niška Banja · Palilula · Pantelej) · Novi Pazar · Požarevac · Smederevo · Šabac · Užice · Valjevo · Vranje · Zaječar
Aleksandrovac · Aleksinac · Aranđelovac · Arilje · Babušnica · Bajina Bašta · Batočina · Bela Palanka · Blace · Bogatić · Bojnik · Boljevac · Bor · Bosilegrad · Brus · Bujanovac · Crna Trava · Čajetina · Ćićevac · Ćuprija · Despotovac · Dimitrovgrad · Doljevac · Gadžin Han · Golubac · Gornji Milanovac · Ivanjica · Kladovo · Knić · Knjaževac · Koceljeva · Kosjerić · Krupanj · Kučevo · Kuršumlija · Lajkovac · Lapovo · Lebane · Lučani · Ljig · Ljubovija · Majdanpek · Mali Zvornik · Malo Crniće · Medveđa · Merošina · Mionica · Negotin · Nova Varoš · Osečina · Paraćin · Petrovac · Pirot · Požega · Preševo · Priboj · Prijepolje · Prokuplje · Rača · Raška · Ražanj · Rekovac · Sjenica · Smederevska Palanka · Sokobanja · Surdulica · Svilajnac · Svrljig · Topola · Trgovište · Trstenik · Tutin · Ub · Varvarin · Velika Plana · Veliko Gradište · Vladičin Han · Vladimirci · Vlasotince · Vrnjačka Banja · Žabari · Žagubica · Žitorađa

Voivodina: Novi Sad (Novi Sad · Petrovaradin) · Pančevo · Sombor · Sremska Mitrovica · Subotica · Zrenjanin
Ada · Alibunar · Apatin · Bač · Bačka Palanka · Bačka Topola · Bački Petrovac · Bečej · Bela Crkva · Beočin · Čoka · Inđija · Irig · Kanjiža · Kikinda · Kovačica · Kovin · Kula · Mali Iđoš · Nova Crnja · Novi Bečej · Novi Kneževac · Odžaci · Opovo · Pećinci · Plandište · Ruma · Sečanj · Senta · Šid · Srbobran · Sremski Karlovci · Stara Pazova · Temerin · Titel · Vrbas · Vršac · Žabalj · Žitište

Kosovo: Dečani/Deçan · Dragaš/Dragash · Đakovica/Gjakovë · Gnjilane/Gjilan · Glogovac/Gllogovc · Istok/Burim · Kačanik/Kaçanik · Kosovska Kamenica/Kamenicë · Klina/Klinë · Kosovo Polje/Fushë Kosovë · Kosovska Mitrovica/Mitrovicë · Leposavić/Albaniku · Lipljan/Lipjan · Mališevo/Malishevë · Novo Brdo/Novobërdë · Obilić/Kastriot · Peć/Peja · Podujevo/Podujevë · Priština/Prishtinë · Prizren/Prizreni · Orahovac/Rahovec · Štimlje/Shtime · Srbica/Skënderaj · Štrpce/Shtërpcë · Suva Reka/Suharekë · Uroševac/Ferizaj · Vitina/Viti · Vučitrn/Vushtrri · Zubin Potok/Zubin Potoku · Zvečan/Zveçan

In evidenza
Monastero serbo di Visoki Dečani

Visoki Dečani (in serbo: Манастир Високи Дечани) è un grande monastero della Chiesa Ortodossa Serba in Kosovo, a 12 chilometri a sud della città di Peć. La sua cattedrale è la più grande chiesa medievale dei Balcani e contiene il più grande affresco bizantino che si sia conservato fino a noi.

Il monastero venne fondato in un castagneto dal re Stefano Dečanski nel 1327. Il suo atto di fondazione ufficiale risale al 1330. L'anno successivo il re morì e venne sepolto nel monastero, che quindi divenne il suo santuario, infatti l'epiteto "Dečanski" deriva direttamente dal monastero che egli fondò.

Novità
Wikimedaglia oro.png

Al momento in vetrina non ci sono voci riguardanti la Serbia...



Ultimi inserimenti:

L'immagine
Cosa c'è da fare
Gnome-devel.svg

Implementare le voci contenute nelle categorie:

Risorse



Portali dei paesi dell'Europa
Albania · Andorra · Armenia · Austria · Azerbaigian · Belgio · Bielorussia · Bosnia ed Erzegovina · Bulgaria · Cipro · Città del Vaticano · Croazia · Danimarca · Estonia · Finlandia · Francia · Georgia · Germania · Grecia · Irlanda · Islanda · Italia · Lettonia · Liechtenstein · Lituania · Lussemburgo · Macedonia · Malta · Moldavia · Montenegro · Norvegia · Paesi Bassi · Polonia · Portogallo · Principato di Monaco · Regno Unito · Repubblica Ceca · Romania · Russia · San Marino · Serbia · Slovacchia · Slovenia · Spagna · Svezia · Svizzera · Turchia · Ucraina · Ungheria
Altri continenti
Africa · Antartide · Artide · Asia · Oceania