Abbazia di Muri-Gries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 46°30′11″N 11°20′04″E / 46.503056°N 11.334444°E46.503056; 11.334444

Abbazia di Muri-Gries
Abbazia di Muri-Gries
Abbazia di Muri-Gries
Stato Italia Italia
Regione Stemma Trentino - Südtirol.svg Trentino-Alto Adige
Località Bolzano-Stemma.png Bolzano
Religione Cattolicesimo
Diocesi Bolzano-Bressanone
Sito web http://www.muri-gries.it
Interno chiesa
Facciata della chiesa

L'Abbazia di Muri-Gries a Bolzano forma, insieme all'attigua chiesa di Sant'Agostino, un unico complesso appartenente ai frati benedettini di Muri in Argovia (Svizzera), in tedesco è chiamata Abtei Muri-Gries. Nonostante si trovi in Italia, appartiene, per ragioni storiche, alla Congregazione benedettina di Svizzera.

L'abbazia è situata nel pieno centro dello storico quartiere bolzanino di Gries sull'omonima piazza. L'abbazia è contigua alla chiesa barocca di Sant'Agostino e i due edifici costituiscono il tratto caratteristico del quartiere.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'antico complesso del XII-XIII secolo era inizialmente il castello principesco di Gries, territorio che, al contrario del nucleo storico di Bolzano, era sotto il controllo diretto dei conti di Tirolo e non quello del principe vescovo di Trento. Il mastio delle mura è ora il campanile. Il 22 febbraio 1406 l'arciduca Leopoldo IV d'Asburgo donò il castello ai frati agostiniani in seguito all'abbandono forzato del convento di Santa Maria in Augia, i cui resti sono visibili nel quartiere Don Bosco. Dopo la secolarizzazione la chiesa venne donata ai benedettini provenienti da Muri in Argovia. Oggi la struttura costituisce un importante centro culturale di Gries. La torre del Convento regge un notevole concerto di 9 campane installate a "slancio tirolese", un caratteristico sistema di suono in uso nella zona. La campana maggiore chiamata Augustinusglocke, un Lab 2 del peso di 5.026 kg, è considerata musicalmente un'ottima campana; essa venne fusa dalla fonderia Chiappani di Trento nel 1895.[1]

Cantina[modifica | modifica sorgente]

La zona di Gries è famosa per la produzione di vino Lagrein e i canonici gestiscono dal 1788 una cantina vinicola all'interno dell'abbazia. All'interno è conservato un torchio in legno risalente al 1549.

Museo dei Presepi[modifica | modifica sorgente]

All'interno della torre romanica è conservata una collezione di presepi antichi e una mostra dell'attuale produzione artistica di presepi in Alto Adige, nonché figure di arte popolare. Il più antico presepe risale al 1750.

Biblioteca[modifica | modifica sorgente]

L'abbazia detiene, oltre a un importante archivio storico, una ricca biblioteca storica, completamente informatizzata.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda tecnica dettagliata sulla campana maggiore
  2. ^ Angelika Pedron, Klara Tutzer, Die Bibliothek des Klosters Muri-Gries - La biblioteca del convento di Muri-Gries (Erschließung Historischer Bibliotheken in Südtirol, 8), Bressanone, Provinz-Verlag 2011. ISBN 978-88-88118-72-7

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Walter Landi, Plazidus Hungerbühler, Das Augustiner-Chorherrenstift Au-Gries in Bozen, in: Hannes Obermair et al. (a cura di), Dom- und Kollegiatstifte in der Region Tirol - Südtirol - Trentino / Collegialità ecclesiastica nella regione trentino-tirolese (Schlern-Schriften, 329), Innsbruck, Wagner, 2006. ISBN 3-7030-0403-7.
  • Walter Landi, Chiesa abbaziale e parrocchiale di Gries-Bolzano (Kleine Kunstführer, 707), Ratisbona, Schnell & Steiner, 2009. ISBN 978-3-7954-6757-9.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]