3M-25A Meteorit-A

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
3M-25A Meteorit-A
AS-19 Koala
Descrizione
TipoMissile da crociera supersonico
ImpiegoAviolancio
Sistema di guidaInerziale con sistema di correzione radar
ProgettistaOKB-52 di Vladimir Nikolaevič Čelomej
CostruttoreIndustria di Stato
Impostazionegennaio 1979
Primo lancio11 gennaio 1984
In servizioProgramma cancellato alla fine degli anni ottanta.
Utilizzatore principaleSovetskie Voenno-vozdušnye sily
Altre variantiSS-N-24 Scorpion
Peso e dimensioni
Peso6.300 kg
Lunghezza12,8 m
Larghezza5,1 m
Diametro0,9 m
Prestazioni
VettoriTupolev Tu-95, Tupolev Tu-160
Gittata3-5.000 km
Tangenza22-24.000 m
Velocità3.000 km/h
Motore1 x turbogetto o razzo/statoreattore
Testata1 x 1.000 kg
EsplosivoNucleare

[1]

voci di missili presenti su Wikipedia

Il 3M-25A Meteorit-A (nome in codice NATO: SS-19 Koala, o SS-X-19 Koala) è un missile da crociera supersonico sovietico. Sviluppato nel Paese socialista a partire dalla fine degli anni settanta come variante aviolanciata del missile antinave P-750 (SS-N-24 Scorpion per la NATO), non entrò mai in servizio, ed il relativo programma fu cancellato alla fine degli anni ottanta.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'OKB-52 di Vladimir Nikolaevič Čelomej iniziò a lavorare ad una versione aviolanciata dell'SS-N-24 Meteorit nel gennaio 1979. Per effettuare le prove di volo del nuovo missile, presso lo stabilimento aereo di Taganrog fu appositamente allestita una versione modificata del Tupolev Tu-95, chiamata Tu-95MA, che avrebbe dovuto trasportare due missili in altrettanti piloni posti sotto le ali.[1]

Complessivamente, furono effettuati 70 lanci: 50 da basi terrestri o sottomarini e 20 dal Tu-95MA.[2]

Il primo lancio dall'aereo venne effettuato l'11 gennaio 1984, e si concluse in un insuccesso: infatti fu necessario procedere all'autodistruzione del missile. Il test successivo, il 24 maggio, ebbe lo stesso esito.[1]

Successivamente, furono effettuati altri voli di prova, anche su lunghe distanze: il risultato fu essenzialmente la conferma della fattibilità tecnica di un sistema d'arma di questo tipo.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante i buoni risultati ottenuti, il programma venne cancellato nei tardi anni ottanta. In quel periodo, infatti, si decise di utilizzare per i bombardieri strategici della VVS esclusivamente l'AS-15 Kent (Kh-55), realizzato dalla Raduga. questo era già stato immesso in servizio nel 1983.[1]

Il missile, comunque, ricevette dall'intelligence occidentale la codifica NATO di AS-X-19 Koala. Il Meteorit, comunque, era noto in Occidente anche con la designazione di BL-10, dal nome del poligono di Barnaul, dov'erano avvenuti i test.[3]

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'AS-19 era un missile da crociera con una velocità nell'ordine dei 3.000 km/h ed un'autonomia massima di circa 3/5.000 km. La lunghezza complessiva era di 12,8 m, l'apertura alare di 5,1 ed il diametro di 0,9. Il peso al lancio raggiungeva i 6.300 kg, con una tangenza massima operativa compresa tra i 22.000 ed i 24.000 m.

L'impianto propulsivo era costituito da un razzo a propellente solido per la fase di partenza ed uno statoreattore per quella di crociera.

Il carico bellico avrebbe dovuto essere costituito da due testate nucleari da 200 chilotoni l'una,[3] per un peso complessivo di 1.000 kg.[1] Queste potevano essere guidate in modo indipendente contro due distinti obiettivi ad un centinaio di chilometri di distanza.[3]

Il sistema di guida era di tipo inerziale con correzioni radar.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f testpilot.ru.
  2. ^ Il numero si riferisce al totale dei lanci del programma "Meteorite", quindi include anche quelli dell'SS-N-24.
  3. ^ a b c globalsecurity.org.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]