S-300P

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: S-300.

S-300P
SA-10 Grumble
S-300F
SA-N-6 Grumble
Sa10 1.jpg
Un S-300P
Descrizione
Tipo Missile terra-aria ed anti-balistico
Impiego S-300P: terrestre
S-300F: imbarcato
Sistema di guida Radar semi-attiva con comando radio
Progettista Versione terrestre: NPO Almaz
Versione imbarcata: MNIIRE Altair
Costruttore Industria di Stato
Impostazione 1969
Primo lancio 1979
In servizio 1980
Utilizzatore principale Forze armate sovietiche
Altre varianti Terrestri:S-300P, S-300PT, S-300PT-1/1A, S-300PS, S-300PM, S-300PMU-1, S-300PMU-2
Imbarcate: S-300F, S-300FM
Peso e dimensioni
Peso 1.480 kg
Lunghezza 7 m
Diametro 0,45 m
Prestazioni
Gittata 45 km
Tangenza 30.000 m
Velocità massima 1.700 m/s
Motore 1 motore a razzo a propellente solido
Testata 70-100 kg a frammentazione
Esplosivo convenzionale
note Dati storici riferiti alla versione S-300 (base), e tecnici relativi alla versione S-300P.

[1]

voci di missili presenti su Wikipedia

L'S-300P è un missile terra-aria di sviluppo e fabbricazione sovietica conosciuto in Occidente con il nome in codice NATO di SA-10 Grumble. Entrato in servizio nei primi anni ottanta, è in grado di ingaggiare bersagli come missili balistici, missili da crociera ed aerei a bassa quota. Ne sono state realizzate diverse versioni, di cui anche una per impiego imbarcato nota come S-300F Rif (SA-N-6 Grumble in Occidente). Costruito in Russia, è ancora esportato in diversi Paesi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Sovietica iniziò a sviluppare un nuovo sistema missilistico antiaereo a lungo raggio nel 1969. Secondo le specifiche, si sarebbe dovuto trattare di un missile antiaereo “comune”, in grado di essere utilizzato sia dalla difesa aerea, sia dalla marina e con una gittata di circa 75 km. I lavori sul nuovo sistema furono affidati a B. V. Bunkin dello NPO Almaz (PVO e forze di terra) ed a V. A. Bukatov dello NPO Altair (marina militare), con la Fakel che avrebbe dovuto coordinare gli sforzi[2]. Il risultato fu un missile chiamato S-300: questo incorporava tutti gli ultimi ritrovati sovietici nel campo della difesa missilistica, e sarebbe stato in grado di ingaggiare con successo bersagli come missili balistici in arrivo, missili da crociera ed aerei in volo a bassa quota[3].

Inizialmente ne fu realizzata una versione sperimentale, nota con il nome di 5V55K. Nel 1980, il sistema entrò ufficialmente in servizio[3].

Le versioni realizzate a partire dall'S-300, in sostanza, furono due.

  • S-300P: nome in codice NATO SA-10 Grumble. La lettera P sta per PVO-Strany (sistema per la difesa aerea). Il missile era ottimizzato per l'utilizzo contro missili da crociera e velivoli a bassa quota.
  • S-300V: nome in codice NATO SA-12 Gladiator. La lettera V sta per Voyska (forze di terra). Il missile era ottimizzato per contrastare i missili balistici tattici[3].

La tecnologia utilizzata era comunque piuttosto simile[3].

Impiego terrestre[modifica | modifica wikitesto]

Due lanciatori S-300PM con radar.

Il missile SA-10 Grumble entrò in servizio nel 1980, e fu schierato alla difesa delle infrastrutture strategiche. Infatti, nel 1987 su 80 siti operativi (ai quali occorre aggiungerne un'altra ventina in costruzione), circa la metà era situata nei pressi di Mosca[3].

Nonostante il crollo dell'Unione Sovietica, con la relativa crisi che ne è seguita, negli anni novanta sono stati realizzati numerosi aggiornamenti. La ragione è stata probabilmente quella di sostenere il mercato delle esportazioni. Questo sistema d'arma è stato infatti esportato con successo in Asia, Europa e Medio Oriente. Inoltre, è prodotto su licenza in Cina con il nome di HQ-10 o HQ-15[3].

Le forze armate della Federazione Russa, comunque, nel 1996 hanno avviato il programma per sostituire questi sistemi con i più moderni SA-20 Gargoyle. Questo programma di riequipaggiamento è stato considerato dagli esperti uno di quelli di maggior successo nelle forze armate post-sovietiche[1].

Impiego imbarcato[modifica | modifica wikitesto]

Un S-300PS.

La variante per impiego navale fu immessa in servizio nel 1984. Questa ricevette il nome di S-300F Rif (F sta per Flota), ed utilizzava il missile 5V55RM. Il sistema, in sostanza, era estremamente simile alla versione terrestre, e differiva solo per pochi particolari nel tubo di lancio[2]. Conosciuta in Occidente con il nome in codice NATO di SA-N-6 Grumble, è stata schierata operativamente sugli incrociatori delle classi Kara, Slava e Kirov, e le corvette classe Stereguščij[4].

Dal 1990, è disponibile la nuova versione, ulteriormente perfezionata, S-300FM Rif-M, che è in grado di ingaggiare anche bersagli missilistici[2]. Questa è nota in Occidente con il nome in codice NATO di SA-N-20 Gargoyle.

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

Gli S-300P sono stati progettati per contrastare i velivoli a reazione in volo a bassa quota. Al contrario dei loro successori, non hanno la capacità di ingaggiare i missili balistici. Le caratteristiche tecniche delle singole versioni saranno viste nei paragrafi successivi. Si trattò comunque di una decisa innovazione nell'ambito della difesa aerea sovietica, visto che si trattava di sistemi mobili, affidabili e veloci da approntare, con un tempo di reazione minimo[2].

Inoltre, la loro produzione era piuttosto semplice, e la vita operativa era piuttosto lunga, visto che il missile veniva mantenuto permanentemente all'interno del cilindro di lancio.

La tecnica di lancio utilizzata prevedeva una sorta di catapulta in grado di “sparare” il missile fuori dal tubo. Una volta giunto alla quota di 20 metri, avveniva l'accensione del motore, un monostadio a propellente solido.

La testata era costituita da esplosivo convenzionale ad alto potenziale. Tuttavia, in linea teorica, era possibile montare anche una testata nucleare[1].

Gli S-300P erano in grado di operare in tutte le condizioni climatiche.

Dal punto di vista organizzativo, gli S-300P erano inquadrati in batterie, ognuna delle quali costituiva un complesso di lancio. Ogni batteria era composta da un posto comando e controllo, da un radar per acquisizione bersagli doppler, un radar multifunzione per l'ingaggio dei bersagli posto in una struttura corazzata, e da dodici piattaforme di lancio con quattro tubi l'una (48 missili totali). Questi erano movimentati mediante trattori KrAZ-260V (6 x 6). Solitamente, i lanciatori erano sistemati in strutture protette[1].

Le batterie erano organizzate in reggimenti. Ogni reggimento di S-300MPU era costituito da tre batterie, con l'aggiunta di un radar a lungo raggio per la sorveglianza e l'individuazione dei bersagli posto presso il comando reggimentale.

Versioni terrestri[modifica | modifica wikitesto]

La NATO identifica con la sigla SA-10 tre versioni di questo specifico missile.

Caratteristiche SA-10A Grumble A SA-10B Grumble B SA-10C Grumble C
Nome russo S-300P
S-300PT
S-300PS S-300PM
S-300PMU
Missili usati 5V55K 5V55R 5V55RUD
Lunghezza (m) 7 ca. 7 ca. 7,25
Diametro (mm) 450 450 ca. 508
Peso al lancio (kg) 1.480 1.664 1.804
Velocità di volo (m/s) 1.700 1.860 1.900
Gittata (km) 47 75 90
Quota (m) 30.000 ca. 25-25.000 ca. 25-25.000 ca.

Inizialmente, erano considerati SA-10 anche gli S-300PMU-1 e S-300PMU-2 (rispettivamente SA-10D Grumble D e SA-10E Grumble E secondo la codifica NATO). Successivamente, tuttavia, questi missili sono stati considerati con il nome di SA-20 Gargoyle[5].

Versioni imbarcate[modifica | modifica wikitesto]

La versione imbarcata dell'SA-10 è nota in Occidente con il nome in codice NATO di SA-N-6 Grumble. Complessivamente, si tratta di due missili: S-300F ed S-300FM[2].

I pozzi di lancio verticali per S-300F (SA-N-6) sull'incrociatore Maršal Ustinov.
Caratteristiche S-300F S-300FM
Missili usati 5V55RM 48N6
Lunghezza (m) 7,25 7,5
Diametro (mm) 0,5 ca. 0,52
Peso al lancio (kg) 1.500 ca. 1.480
Velocità di volo (km/h) 6.120 7.560
Gittata (km) 90 90
Quota (m) 25-25.000 25-25.000

I due sistemi si differenziano essenzialmente per la capacità che ha l'S-300FM di ingaggiare bersagli missilistici balistici. Ulteriori differenze riguardano anche la strumentazione ed i sistemi radar impiegati. Infatti, entrambi utilizzano tre radar: i due comuni sono quelli per l'acquisizione dei bersagli (MR-750 Top Steer con portata di 300 km e Top Pair da 200 km), mentre variano quelli per il tracciamento dei bersagli (un 3R41 Volna Top Dome da 100 km per l'S-300F ed un Tomb Stone Mod per l'S-300FM)[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d globalsecurity.org.
  2. ^ a b c d e f astronautix.com.
  3. ^ a b c d e f missilethreat.com.
  4. ^ warfare.ru.
  5. ^ S-300 Series.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]