S-200

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
S-200
SA-5 Gammon
Vojenské muzeum Lešany, protiletadlová střela.jpg
Un S-200 posizionato sul suo lanciatore, Polonia; 2009
Descrizione
Tiposistema SAM a lungo raggio
Impiegodifesa aerea
Sistema di guidaradar attiva
ProgettistaUnione Sovietica NPO Almaz
In servizio1967
Utilizzatore principaleUnione SovieticaURSS
Altri utilizzatoriAlgeria, Azerbaigian, Bulgaria, Estonia, Repubblica Democratica Tedesca, Ungheria,
Sviluppato dalS-125
Peso e dimensioni
Peso2.800 kg
Lunghezza10,72 m
Larghezza2,85 m
Diametro0,85 m
Prestazioni
Vettori2P24
Gittata200-350 km
Tangenza20 km (40 km nei modelli recenti)
Velocità massimaMach 4
Motore4 razzi a combustibile solido
Esplosivo215 kg
voci di missili presenti su Wikipedia

Il missile antiaereo S-200, noto in codice NATO SA-5 Gammon, è un missile a lunghissima gittata per la difesa strategica, apparso negli anni sessanta.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un S-200 dove si notano i booster di accelerazione sulla parte posteriore dell'arma

Impiegato in vari Paesi del blocco comunista, esso ha una guida finale radar attiva ed è capace di operare da 200–300 km di distanza.

Utilizzi operativi[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 febbraio 2018 un cacciabombardiere F-16I dell'aviazione israeliana fu abbattuto da un missile S-200 sparato dai sistemi di difesa siriani. L'aereo cadde in territorio israeliano, il pilota e l'addetto ai sistemi d'arma del caccia riuscirono a lanciarsi con il paracadute prima dell'impatto con il suolo. Uno dei due subì ferite gravi ma si riprese qualche giorno dopo. Apparentemente un altro F-15 fu danneggiato e dovette fare ritorno alla base.[1]

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Ebbe il disonore di abbattere l'aereo passeggeri Tupolev Tu-154 della compagnia russa volo Siberia Airlines 1812, ora S7 Airlines, diretto a Novosibirsk durante un'esercitazione del Ministero della Difesa Dell'Ucraina il 4 ottobre 2001 vicino alla città russa Soči sul Mar Nero in Russia.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Syria shoots down Israeli warplane as conflict escalates, su BBC, 10 febbraio 2018.
  2. ^ (EN) After 9 Days, Ukraine Says Its Missile Hit A Russian Jet, su New York Times, 14 ottobre 2001.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]