L'incendiaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'incendiaria
Titolo originale Firestarter
Autore Stephen King
1ª ed. originale 1980
Genere romanzo
Sottogenere horror
Lingua originale inglese

L'incendiaria è un romanzo di Stephen King pubblicato nel 1980. Fu edito in episodi sulla rivista Omni prima di essere pubblicato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio principale, l'incendiaria, è Charlene "Charlie" McGee, una giovane bambina con capacità pirocinetiche - l'abilità di creare il fuoco e manipolarlo a suo piacimento con il potere della mente. Charlie è una mutante; deve i suoi poteri ai genitori, coinvolti inconsapevolmente in un esperimento governativo del composto 'Lot-six'. Anche il padre, Andy, ha facolta particolari, riesce a 'spingere' le persone ad agire secondo la sua volontà e ad influenzare le loro percezioni, ma le sue facoltà sono nulla se confrontate a quelle della figlia.

I McGee sono controllati dalla "Bottega", l'organizzazione federale nascosta dietro gli esperimenti. Gli sperimentatori della Bottega vorrebbero studiare e fare esperimenti su Charlie, essendo essa il risultato imprevisto dell'unione di due persone trattate con il Lot-six; a tal fine gli agenti della Bottega uccidono la madre di Charlie, e lei ed il padre corrono a New York in un disperato tentativo di fuggire. Trovano un rifugio temporaneo in un villino posseduto dal padre di Charlie sul lago nel nord dello Stato, ma vengono infine catturati da John Rainbird, un assassino nativo americano, e portati nei laboratori in Virginia.

Imprigionati, Charlie deve trovare un modo per riunirsi al padre, mentre impara a controllare i propri poteri. All'inizio è impaurita dalla prospettiva di usare i suoi poteri, uso che i genitori le avevano sempre proibito, ma pian piano viene convinta dagli inganni e le promesse di Rainbird. Essa ignora che La Bottega ha intenzione di ucciderla dopo aver completato la serie d'esperimenti.

Andy McGee alla fine riesce a sfruttare i suoi poteri per convincere un agente ad aiutare lui e la figlia a fuggire. I due si incontrano, ma prima di lasciare il complesso, Rainbird uccide Andy. Prima di morire, Andy dice a Charlie di "dare fuoco a tutto". Lei realizza i desideri del padre, sfogando la sua rabbia in un inferno di fiamme, incenerendo il laboratorio ed uccidendo Rainbird e molti altri.

Il libro termina con Charlie che offre la sua storia alla rivista Rolling Stone. Spera che rivelando la storia eviterà che La Bottega rapisca ed uccida ancora nel futuro.

Dedica[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è preceduto dalla seguente dedica: «In ricordo di Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce».

Riferimenti letterari[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è aperto da una breve citazione da Fahrenheit 451 di Ray Bradbury: «Bruciare era un piacere.»

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

L'incendiaria fu trasformata in film nel 1984, diretto da Mark L. Lester e con Drew Barrymore nel ruolo di Charlie, David Keith come Andy, e George C. Scott come Rainbird. Al film partecipano anche Heather Locklear e Martin Sheen. Il film è giunto in Italia con il nome di "Fenomeni paranormali incontrollabili".

Un film TV, L'incendiaria (Firestarter 2: Rekindled), è stato prodotto negli Stati Uniti nel 2002. Prevedeva Marguerite Moreau nel ruolo di una Charlie un po' cresciuta e Malcolm McDowell come Rainbird.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura