S-400

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
S-400
С-400 «Триумф».JPG
Descrizione
Tipomissile terra-aria
Impiegocontraereo
ProgettistaAlmaz/Antei Concern of Air Defence (PVO Kontsern)
CostruttoreRussia MKB Fakel
In servizio2007[1]
Esemplari320+ lanciatori[2]
Prestazioni
Gittata400 km (missile 40N6)

250 km (missile 48N6E3) 120 km (missile 9M96E2)

40 km (missile 9M96E)
VelocitàMach 6,2 (48N6)

Mach 2.9 (9M96E2)

Mach 2.3 (9M96E)
voci di missili presenti su Wikipedia

L'S-400 Triumph (in cirillico С-400 Триумф, nome in codice NATO SA-21 Growler[3]), in precedenza identificato come s-300-PMU 3, è un sistema d'arma antiaereo di nuova generazione sviluppato da NPO Almaz, azienda russa del settore difesa, prodotto da MKB Fakel, azienda di stato russa con sede a Chimki, ed esportato da Rosoboronexport.

Sarebbe un sistema d'arma molto superiore alla precedente serie S-300[4] e nelle sue versioni per l'export è stato oggetto di contratti di fornitura per vari paesi, tra cui la Cina e l'Arabia Saudita[5].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'S-400 è stato progettato come sistema d'arma capace di intercettare e colpire aerei da guerra e missili balistici e da crociera che volano a una velocità fino a 4,8 km/s (17.000 km/h). Il sistema può individuare fino a 36 obiettivi contemporaneamente (80 nelle nuove versioni) in un raggio che va da 30 a 400 km in base al tipo di missile utilizzato (quest'ultima distanza viene raggiunta con il missile 40N6 con compiti ABM e anti AWACS).[6][7]

Nella sua versione per l'esercito russo (almeno fino al 2010), il sistema è costituito dal posto di comando 55K6E e dal radar 91N6E di acquisizione, gestiti con il sistema di gestione del combattimento 30K6E. Il posto di comando è affiancato, in genere, da 6 complessi 98Zh6E, ognuno dei quali comprendente un radar 92N6E di ingaggio e un numero variabile di TEL 5P85SE2/5P85TE2, armati con 4 missili 48N6E2/E3; a complemento di tutto ciò, vi è un sistema di supporto logistico 30Ts6E comprendente lo stivaggio dei missili ed equipaggiamenti di manutenzione. [8]

Caratteristiche del missile 48N6E3[modifica | modifica wikitesto]
  • Raggio d'azione: 250 km[9] .
  • Velocità del missile: 4800 m/s[9].
Caratteristiche del missile 9M96E[modifica | modifica wikitesto]
  • Raggio: 40 km[10].
  • Velocità del missile: 7500 m/s[10].

Esportazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Cina Cina Nel novembre 2014 Mosca e Pechino hanno firmato un accordo da 3 miliardi di dollari per la fornitura di sei battaglioni del sistema antiaereo/antimissile S-400 che permetteranno di rafforzare in modo significativo la difesa aerea della Cina. Le prime consegne sono avvenute tra la fine del 2017 e l'inizio del 2018.[11]
  • Arabia Saudita Arabia Saudita Nell'ottobre 2017, in occasione di una sua visita di stato in Russia, re Salman dell'Arabia Saudita ha raggiunto con Vladimir Putin un accordo per la fornitura del sistema d'arma alla difesa del suo paese.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ЗРС С-400 Триумф, S400.ru. URL consultato il 29 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2001).
  2. ^ Game Changer: China Will Soon Have S-400 Air Defense Systems Defending Its Skies, su sputniknews.com. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  3. ^ (EN) Andreas Parsch e Aleksey V. Martynov, Designations of Soviet and Russian Military Aircraft and Missiles, su Designation-Systems.net, http://www.designation-systems.net, 2 luglio 2008. URL consultato il 23 settembre 2011.
  4. ^ FAS.org - "S-400 Triumf".
  5. ^ (EN) Awad Mustafa, Saudi Arabia agrees deal for Russian S400 missile defense systems, in Al Arabiya English, 5 ottobre 2017. URL consultato il 9 ottobre 2017.
  6. ^ Lo shopping dei cinesi a Mosca include gli S-400 - Analisi Difesa.
  7. ^ Ракеты для С-400 поставят на поток в третьем квартале 2010 года | РИА Новости.
  8. ^ Design Philosophy and Implementation.
  9. ^ a b 48N6E3 and 40N6 Surface to Air Missiles.
  10. ^ a b Technical Data.
  11. ^ Franz-Stefan Gady, Russia Starts Delivery of S-400 Missile Defense Systems to China, The Diplomat, 22 gennaio 2018. URL consultato il 2 aprile 2018.
  12. ^ Saudi ambassador to Moscow: S-400 missile deal with Saudi Arabia in final stages, Al Arabiya English, 20 febbraio 2018. URL consultato il 2 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]