Castel Firmiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castel Firmiano
Schloss Sigmundskron
Il castel Firmiano
Il castel Firmiano
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Città Bolzano
Coordinate 46°28′49″N 11°18′19.4″E / 46.480278°N 11.305389°E46.480278; 11.305389Coordinate: 46°28′49″N 11°18′19.4″E / 46.480278°N 11.305389°E46.480278; 11.305389
Informazioni generali
Tipo Castello
Termine costruzione 945 ca
Visitabile Si

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Castel Firmiano (in tedesco Schloss Sigmundskron) è situato nella periferia sudoccidentale di Bolzano sulla destra dell'Adige ed è la sede principale del circuito museale chiamato Messner Mountain Museum voluto e progettato dal famoso scalatore altoatesino Reinhold Messner che lo gestisce. Il museo è stato aperto il 9 giugno 2006.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Panoramica del castello con la cappella di S. Biagio e S. Ulrico al centro

Il castello viene menzionato per la prima volta con il nome "Formicaria" (successivamente "Formigar") nel 945 ca.[1] L'imperatore Corrado II nel 1027 affidò il castello al vescovo di Trento. Nel XII secolo venne invece affidato ai Ministeriali che da questo momento si chiamarono Firmian. I gastaldi ovvero i burgravi del castello sono menzionati dal 1144.[2] Da allora sono attestate diverse famiglie di status ministeriali che si riconducono a Firmian. Si tratta dei casati degli Estrich, dei Hahn ("Gallus"), dei Häring, dei Kastraun, dei Ripp e degli Zungel, tutti del XIII secolo.[3]

La cappella, posta sul punto più alto del maniero, e dedicata a San Biagio e a San Ulrico, il vescovo di Augusta, sembra essere addirittura antecedente alla struttura di fortificazione, nella quale fu poi inglobata. La leggenda narra che il santo vescovo dell'età carolingia, sia stato di passaggio nel primo X secolo per il territorio di Bolzano.[4]

Attorno al 1473 il principe del Tirolo, Sigismondo d'Austria, acquistò il maniero che viene trasformato in una fortezza e lo ribattezzò Sigmundskron ("corona di Sigismondo"). Dell'antico castello Formigar non è rimasto molto e la maggior parte dei residui si trova nel punto più alto della fortezza. A causa di difficoltà finanziarie Sigismondo dovette presto pignorare il castello che comunque da quel periodo possedette un suo Burgfrieden, ovvero un suo distretto giudiziale soggetto al Landgericht Gries-Bozen, il giudizio territoriale di Gries-Bolzano.[5] Dal XVII secolo il complesso incominciò ad andare sempre più in rovina.

Alla fine del XVIII secolo il castello appartenne ai conti Wolkenstein, dal 1807 al 1870 ai conti di Sarentino, poi fino al 1994 ai conti Toggenburg.

Il castello è un importante simbolo dell'autonomia altoatesina: nel 1957 si tenne proprio qui la più grande manifestazione di protesta nella storia dell'Alto Adige, guidata da Silvius Magnago.[6] Più di 30.000 altoatesini si riunirono nel complesso per protestare contro la non osservanza dell'Accordo di Parigi del 1946 e per chiedere un'effettiva autonomia provinciale per l'Alto Adige, slegata dal Veto regionale imposto dal Trentino (con il famoso motto Los von Trient, ovvero "Via da Trento").

Nel 1976 le rovine vennero in parte restaurate da una famiglia albergatrice che vi aprì un ristorante. Nel 1996 il castello divenne proprietà della Provincia autonoma di Bolzano. Nella primavera del 2003, dopo non poche polemiche, Reinhold Messner ottenne la concessione per la realizzazione del suo museo della montagna da tempo prospettato.

Durante i lavori di restauro, nel marzo 2006, venne scoperta una tomba del neolitico, nella quale vennero ritrovati resti dello scheletro di una donna. Al momento si stima che l'età della tomba oscilli tra i 6.000 e i 7.000 anni.

Toponomastica[modifica | modifica sorgente]

Per "Castel Firmiano" s'intende anche la zona attorno alla rocca sulla quale è situata il castello ed in lingua tedesca per Sigmundskron viene designato anche il territorio oltre all'Adige sottostante chiamato in italiano "Ponte Adige". Il nome italiano di Castel Firmiano venne in forma strettamente monolingue reintrodotto da Ettore Tolomei, per motivi dichiaratamente politici, con il suo Prontuario dei nomi locali dell'Alto Adige che puntò all'italianizzazione totale del territorio. Fino all'annessione del Tirolo meridionale all'Italia nel 1919 alcuni contadini d'origine trentina che abitavano la zona designavano il castello con il nome di Sibizzicróm (storpiatura di Sigmundskron), considerato dal geografo troppo "barbaro" e quindi sostituito. Oggi tuttavia anche Reinhold Messner ha dato il nome "Firmian" al suo museo e con lo stesso nome viene chiamato il nuovo quartiere bolzanino non molto distante.

MMM Firmian[modifica | modifica sorgente]

Il Messner Mountain Museum, grazie a un importante intervento architettonico sensibile al contesto storico operato dall'architetto Werner Tscholl nel 2007[7], è la sede principale dei cinque musei tematici sparsi nelle Alpi centro-orientali. Il Weißer Turm ("torre bianca") del castello è allestito come piccolo museo di storia contemporanea, mentre negli ampi spazi dell'area museale che supera i 1.100 metri quadrati, il tema di fondo è l'uomo e la montagna con numerosi vari oggetti provenienti da tutto il mondo che simboleggiano il punto d'incontro dell'uomo con la montagna. Nel castello è stato realizzato anche un'arena capace di ospitare conferenze, mostre e concerti. Dal castello è inoltre possibile godere di un ampio panorama sulla conca bolzanina verso nord. Per evitare problemi di traffico nella zona è stato creato un parcheggio nei pressi dell'uscita autostradale e della superstrada Merano-Bolzano dal quale viene effettuato un servizio shuttle.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi Liutprandi antapodis V, cap. 26, a cura di A. Bauer e R. Rau, in Ausgewählte Quellen zur deutschen Geschichte des Mittelalters, vol. 8, Darmstadt, Wiss. Buchgesellschaft, 1971, p. 474.
  2. ^ Franz Huter, Tiroler Urkundenbuch, sez. I, vol. 1, Innsbruck, Wagner, 1937, n. 217.
  3. ^ Martin Bitschnau, Burg und Adel in Tirol zwischen 1050 und 1350. Grundlagen zu ihrer Erforschung (Sitzungsberichte, 403), Vienna, Accademia Austriaca delle Scienze, 1983, pp. 213s. n. 191.
  4. ^ Helmut Stampfer, St. Blasius und St. Ulrich in Sigmundskron bei Bozen, in "Bolzano dagli inizi alla distruzione della mura. Atti del convegno internazionale", Bolzano, Athesia, 1991.
  5. ^ Otto Stolz, Politisch-historische Landesbeschreibung Südtirols (Schlern-Schriften, 40), Innsbruck, Wagner, 1937, pp. 282-284.
  6. ^ V. la ricca documentazione fotografica in Margareth Lun, Der Tag von Sigmundskron: eine Kundgebung macht Geschichte - 17. November 1957, Bolzano, 2007.
  7. ^ Werner Tscholl, Revitalisierung Sigmundskron - von Riesenfestung zum Bergmuseum, in "Arx", 32, 2010, pp. 3-6.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Otto Stolz, Politisch-historische Landesbeschreibung Südtirols (Schlern-Schriften, 40), Innsbruck, Wagner, 1937, pp. 282–284 (Burgfrieden Sigmundskron)
  • (DE) Josef Weingartner, Bozner Burgen, 3ª ediz., Innsbruck, Tyrolia, 1962, pp. 208ss.
  • (DE) Martin Bitschnau, Burg und Adel in Tirol zwischen 1050 und 1350. Grundlagen zu ihrer Erforschung (Sitzungsberichte, 403), Vienna, Accademia Austriaca delle Scienze, 1983, pp. 213s. n. 191. ISBN 3-7001-0520-7
  • (DE) Walter Landi - Wilfried Beimrohr - Martha Fingernagel-Grüll, Sigmundskron, in Tiroler Burgenbuch, vol. X: Überetsch und Südtiroler Unterland, Bolzano, Athesia, 2011, pp. 223–266. ISBN 978-88-8266-780-1

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]