Ceneselli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ceneselli
comune
Ceneselli – Stemma Ceneselli – Bandiera
Ceneselli – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Rovigo-Stemma.png Rovigo
Amministrazione
SindacoAngela Gazzi (lista civica Cenesellinsieme) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°01′N 11°22′E / 45.016667°N 11.366667°E45.016667; 11.366667 (Ceneselli)Coordinate: 45°01′N 11°22′E / 45.016667°N 11.366667°E45.016667; 11.366667 (Ceneselli)
Altitudine13 m s.l.m.
Superficie28,62 km²
Abitanti1 612[2] (31-12-2018)
Densità56,32 ab./km²
Frazioninessuna Località: Branzetta, la Gatta, Granarone[1]
Comuni confinantiCalto, Castelmassa, Castelnovo Bariano, Giacciano con Baruchella, Salara, Trecenta
Altre informazioni
Cod. postale45030
Prefisso0425
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT029014
Cod. catastaleC461
TargaRO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanticenesellesi
PatronoSanta Maria Annunziata
Giorno festivo25 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ceneselli
Ceneselli
Ceneselli – Mappa
Posizione del comune di Ceneselli nella provincia di Rovigo
Sito istituzionale

Ceneselli (Ceneseli in dialetto ferrarese) è un comune italiano di 1 612 abitanti della provincia di Rovigo in Veneto, situato ad ovest del capoluogo.

Ceneselli è uno dei paesi del Polesine in cui si parla un dialetto affine a quello di Ferrara, perché venutosi a trovare in territori estensi, ne ha sentito una forte influenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1893 nasce l'organizzazione del Partito Socialista Italiano (PSI) a Ceneselli. Il padre del socialismo rodigino fu Nicola Badaloni con la collaborazione di Gino Piva. L'entusiasmo politico e sindacale di Gino Piva fu così contagioso che il primo sciopero del 1894 rimase memorabile tra i braccianti del Polesine da essere ricordato in un canto popolare del tempo:

Evviva Gino Piva / che col suo bel parlare / tutta la provincia / ha fatto ribellare.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale dell'annunciazione di Maria Santissima[modifica | modifica wikitesto]

La struttura attualmente presente risale alla seconda metà del 1700; di elevato interesse storico è la statua di Maria Santissima, probabilmente di scuola ferrarese. Su questa statua si narra una leggenda sul suo ritrovamento miracoloso in un canale presente nella parrocchia di Ceneselli, e per ricordare tale avvenimento ogni 3 anni si effettua una funzione religiosa (con processione fino al luogo di presunto ritrovamento) molto sentita nella parrocchia polesana.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaco[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito, i Sindaci di Ceneselli dal 1980 in poi. Le ultime elezioni amministrative si sono svolte il 26 maggio 2019 e hanno visto affermasi come Sindaco l'avvocato Angela Gazzi, con la lista civica "Cenesellinsieme".

Dal Al Sindaco Partito
1950 1975 Gino Mantovani Partito Comunista Italiano
1975 1984 Roberto Andreasi Democrazia Cristiana
1984 1995 Giorgio Miatto Democrazia Cristiana
1995 2004 Mario Pinotti centro-sinistra
2004 2019 Marco Trombini lista civica "Uniti per Ceneselli"
2019 - Angela Gazzi lista civica "Cenesellinsieme"

Assessori (in carica dal 2019)[modifica | modifica wikitesto]

  • Sabrina Andreasi (Cenesellinsieme), Vicesindaco
  • Alberto Trombini (Cenesellinsieme)

Consiglieri (in carica dal 2019)[modifica | modifica wikitesto]

  • Sara Faccioli (Cenesellinsieme)
  • Mauro Bimbatti (Cenesellinsieme)
  • Mauro Sproccati (Cenesellinsieme)
  • Matteo Burizzi (Cenesellinsieme)
  • Renato Cavicchioli (Cenesellinsieme)
  • Chiara Sproccati (Noi per Ceneselli)
  • Roberta Evangelisti (Noi per Ceneselli)
  • Chiara Menabò (Noi per Ceneselli)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Ceneselli - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2018.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]