Porto Viro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porto Viro
comune
Porto Viro – Stemma Porto Viro – Bandiera
Porto Viro – Veduta
Il palazzo municipale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Rovigo-Stemma.png Rovigo
Amministrazione
Sindaco Maura Veronese (Lista Civica)
Data di istituzione 1º gennaio 1995
Territorio
Coordinate 45°01′N 12°13′E / 45.016667°N 12.216667°E45.016667; 12.216667 (Porto Viro)Coordinate: 45°01′N 12°13′E / 45.016667°N 12.216667°E45.016667; 12.216667 (Porto Viro)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 133,77 km²
Abitanti 14 494[1] (31-12-2015)
Densità 108,35 ab./km²
Frazioni Ca' Cappellino, Ca' Cappello, Porto Levante, Villaregia (vedi sezione)
Comuni confinanti Loreo, Porto Tolle, Rosolina, Taglio di Po
Altre informazioni
Cod. postale 45014
Prefisso 0426
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 029052
Cod. catastale G926
Targa RO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti portoviresi
Patrono santa Maria Madre della Chiesa
Giorno festivo 11 ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Porto Viro
Porto Viro
Porto Viro – Mappa
Posizione del comune di Porto Viro nella provincia di Rovigo
Sito istituzionale

Porto Viro (Porto Viro in veneto[2]) è un comune italiano di 14 494 abitanti[1] della provincia di Rovigo in Veneto, situato a 35 chilometri ad est del capoluogo.

Il comune fu istituito per la prima volta durante il regime fascista nel 1928, con il nome di Taglio di Porto Viro, e sciolto nel 1937. Il 1º gennaio 1995 il comune è stato ricostituito, in seguito a referendum, accorpando i comuni di Donada e Contarina.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Porto Viro si trova nel delta del fiume Po e si trova racchiuso tra il ramo principale del Po di Venezia, il Po di Maistra, un ramo del Po di Levante e il Mare Adriatico.

Il territorio del comune si trova in parte sotto il livello del mare e include diverse spiagge e molta campagna, fertile per la sua natura alluvionale, valli palustri, lagune e formazioni chiamate scanni (isolotti sabbiosi che si creano per deposito dei detriti del fiume).

Il comune fa parte della zona climatica E.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune, nato ufficialmente solo nel 1995, prende il nome dal luogo in cui venne realizzato il taglio del Po, alla foce del Gaurus, uno dei numerosi canali che si sviluppavano nella zona.

Il primo insediamento dei Veneti viene fatto risalire al 1000 a.C. Sotto il controllo di Adria ne seguì tutte le vicissitudini, passando per il controllo degli etruschi, dei greci e dei romani che qui fecero passare la Via Popilia-Annia. Nel periodo romano divenne un insediamento sempre più importante infatti possedeva una piccola fortezza e un porto all'epoca prese il nome di Septem maria.[senza fonte]

Durante l'epoca medievale, sempre sotto il controllo del Vescovo di Adria, con il nome di Ostium Carbonaire, la zona subì uno sconvolgimento per la rottura degli argini del Po. In questo periodo la Repubblica di Venezia guadagnò il controllo della zona e la pose sotto il controllo del castello di Loreo. Qui i due nobili veneti Donà e Contarini costruirono le loro ville intorno alle quali si svilupparono i borghi di Contarina e Donada.

All'inizio del Seicento cominciarono i lavori che la Serenissima Repubblica realizzò per evitare l'interramento della laguna di Venezia; i due centri conobbero una notevole crescita che portò il Vescovo di Chioggia a renderli autonomi da Loreo: Contarina nel 1665, Donada nel 1680.

L'arrivo degli Asburgo portò anche la bonifica e la costruzione di quelle fornaci che ancora caratterizzano il territorio del basso polesine.

Nel 1928 le due cittadine vennero unificate per iniziativa dell'ammiraglio Luigi Arcangeli e il loro sviluppo prese nuova energia tanto che nel 1937, probabilmente sotto la spinta di Adria, che ne cominciava a temere l'importanza, per Regio Decreto vennero nuovamente divise.

L'ultima tragedia che colpì il comune di Porto Viro fu la tremenda alluvione che nel 1951 sommerse il Polesine per la rottura degli argini del fiume Po. L'alluvione causò una massiccia emigrazione. In quegli stessi anni, inoltre, la campagna di estrazione del metano provocò un abbassamento del suolo tale da compromettere la sicurezza idraulica della zona, tanto che l'estrazione stessa venne fermata.

Con decreto del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, datato al 12 novembre 2001, Porto Viro si può fregiare del titolo di città[3] in virtù dell'importanza storica e civica.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

« Partito: nel PRIMO, di verde, alla banda ondata di azzurro, fluttuosa di argento; nel SECONDO, di rosso, al leone d'oro, allumato di rosso, linguato dello stesso, sormontato dalle lettere maiuscole C e D ordinate in fascia, d'oro. Ornamenti esteriori da Città »
(Descrizione araldica dello stemma)
« Drappo giallo, riccamente ornato di ricami d'oro e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in oro: "Città di Porto Viro". Le parti di metallo ed i cordoni saranno dorati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto giallo, con bullette dorate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d'oro »
(Descrizione araldica del gonfalone)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4][5]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Con la legge regionale n. 36 dell'8 settembre 1997, la Regione del Veneto ha istituito il Parco Regionale Veneto del Delta del Po, un ambiente unico, dove la vita del fiume si presenta nel pieno del suo splendore: la flora e la fauna delle valli da pesca e delle rive rimangono intatte. Porto Viro ne rappresenta il maggiore centro abitato.

Particolarmente caratteristico lo Scanno Cavallari, isolotto alluvionale situato di fronte a Porto Levante, conserva un ambiente naturale e incontaminato (accesso in battello € 5), mentre un tempo ospitava poderi, abitazioni e fabbricati rurali, il tutto abbandonato sessant'anni fa a seguito dell'abbassamento del suolo e conseguente parziale sommersione[6].

Volta Grimana[modifica | modifica wikitesto]

In questa località del comune, è sita una conca di navigazione sul sistema di navigazione fluviale Fissero-Tartaro-Canalbianco, chiamato anche Collettore Padano, posta sul delta del fiume Po e quindi vicino al mare Adriatico. Il luogo è noto perché vi sorge l'oasi naturalistica di 10 km² denominata appunto "Oasi di Volta Grimana", inserita nell'ambito del parco naturalistico del delta del fiume Po[7].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio fa parte della diocesi di Chioggia, sede della Chiesa cattolica suffraganea del patriarcato di Venezia appartenente alla regione ecclesiastica Triveneto. I principali luoghi di culto sono:

  • la chiesa di Santa Maria Madre della Chiesa - loc. Scalon (patrono di Porto Viro);
  • la chiesa di San Bartolomeo apostolo - loc. Contarina;
  • la chiesa della Visitazione di Maria - loc. Donada;
  • la chiesa di San Pio X - loc. Taglio di Donada.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Sala Eracle, il teatro più importante della città, luogo di incontri, conferenze e rappresentazioni scolastiche;
  • Villa Contarini-Carrer, il più antico palazzo di Porto Viro, costruito nel XVII secolo dalla nobile famiglia dei Contarini;
  • Museo della Corte di Ca' Cappello;
  • Museo delle api;
  • Monumento ai caduti della seconda guerra mondiale realizzato con frammenti di bombe di quel periodo. Raffigura un soldato che protegge un bambino. Esiste inoltre un altro monumento per i caduti in mare.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo statuto, il comune riconosce come tali cinque frazioni (capoluogo incluso), ma si precisa che alcune di esse comprendono più località distinte:

  • Porto Viro: Contarina, Donada, Fornaci, Murazze, Portesin, Scalon, Taglio di Donada (quartieri); Ca' Giustinian, Ca' Pesara, Mea (località);
  • Ca' Cappellino: Veniera;
  • Villaregia: Ca' Cornera, Ca' Pisani, Scanarello;
  • Porto Levante;
  • Ca' Cappello.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo comunale in Piazza della Repubblica.
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1995 1999 Giovanni Franchi centrosinistra Sindaco
1999 2004 Doriano Mancin centrodestra Sindaco
2004 2009 Doriano Mancin centrodestra Sindaco
2009 2014 Geremia Giuseppe Gennari centrodestra Sindaco
2014 2016 Thomas Giacon lista civica di centrosinistra La tua Porto Viro Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personalità legate alla città[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, UTET, 2006.
  3. ^ Fonte dal sito Araldica Civica
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ fino al 2001 ed esclusi 1931 e 1936, il dato è la somma degli abitanti dei comuni di Contarina e Donada.
  6. ^ http://www.provincia.rovigo.it/cultura
  7. ^ l'oasi è illustrata sul sito del comune di Porto Viro (RO) all'indirizzo www.comune.portoviro.ro.it/images/sito/turismo/oasi_grimana.pdf, consultato nel settembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gustavo Cristi. Storia del Comune di Ariano Polesine Padova, 1934, ristampa Ariano nel Polesine 2008; contiene riferimenti anche a Porto Viro;
  • Aldo Tumiatti. Il Taglio di Porto Viro. Aspetti politico-diplomatici e territoriali di un intervento idraulico nel delta del Po (1598-1648) - Taglio di Po, 2005.
  • Autori vari. Guida Turistico Stradale del Parco Regionale Veneto del Delta del Po - Lugo (RA), 2006.
  • Autori vari. Enciclopedia del Polesine. Il Basso Polesine: Atlante polesano del Delta del Po - Rovigo, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN248762269 · GND: (DE7591767-1
Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di veneto