Silibinina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Silibinina
Silibinin skeletal.svg
Silibinin 3D.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC25H22O10
Massa molecolare (u)482,43618
Numero CAS22888-70-6
Numero EINECS245-302-5
PubChem31553
DrugBankDB09298
SMILES
COC1=C(C=CC(=C1)C2C(OC3=C(O2)C=C(C=C3)C4C(C(=O)C5=C(C=C(C=C5O4)O)O)O)CO)O
Indicazioni di sicurezza

La silibinina, nota anche come silibina, è un composto appartenente alla famiglia dei flavonolignani. È il principale componente attivo della silimarina, un estratto standardizzato di acheni di cardo mariano, contenente una miscela di flavonolignani tra cui silibinina, isosilibinina, silicristina e silidianina. La stessa silibinina è una miscela di due diastereoisomeri, silibinina A e silibinina B in rapporto circa equimolare.

Usi medici[modifica | modifica wikitesto]

La silibinina è disponibile come farmaco (Legalon o Silliver) in diversi paesi europei e trova utilizzo nel trattamento delle epatopatie tossiche (es. per via endovenosa in caso di avvelenamento da Amanita phalloides) Trova inoltre impiego come terapia adiuvante nelle epatopatie croniche e nella cirrosi epatica. Nel 2011 la società farmaceutica Rottapharm/Madaus ha annunciato che al proprio farmaco Legalon SIL (Silibinina-C-2’,3-diidrogenosuccinato, sale disodico) è stata assegnata la qualifica di medicinale orfano da parte della Commissione Europea.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia