One Piece: Trappola mortale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
One Piece: Trappola mortale
OP Deddo endo.png
Titolo originale
Titolo originaleONE PIECE THE MOVIE デッドエンドの冒険
Wan Pīsu Za Mūbī: Deddo Endo no bōken
Lingua originalegiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno2003
Durata95 min
Rapporto1,78:1
Genereanimazione, azione, avventura, commedia, fantastico
RegiaKōnosuke Uda
SceneggiaturaYoshiyuki Suga
ProduttoreYūsuke Okada, Tsutomu Tomari, Hideki Yamashita, Chihiro Kameyama, Masaki Miyauchi, Satoshi Higashi
Casa di produzioneToei Animation
Distribuzione (Italia)Mediaset
FotografiaTakumi Wakao
MontaggioShinichi Fukumitsu
MusicheKōhei Tanaka, Shirō Hamaguchi
Art directorTakashi Yoshiike
Character designNoboru Koizumi
AnimatoriNoboru Koizumi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

One Piece: Trappola mortale (ONE PIECE THE MOVIE デッドエンドの冒険 Wan Pīsu Za Mūbī: Deddo Endo no bōken?) è un film del 2003 diretto da Kōnosuke Uda. È il quarto film anime basato sulla serie manga shōnen One Piece di Eiichirō Oda, e il primo realizzato in forma di lungometraggio e distribuito indipendentemente dall'evento Toei Anime Fair. Uscì in Giappone il 3 marzo 2003. Shūeisha ne creò un adattamento in anime comic, pubblicato in due volumi il 3 ottobre.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In una misteriosa locanda la ciurma di Cappello di Paglia, a corto di soldi, nota lo strano comportamento del barista che fa entrare alcuni clienti grazie ad una sorta di parola d'ordine. Riescono ad entrare anche loro e si ritrovano con migliaia di pirati che stanno organizzando una gara segreta il cui obiettivo è raggiungere per primi la misteriosa isola Partia, segnata sull'Eternal Pose consegnato dall'allibratore ai concorrenti. La ciurma decide di partecipare nonostante la presenza nella gara del favorito, il temuto generale Gaspardi, un ex affiliato della Marina, ora pirata con una taglia da 95 milioni di berry. Durante una rissa Gaspardi nota l'abilità di Rufy e di un misterioso cacciatore di taglie di nome Shraiya, così, offre loro di entrare nella sua ciurma, ma solo Shraiya accetta.

Inizia la gara, ma Zoro scopre un clandestino a bordo: si tratta di un mozzo della nave a vapore di Gaspardi che, per salvare il nonno malato, ha accettato l'ordine di Gaspardi di uccidere un pirata qualsiasi. Allora Rufy promette al ragazzino di salvare suo nonno che si trova ancora sulla nave di Gaspardi, a guardia della caldaia.

Dopo una serie di scontri e peripezie i protagonisti arrivano sani e salvi alla meta indicata dall'Eternal Pose e scoprono che, in realtà, si tratta della temuta fortezza Navarone, presieduta dalla Marina. Riescono a sfuggire alla trappola e, così, scoprono che è stato Gaspardi a tradire tutti i pirati diffondendo falsi Eternal Pose in combutta con l'allibratore. Allora Rufy decide di andare a caccia del traditore e di salvare, così, il nonno del ragazzino.

Intanto, sulla nave di Gaspardi, Shraiya ha intenzione di sabotare la caldaia, ma il nonno del ragazzino glielo impedisce ed i due fanno amicizia. Shraiya vuole vendicarsi di Gaspardi perché l'ex-marine ha raso al suolo la sua città ed ha ucciso i suoi genitori e la sua sorellina.

Gaspardi ha sentito il colloquio, così Shraiya inizia a lottare contro il vice di Gaspardi e lo sconfigge. Poi cerca di uccidere anche il generale, ma scopre che è fatto di gelatina perché ha mangiato il frutto del diavolo Ame Ame; ferito ancora per lo scontro di prima, viene salvato da morte certa da Rufy ed i suoi compagni. Rufy sostituisce così Shraiya nello scontro con Gaspardi, ma, inizialmente, sembra avere la peggio finché Sanji ha l'intuizione di cospargerlo di farina. La farina, infatti, attenua il potere della gelatina e Gaspardi viene lanciato nel cielo. A bordo della Going Merry si ricongiungono Shraiya e il ragazzino, che si scopre in realtà essere la sorella scomparsa di Shraiya.

Personaggi esclusivi del film[modifica | modifica wikitesto]

Tasso[modifica | modifica wikitesto]

Tasso (アナグマ Anaguma?) è una bambina ed è l'assistente di Biera (il quale lo chiama "nonno") sulla nave del Generale Gaspardi.

All'inizio il suo modo di parlare ed il suo abbigliamento fanno credere che si tratti di un ragazzino. Quando entrò a fare parte della ciurma di Gaspardi quest'ultimo fece un patto con lei: se avesse ucciso un pirata sarebbe stata considerata parte della ciurma e, di conseguenza, avrebbe potuto aiutare Biera. Cercando un pirata da battere si imbatte in Zoro, il quale era rimasto sulla Going Merry; dopo avere spiegato l'accaduto Rufy ed i suoi partono per salvare suo nonno. Arrivati alla nave di Gaspardi Biera dice di portare Tasso con sé in quanto ha sovraccaricato la caldaia e la nave sta per esplodere.

Dopo la sconfitta della ciurma di Gaspardi Biera rivela a Shraiya che, otto anni prima, aveva soccorso una bambina di cui ricordava solo il nome; quest'ultima si chiamava Adele, la sorella che credeva fosse morta tempo addietro che non è altri che Tasso. Infine lei e Shraiya decidono di restare insieme per sempre.

Shraiya Bascudo[modifica | modifica wikitesto]

Shraiya Bascudo (シュライヤ・バスクード Shuraiya Basukuudo?) è un cacciatore di taglie alla ricerca di Gaspardi per vendicare la morte dei suoi genitori e di sua sorella.

È un agile combattente; non ha un'arma vera e propria durante i combattimenti, ma riesce a girare i punti deboli del nemico a suo vantaggio riuscendo a sconfiggerli facilmente. Sul volto ha tatuato uno strano simbolo ed indossa sempre un cappello nero. Quando Gaspardi lo nota gli chiede subito se vuole fare parte della sua ciurma ed egli accetta subito. Dopo avere combattuto ed avere ucciso Needless cerca di compiere la sua vendetta contro Gaspardi, ma quest'ultimo riesce a sconfiggerlo facilmente.

In seguito scopre da Biera che sua sorella Adele è viva e che ha vissuto per otto anni con il nome Tasso. I due si riuniscono e decidono di ricominciare una nuova vita insieme.

Biera[modifica | modifica wikitesto]

Biera (ビエラ?) è l'assistente delle caldaie della ciurma di Gaspardi ed il "nonno" di Tasso.

Tiene molto a lei, tanto da spingerla a lasciare la nave per salvarsi, senza tenere conto della sua incolumità. Mentre Rufy combatte Gaspardi Biera sovraccarica la caldaia in modo da fare esplodere la nave insieme a tutto l'equipaggio.

Dopo essersi salvato grazie a dei salvagenti sparsi per tutto il corpo aiuta Rufy e Shraiya e informa quest'ultimo che salvò una bambina di cui ricordava solo il nome, Adele Bascudo, la sorella di Shraiya, che credeva fosse morta dopo la distruzione della loro città natale per mano di Gaspardi e dei suoi uomini. Decide di lasciare andare Tasso con lui per fare sì che vivano felici insieme.

Gaspardi[modifica | modifica wikitesto]

Gaspardi (ガスパーデ Gasupāde?), l'antagonista principale del film, è il capitano della ciurma di Gaspardi (ガスパーデ海賊 Gasupāde kaizoku-dan?).

È un ex-marine che, lasciata la Marina, decise di diventare un pirata. Sulla sua testa ha una taglia di ben berry 95.000.000. Possiede una enorme nave chiamata Salamandra (サラマンダー号 Saramandā-gō?); essa ha la polena a forma di muso di drago, è tutta rivestita d'oro e, sulla vela maestra, è disegnato il simbolo della Marina con una grossa X e con essa si sposta insieme alla sua ciurma. Ha mangiato il frutto del diavolo Ame Ame (アメアメの実 Ame Ame no Mi?), della categoria Rogia, con il quale può trasformare il suo corpo in sciroppo di zucchero, così da potere evitare gli attacchi nemici. È di corporatura enorme e, pur essendo un pirata, indossa la tipica giacca da ammiraglio, ma sul simbolo della Marina è incisa una grossa X che sta a significare che non fa più parte di quell'organizzazione. Sembra conoscere Shanks dato che Rufy gli fa presente che il suo cappello è un regalo da parte sua. Si sfida con Rufy quando quest'ultimo accorre in aiuto di Shraiya e Biera; qui lo provoca rovinandogli in parte il cappello a cui il ragazzo tiene molto. Durante il combattimento Sanji porta un sacco di farina, punto debole del frutto di Gaspardi, in modo da permettere a Rufy di colpirlo.

Gaspardi tenta un ultimo attacco cercando di infilzarlo con il suo corpo, con cui aveva formato degli enormi spuntoni, ma Rufy lo sconfigge grazie al Gom Gom Bazooka e lo fa volare via. Non si sa se dopo il combattimento sia sopravvissuto o meno.

Needless[modifica | modifica wikitesto]

Needless (ネエドレス Nidorusu?) è un membro della ciurma di Gaspardi, nonché il suo braccio destro e vice-capitano.

Ha sulla testa una taglia di berry 57.000.000 [3]. È molto alto e muscoloso ed ha degli strani simboli tatuati sulla faccia che sembrano raffigurare due lunghe spade incrociate. Come arma, utilizza un guanto con attaccati tre enormi artigli estendibili che, combinati alla sua velocità, diventano un'arma formidabile. Esegue sempre gli ordini del suo capitano, specialmente se si tratta di uccidere qualcuno; unico particolare è che non gli è permesso combattere sulla loro nave in quanto potrebbe danneggiarla per la troppa violenza che lui usa. Quando Shraiya spiega di volere uccidere Gaspardi per vendetta i due si sfidano sulla nave di Gaspardi, ma senza tenere conto che non sarebbe possibile dato che Gaspardi non glielo permetterebbe.

Viene sconfitto dopo un lungo combattimento da Shraiya, il quale gli rompe un braccio e lo butta in mare, probabilmente uccidendolo.

Bigalo[modifica | modifica wikitesto]

Bigalo (ビガロー Bigarō?), detto anche "lo strangolatore", è un pirata che decide di partecipare alla sfida proposta dal generale Gaspardi. Sulla sua testa pende una taglia di berry 14.900.000 [3].

Viene incontrato la prima volta da Rufy e gli dice che la sua nave è piccola. È il capitano di una cospicua ciurma di uomini che trasporta su una grossa nave. Quest'ultima è diversa dalle altre: ha due polene a forma di teschi dai quali fuoriesce un codino nero ed il Jolly Roger è un classico teschio con le ossa incrociate sul quale, però, è disegnato un occhio nero simile al Sole (in quanto Bigalo ha lo stesso tatuaggio sull'occhio destro). Cerca di superare la ciurma di Rufy e i suoi compagni, ma finisce con il fare una pessima figura; prima perché Zoro e Sanji sconfiggono senza problemi molti dei suoi uomini e, poi, perché viene sbattuto violentemente in mare da un mostro marino facendolo disperdere in mare.

Willy[modifica | modifica wikitesto]

Willy (ウィリー Wirī?) è un uomo-pesce di tipo orca che partecipa alla sfida lanciata da Gaspardi. Sulla sua testa pende una taglia di berry 20.000.000 [3].

È capitano di una ciurma di uomini-pesce e vecchio rivale di Arlong. Combatte utilizzando una stella del mattino. La sua nave è molto grossa e, come polena, ha un'enorme trivella con la quale distrugge le navi nemiche. Viene visto combattere con la ciurma di Gaspardi contro la quale, però, non si sa se perde o vince, anche se si deduce che perda contro quest'ultimo poiché Gaspardi arriva alla finale del torneo combattendo contro Rufy.

Bobby & Pogo[modifica | modifica wikitesto]

Bobby (ボビー Bobī?) e Pogo (ポゴ?) Sono due giganti pirati che partecipano alla sfida lanciata da Gaspardi.

Li si vede mentre raggiungono una curva nella corsia d'acqua dove aumentano la velocità del loro mezzo e saltano alla corsia successiva. Sfortunatamente, però, cadono e si schiantano su alcuni edifici.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Per la trasmissione su Italia 1, il film è stato diviso in parti di circa 20 minuti; di queste, le prime tre parti furono trasmesse nel 2005, mentre il resto non venne mai mostrato fino al febbraio 2009 quando è stato ritrasmesso l'intero film. L'adattamento italiano presenta una particolarità: in certi dialoghi, l'unità monetaria utilizzata nel film è il berry, come in originale, ed è l'unico film finora trasmesso che la utilizza, diversamente dai danari come negli altri film e nell'adattamento italiano della serie fino all'episodio 312.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

In Giappone il film è uscito in DVD il 21 luglio 2003 e in Blu-ray Disc l'11 dicembre 2009. In Italia è uscito in DVD e BD il 15 dicembre 2017 nel cofanetto One Piece Film Collection, distribuito da Koch Media.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) 劇場版One Piece/デッドエンドの冒険 (上), Shueisha. URL consultato il 28 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2009).
  2. ^ (JA) 劇場版One Piece/デッドエンドの冒険 (下), Shueisha. URL consultato il 28 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2009).
  3. ^ a b c Come mostrato in un avviso di taglia nel nono film.
  4. ^ One Piece Film Collection, su kochmedia-film.it, Koch Media. URL consultato il 3 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]