Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Portuguese D. Ace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portuguese D. Ace
Portuguese D. Ace.png
Portuguese D. Ace
Universo One Piece
Nome orig. ポートガス・D・エース (Pōtogasu D. Ēsu)
Lingua orig. Giapponese
Soprannome Pugno di fuoco
Autore Eiichiro Oda
Editore Shūeisha
1ª app.
  • Manga: capitolo 154
  • Anime: episodio 91
Voci orig.
Voci italiane
Sesso Maschio
Luogo di nascita Baterilla[1]
Data di nascita 1º gennaio[2]
Affiliazione Pirati di Picche, ciurma di Barbabianca

Portuguese D. Ace (ポートガス・D・エース Pōtogasu D. Ēsu?)[3], è un personaggio del manga One Piece, scritto e disegnato da Eiichirō Oda, e delle sue opere derivate. Nella versione italiana dell'anime viene chiamato inizialmente solo Ace, ma, nell'episodio 410, il viceammiraglio Momonga lo menziona con il suo nome completo.

Ace è il figlio del Re dei pirati Gol D. Roger, ma alla morte del padre venne adottato come nipote da Monkey D. Garp e cresciuto da Curly Dadan insieme a Monkey D. Rufy. La forte amicizia che lega i due e Sabo, li spinge a considerarsi fratelli adottivi. Dopo aver lasciato il Villaggio Foosha tre anni prima di Rufy, fondò la ciurma dei pirati di Picche e in seguito divenne il comandante della seconda flotta dei pirati di Barbabianca. Catturato da Marshall D. Teach e consegnato alla Marina, Ace viene ucciso dall'ammiraglio Akainu durante la battaglia di Marineford per salvare il fratello Rufy. Ha ingerito il frutto del diavolo Foco Foco, che gli consente di produrre e manipolare le fiamme.

Nella classifica dei personaggi della serie più amati dal pubblico giapponese del 2008 è risultato quinto, rendendolo il primo personaggio della classifica non appartenente alla ciurma di Cappello di paglia[4]; mentre nel 2014 risulta essere il sesto[5].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Aspetto e personalità[modifica | modifica wikitesto]

Ace ha due tatuaggi: sulla schiena porta il simbolo di Barbabianca, una croce di ossa con al centro un teschio con dei grandi baffi bianchi, e sul braccio sinistro la scritta "ASCE" con la "S" con una croce sopra, che Sabo apponeva prima del suo nome quando firmava[6][7]. È gentile, ma anche molto sicuro di sé; mangia moltissimo e soffre di narcolessia. Ad ogni modo è più responsabile e fisicamente più muscoloso di Rufy. Ama conoscere gente nuova e fare amicizie e in duello vuole sempre dimostrare le sue capacità. Ha l'abitudine di mangiare a scrocco e di imbucarsi a feste e banchetti, per poi dileguarsi. Egli è inoltre molto legato ai suoi fratelli adottivi Rufy e Sabo. Odia suo padre Gol D. Roger per aver abbandonato lui e la madre, e considera Barbabianca il suo unico vero padre.

Prima di morire la taglia sulla sua testa ammontava a 550 milioni di Berry, come rivelato nel 2012 nel corso di One Piece Ten, un evento per celebrare i quindici anni di One Piece[8].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Ace ha mangiato il frutto del diavolo Foco Foco, che gli conferisce l'abilità di diventare fuoco puro; in questo modo, può generare vere e proprie fiammate di grande potenza d'attacco o anche a scopo difensivo. Possiede l'intangibilità tipica dei Rogia, ed è in grado di competere con il frutto Gelo Gelo di Aokiji, ma il magma, che secondo le parole di Akainu "brucia anche il fuoco", può danneggiarlo. La sua tecnica preferita, il Pugno di fuoco (火拳 Hiken?), è quella che gli ha dato il suo soprannome. Rufy, dopo la sua morte, sviluppa una tecnica chiamata Red Hawk (火拳小銃 Reddo Hōku?), che simula il Pugno di fuoco di Ace; inoltre i kanji con cui le due tecniche sono scritte sono gli stessi.

Anche prima che ingerisse il frutto del diavolo, per sua stessa ammissione, Rufy non è mai riuscito a sconfiggerlo. Dimostra di possedere forza e resistenza sovrumane reggendo uno scontro di cinque giorni contro Jinbe e subito dopo iniziando un duello con Barbabianca riuscendo sempre a rialzarsi. È stato in grado, come Jinbe e Crocodile, di passare il "battesimo" in acqua bollente a Impel Down senza battere ciglio, cosa che viene ritenuta impressionante. Ha inoltre mantenuto i sensi, anche se per poco tempo prima di morire, dopo essere stato trafitto al petto da un pugno di magma dall'ammiraglio Akainu. In passato è riuscito a usare l'Ambizione del re: tuttavia non è chiaro se sapesse controllarla[9].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ace, figlio di Gol D. Roger e Portuguese D. Rouge, nasce dopo una gestazione di venti mesi: la madre aveva prolungato infatti la gravidanza per nasconderlo dalla Marina; Rouge morirà subito dopo il parto. Ace viene adottato da Monkey D. Garp su richiesta di Roger, suo amico e rivale, e affidato a Curly Dadan. Cresce quindi sul Monte Corbo, nel regno di Goa, dove viene a sapere la vera identità di suo padre, la cui parentela è tenuta segreta a tutti. Ciò, unito al risentimento per aver abbandonato la madre incinta, porta Ace a sviluppare un'avversione per Roger e ad assumere il cognome della madre.

Sull'isola conosce Sabo, un bambino cresciuto nel Grey Terminal ma di nobili origini, con cui stringe amicizia. Successivamente viene affidato a Dadan anche Monkey D. Rufy, nipote naturale di Garp; dopo un periodo iniziale di indifferenza, Ace, Sabo e Rufy diventano inseparabili, tanto da scambiarsi delle tazzine di saké diventando così fratelli acquisiti, ed esprimendo il desiderio di diventare pirati una volta compiuti i diciassette anni. Dopo l'incendio del Grey Terminal da parte del pirata Bluejam, Sabo decide di prendere il mare subito rinunciando ai suoi titoli nobiliari, ma viene apparentemente ucciso dal Nobile mondiale Jalmack per avergli tagliato la strada con la sua imbarcazione. Ace promette quindi a Rufy che non sarebbe mai morto e l'avrebbe protetto per sempre. Una volta raggiunti i diciassette anni, Ace salpa diventando un pirata: in seguito ottiene il potere del frutto Foco Foco e fonda la sua prima ciurma: i pirati di Picche.

Diventato subito un pirata di fama mondiale, Ace rifiuta l'invito di unirsi alla Flotta dei Sette. Dopo aver rintracciato Shanks e averlo ringraziato per il salvataggio di Rufy in passato, decide di aumentare la sua fama prendendo la testa di Barbabianca, ma viene fermato da Jinbe dando vita ad uno scontro che dura cinque giorni e si conclude in parità. Immediatamente dopo si fa vivo Barbabianca stesso, che propone ad Ace di unirsi alla sua ciurma. Nonostante una iniziale reticenza, diventa presto uno dei suoi uomini migliori e ottiene il comando della seconda divisione della flotta. In seguito all'omicidio del capitano della quarta divisione Thatch per mano di Marshall D. Teach, Ace si lancia al suo insegumento, nonostante Barbabianca glielo sconsigli. Dopo aver visitato l'isola di Drum si dirige ad Alabasta, dove incontra Rufy e lo aiuta a fuggire da Smoker. Prima di lasciarlo gli consegna la sua Vivre Card. Dopo aver cercato informazioni alla base G2 della Marina[10], rintraccia Teach all'isola di Banaro, dove scopre che aveva ucciso Thatch per ottenere i poteri del frutto Dark Dark, in grado di annullare i poteri altrui: subito inizia a combattere con lui venendo però sconfitto, catturato e consegnato alla Marina.

Ace viene quindi rinchiuso nella prigione di Impel Down, dove Rufy tenta di salvarlo; prima di riuscirci, però, Ace viene condotto a Marineford, dove la Marina si era organizzata per affrontare Barbabianca, giunto in soccorso di Ace. Ace viene salvato da Rufy, giunto anch'egli a Marineford, ma durante la fuga Akainu li raggiunge e Ace si frappone tra l'ammiraglio e Rufy, venendo trafitto dal pugno di magma dell'avversario. Il suo corpo viene recuperato da Shanks che, giunto a Marineford per fermare la guerra, lo seppellisce assieme a quello di Barbabianca su di un'isola del Nuovo Mondo.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

A partire dalla sua introduzione nella storia, Portuguese D. Ace è sempre comparso nelle prime posizioni nei sondaggi di popolarità della rivista Weekly Shōnen Jump come uno dei personaggi più amati della serie. Nel 2002 è stato votato all'ottavo posto, nel 2006 al decimo, nel 2008 al quinto, come primo personaggio della classifica non appartenente alla ciurma di Cappello di paglia[4]; mentre nel 2014 è risultato essere il sesto[5]. A testimonianza della sua popolarità, nel 2017 è stato annunciato il progetto di un romanzo spin-off incentrato sul passato di Ace[11][12].

La morte del personaggio è stata votata da un gruppo di 10000 appassionati di anime come la più drammatica nel panorama dell'animazione giapponese[13]. Nel 2011 il parco divertimenti Universal Studios Japan ha realizzato un'installazione raffigurante le tombe di Ace e di Barbabianca[14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ One Piece, volume 56, capitolo 551
  2. ^ One Piece, SBS del volume 48, capitolo 460
  3. ^ La traslitterazione più corretta del nome è Portgas D. Ace, come mostrato sulla sua lapide in One Piece, volume 60, capitolo 590.
  4. ^ a b One Piece, risultati del sondaggio: volume 55
  5. ^ a b One Piece, risultati del sondaggio: volume 76
  6. ^ One Piece Green
  7. ^ One Piece, volume 60, capitolo 594
  8. ^ Oda rivela nuove taglie! - Memorie di One Piece (73), Komixjam.it, 17 aprile 2012. URL consultato il 9 aprile 2017.
  9. ^ One Piece, volume 60, capitolo 587
  10. ^ Miniavventure di One Piece
  11. ^ (EN) New One Piece Magazine to Serialize Novel About Ace, Anime News Network, 20 aprile 2017. URL consultato il 21 aprile 2017.
  12. ^ Carlo A. Montori, One Piece: annunciato uno spin-off su Portoguese D. Ace, Badcomics.it, 3 febbraio 2017. URL consultato il 9 aprile 2017.
  13. ^ (EN) Lynzee Loveridge, 10,000 Anime Fans Pick Which Character's Death Left the Biggest Impact, Anime News Network, 11 dicembre 2014. URL consultato il 9 aprile 2017.
  14. ^ (EN) Universal Studios Erects Monuments to Edward Newgate & Portgas D.Ace No.11 Large Images, Gunjap.net, 8 luglio 2011. URL consultato il 9 aprile 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga