Juventus Training Center (Vinovo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Juventus Center)
Jump to navigation Jump to search
Juventus Training Center
Vinovo
Vinovo Media Center - panoramio.jpg
L'ingresso del Media and Sponsor Center
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Stupinigi, 182
10048 Vinovo (TO)
Inizio lavori2004[1]
Inaugurazione2006
CoperturaSulla tribuna del campo principale e, in forma ellittica, su uno dei campi utilizzati dalle squadre.
Costo23 300 000 [2]
Mat. del terrenoErba
Area totale162 900 [3]
ProprietarioJuventus Football Club S.p.A.
GestoreJuventus Football Club
ProgettoStudio GAU
Studio Shesa
Prog. strutturaleAlessandro Valenti
Uso e beneficiari
AllenamentoJuventus
(giovanili maschili, 2006-presente)
Juventus
(giovanili femminili, 2015-presente)
Juventus
(prima squadra femminile, 2018-presente)
Juventus U23
(2018-presente)
Juventus
(prima squadra maschile, 2006-2018)
CalcioJuventus
(giovanili maschili, 2006-presente)
Juventus
(giovanili femminili, 2015-presente)
Juventus
(prima squadra femminile, 2017-presente)
Capienza
Posti a sedere400
Mappa di localizzazione

Coordinate: 44°58′40″N 7°36′58″E / 44.977778°N 7.616111°E44.977778; 7.616111

Lo Juventus Training Center (/juˈvɛntus ˈtreɪnɪŋ ˈsɛn.tə/),[4] anche noto con l'acronimo JTC (/ˈdʒeɪːˈtiːˈsiː/),[4] è un complesso civile-sportivo di proprietà della società calcistica italiana Juventus Football Club.

Opera degli studi GAU e Shesa,[5] e inaugurato il 15 luglio 2006 come Juventus Center,[6] si divide principalmente tra l'area training, deputata all'attività fisica, e quella media and sponsor, riservata alle esigenze dei mass media.

Ritenuto tra i più moderni centri sportivi al mondo,[7] Vinovo — com'è colloquialmente noto per via del comune in cui sorge — ha ospitato gli allenamenti della prima squadra maschile della Juventus dal 2006 al 2018. Ospita oggi le partite[8] e gli allenamenti[9] della prima squadra femminile, e di tutto il settore giovanile bianconero sia maschile[10] sia femminile;[11] è inoltre sede di allenamento della seconda squadra maschile.[12] Occasionalmente è stato anche sede di ritiro della nazionale italiana.[13]

Il centro sportivo si trova in via Stupinigi n.182 a Vinovo, comune dell'hinterland torinese.[14]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Progettazione e costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 la Juventus faticava a trovare l'intesa con il Comune di Torino per l'acquisto dello stadio delle Alpi e dell'area circostante;[15] motivo per cui la società torinese pensò addirittura di lasciare la città, nel caso in cui la trattativa non fosse andata a buon fine.[16] Furono proposte tante soluzioni: una di queste consisteva nel costruire un nuovo stadio all'ippodromo di Vinovo,[16] che avrebbe fatto parte di un complesso risvervato alla Juventus,[16] oppure, in alternativa, erigere, semplicemente, un centro sportivo con campi d'allenamento, clinica medico-sportiva e centro commerciale.[17]

Nel febbraio 2001, dopo l'interruzione della trattativa d'acquisto dell'area Continassa[18] quale futuro campo per quegli allenamenti della prima squadra e settore giovanile fin lì svolti nel complesso Sisport di Orbassano,[19] la Juventus presentò ai consigli comunali di Nichelino e Vinovo la richiesta di concessione per l'usufrutto di una superficie di 167 500  sul terreno ove sorgeva l'ippodromo del galoppo, sito fra i citati comuni nell'area compresa tra la via Debouché (Comune di Nichelino) a ovest, la via Scarrone (Comune di Nichelino) a nord e la S.P. 143 (Comune di Vinovo) a sud[20] — a 14 km del centro della città di Torino — con la finalità di dotare la società di un patrimonio immobiliare moderno che permettesse lo svolgimento dell'attività sportiva con 115 000  adiacenti alla struttura (da creare) destinata alla promozione commerciale nota come «Mondo Juve»[21] e, infine, 21 000  che fosse dedicato a diverse attività aziendali includendo un centro di medicina sportiva.[18] Inizialmente denominato «Centro Allenamento Juventus»,[22] tre mesi più tardi una riedizione del piano originale ottenne la concessione e l'autorizzazione per l'inizio dei lavori di costruzione.[23]

In ragione alla riorganizzazione della struttura della rete viaria connessa ai comuni di Nichelino e Vinovo,[24] e a un'inchiesta sulla superficie su cui doveva sorgere il parco commerciale Mondo Juve, che sarà ceduto all'Ippodromo di Vinovo nel 2010,[25] le attività riguardanti alla costruzione dei campi d'allenamento bianconeri furono sospese fino a maggio 2003, quando il club ottenne l'approvazione definitiva delle autorità comunali e regionali.[24] Undici mesi più tardi ebbero inizio i lavori di costruzione, durati un biennio[26] e a cura degli studi GAU e Shesa.[5] Il nuovo centro d'allenamento della Juventus fu inaugurato nel 2006 dall'allora presidente del club Giovanni Cobolli Gigli su un'area iniziale di 140 000 , di cui 6 000  coperti.

Espansione di superficie[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2014 la società bianconera acquisì una superficie aggiuntiva di 22 900  adiacente al centro per 10 800 000, che sarà destinata a eventuali ampliamenti della propria infrastruttura per usufrutto del settore giovanile del club, nel frattempo ristrutturato.[3] Infine, nel luglio 2016, ha esercitato il riacquisto del campo d'allenamento saldando il debito e cancellando l'ipoteca, allora detenuta dalla banca Unicredit Leasing.[27] In precedenza, esso era amministrato dall'azienda Campi di Vinovo S.p.A., controllata al 71,3% dal club torinese a tutto il 2003.[28]

Il JTC di Vinovo, visto il trasloco della prima squadra maschile nel nuovo e omonimo centro sportivo alla Continassa, è diventato a partire dall'estate 2018[29] a uso esclusivo di allenamenti di tutte le squadre facenti parte al settore giovanile bianconero, della seconda squadra maschile,oltreché di gare (già dal 2017)[8] e allenamenti della prima squadra femminile.[9]

Dal 2012[30][31] al 2018[32] ha inoltre ospitato le attività sportivo-accademiche del J-College.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'area training comprende:[1][14]

  • undici campi da gioco regolamentari (nove in erba naturale e due in erba sintetica), di cui:
    • uno di dimensione ridotta;
    • uno con copertura pressostatica mobile, utilizzato in caso di freddo e maltempo;
    • il «Campo Ale & Ricky» (dedicato alla memoria di Alessio Ferramosca e Riccardo Neri,[33] ragazzi delle giovanili bianconere scomparsi a causa di un tragico e fortuito incidente in loco[34]), con tribuna da 400 posti, riservato alle partite casalinghe della Juventus Women e di tutto il settore giovanile bianconero.
  • una piscina che permette il nuoto controcorrente e l'idromassaggio;
  • un centro di fisioterapia;
  • una palestra di riscaldamento e musculazione;
  • calcio tennis;
  • sette spogliatoi per agonismo (uno a testa per Women e Under-23, e i restanti cinque per le squadre giovanili);
  • due magazzini.

Il media center comprende:

  • un convitto;
  • un centro di medicina sportiva;
  • una sala per le riunioni tecniche;
  • gli studi televisivi di JTV;
  • la sala stampa, che può ospitare fino a 30 giornalisti, per le conferenze stampa.

J-College[modifica | modifica wikitesto]

Logo del J-College usato dal 2012 al 2017
Logo del J-College in uso dal 2017

Il J-College (Juventus College) è un liceo scientifico-sportivo delle scienze applicate di secondo grado il cui titolare è la Juventus, operativamente attivo dal settembre 2012. Primo centro d'istruzione a essere gestito da una società sportiva in Italia[35] nonché ufficialmente riconosciuto dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (MIUR),[36] fu progettato per offrire attività didattica attraverso l'utilizzo delle cosiddette nuove tecnologie[37] in collaborazione con la Fondazione Giovanni Agnelli e la Congregazione Salesiana oltreché «promuovere le abilità calcistiche degli studenti, migliorando il loro rendimento scolastico attraverso il loro coinvolgimento in programmi educativi in modo tale da consentire il giusto equilibrio tra la formazione e la scolarizzazione [...] diminuire i tassi di abbandono scolastici da parte degli studenti migliorando sia l'approccio e la qualità dell'insegnamento».[38] Dal 2014 l'attività didattica fornita dalla scuola è curata dall'International School of Europe (ISE).[39]

Dal settembre 2018, nell'ambito di una riqualificazione che ha coninvolto l'intero Juventus Training Center di Vinovo, tutte le attività del J-College sono state trasferite al J-Village della Continassa, dove aveva già sede la WINS – World International School; da allora, l'area in cui era sorta la scuola bianconera ospita tutti i settori tecnici del JTC di Vinovo, oltreché una foresteria per giocatori e giocatrici.[32]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Centro allenamenti Juventus, p. 1.
  2. ^ Costo totale includendo l'acquisto di aree adiacenti al complesso sportivo a tutto il 2016, quello sull'area e struttura inaugurata nel 2006 fu di 12 500 000, cfr. Studio GAU – Juventus Center
  3. ^ a b Relazione finanziaria annuale 2015, p. 19.
  4. ^ a b Relazione finanziaria annuale 2016, pp. 32; 50-51; 55; 85-86; 93; 107.
  5. ^ a b Studio GAU – Juventus Center.
  6. ^ (ITENESZHIDJAAR) Juventus Center, Juventus Football Club S.p.A (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2013).
  7. ^ (ES) Martí Perarnau, Juventus: la pelota no entra por azar, in The Tactical Room, nº 23, 12 giugno 2016.
  8. ^ a b Tiziana Pikler, La neonata Juventus Women giocherà il campionato di calcio di serie A, su alleyoop.ilsole24ore.com, 18 agosto 2017.
  9. ^ a b Romeo Agresti, Guida alla Continassa: Juventus Training Center, J-Hotel e J-Village, su goal.com, 9 luglio 2018.
  10. ^ SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO (PDF), su settoregiovanile.figc.it, 24 ottobre 2006.
  11. ^ La Juventus femminile muove i primi passi, su juventus.com, 17 settembre 2015.
  12. ^ Filmato audio Juventus Under 23, l'unica seconda squadra in Italia: lo speciale di Sky Sport, Sky Sport, 21 marzo 2019.
  13. ^ Il 6 ottobre allo Stadium torna la Nazionale, su juventus.com, 9 giugno 2016.
  14. ^ a b Prospetto informativo OPV 2007, p. 55.
  15. ^ Stadio, la Juve va all'attacco, in La Stampa, 26 giugno 2000, p. 30.
  16. ^ a b c Juve, nuovo stadio all'ippodromo?, in La Stampa, 2 febbraio 2000, p. 40.
  17. ^ La Juve dà un calcio al galoppo, in La Stampa, 22 aprile 2000, p. 46.
  18. ^ a b Giuseppe Sangiorgio, Sport e commercio, ecco la città della Juve, in La Stampa, 11 febbraio 2001, p. 35.
  19. ^ La nuova casa dei bianconeri, in La Stampa, 8 gennaio 2003, p. 29.
  20. ^ Relazione tecnica e ambientale Reg. Piemonte 2005, p. 5.
  21. ^ Prospetto informativo OPV 2007, p. 41.
  22. ^ Massimiliano Peggio, Stretta finale sulla Juve all'ippodromo, in La Stampa, 31 gennaio 2001, p. 34.
  23. ^ Massimiliano Peggio, Sì al nuovo progetto di Mondo Juve, in La Stampa, 25 maggio 2001, p. 49.
  24. ^ a b Relazione tecnica e ambientale Reg. Piemonte 2005, p. 7.
  25. ^ Mondo Juve, shopping extra large con vista sui giocatori bianconeri, in la Repubblica, 2 dicembre 2010.
  26. ^ Fabio Vegnano, Vinovo è un cantiere Capello rinvia il trasloco, in La Stampa, 28 dicembre 2001, p. 30.
  27. ^ Relazione finanziaria annuale 2016, p. 51.
  28. ^ Prospetto informativo OPV 2007, p. 77.
  29. ^ Fabio Riva, La Continassa può attendere. Juve ancora un anno a Vinovo, su tuttosport.com, 14 giugno 2017.
  30. ^ Agnelli e Marotta inaugurano lo Juventus College, su juventus.com, 12 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2013).
  31. ^ Agnelli: «Ecco il nuovo polo Juventus», su juventus.com, 3 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2012).
  32. ^ a b Women, Under 23 e Giovanili: la "nuova" casa di Vinovo, su juventus.com, 9 settembre 2019.
  33. ^ Ranieri lancia il turn over, ecco Trezeguet e Amauri, in la Repubblica, 12 settembre 2008.
  34. ^ Tragedia al centro bianconero, muoiono due giovani della Berretti, su gazzetta.it, 15 dicembre 2006.
  35. ^ Gianluca Oddenino, Alla Juve lo scudetto della scuola. Ecco il primo liceo per calciatori, su lastampa.it, 13 settembre 2012. URL consultato il 9 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2017).
  36. ^ Iscrito quale «Liceo Internazionale Juventus», codice di scuola TOPSQB5003; cfr. Elenco scuole paritarie – MIUR (XLS) (Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca), 8 marzo 2014.
  37. ^ Guido Vaciago, Pallone e tablet. Stamattina apre lo J-College, in Tuttosport, 5 settembre 2012.
  38. ^ (EN) ECA presents its annual awards, su ecaeurope.com, 9 settembre 2013. URL consultato il 9 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2016).
  39. ^ J-College, un anno scolastico all'insegna delle novità, su juventus.com, 15 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni varie[modifica | modifica wikitesto]

Risorse informative in rete[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]