Hrvatski Športski Klub Zrinjski Mostar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hrvatski športski klub Zrinjski Mostar
Calcio Football pictogram.svg
Plemići
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco con striscia Rossa.png Bianco, rosso
Inno Jedan je jedini
Svi smo ultrasi

Dati societari
Città Mostar
Nazione Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Bosnia and Herzegovina.svg FSBiH
Campionato Premijer Liga
Fondazione 1905
Presidente Bosnia ed Erzegovina Denis Lasić
Allenatore Blaž Slišković
Stadio Stadion pod Bijelim Brijegom
(25 000 posti)
Sito web www.hskzrinjski.ba
Palmarès
Titoli nazionali 6 Campionati bosniaci
Trofei nazionali 1 Coppa di Bosnia
Si invita a seguire il modello di voce

L'Hrvatski Športski Klub Zrinjski Mostar, abbreviato anche in HŠK Zrinjski Mostar ma meglio noto come Zrinjski Mostar, è una società calcistica bosniaca con sede nella città di Mostar. Milita nella Premijer Liga.

I suoi giocatori sono soprannominati Plemići ("aristocratici").

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1896 alcuni membri della borghesia di Mostar ebbero l'idea di costituire una società sportiva chiamata Hrvatski sokol (Falco Croato). Ciò non era permesso all'epoca, ma nel 1905 alcuni giovani croati, guidati dal professor Kuštreb, riuscirono a fondarne una. Con l'aiuto del circolo culturale Hrvoje formarono la Đački športski klub (Club Sportivo Studentesco). Nel 1912 fu rinominata Gimnazijski nogometni klub Zrinjski (Zrinjski Ginnasio Football Club). Il nome fu un omaggio ad un'omonima e storica famiglia della locale nobiltà croata. I primi match furono giocati contro l'Osman, una squadra di Sarajevo. Nel primo di essi il Zrinjski perse 3-0, mentre il secondo vide imporsi lo Zrinjski per 2-1.

La lunga inattività[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Seconda guerra mondiale, il nuovo governo comunista che si insediò in Jugoslavia vietò qualsiasi nome, simbolo o associazione che rimandasse a realtà locali. Di conseguenza il club venne soppresso per 47 anni, dal 1945 fino al 1992.

La rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che la Bosnia ed Erzegovina reclamò la propria indipendenza, il Zrinjski poté tornare ad operare. Ciò accadde nel 1992, a Međugorje, ma a causa dell'imminente guerra disputò essenzialmente partite amichevoli, soprattutto in Canada e in Germania. Nel 1994 il Zrinjski, insieme agli altri club bosniaci, diede vita alla FSBiH, la federazione calcistica bosniaca.

Nell'estate del 2000 prese parte per la prima volta ad una competizione UEFA, affrontando in Intertoto gli svedesi del Västra Frölunda IF. Dopo la sconfitta per 1-0 patita in Svezia, al ritorno i bosniaci si imposero per 3-2, risultato che non bastò ad assicurarsi la qualificazione.

Gli anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004-2005 il Zrinjski vinse il suo primo titolo nazionale. In Champions League furono eliminati a sorpresa nel primo turno preliminare dai lussemburghesi del F91 Dudelange.

Nel 2005-2006 si piazzò al terzo posto in campionato, assicurandosi un posto in Intertoto. Superarono il primo turno ai danni del maltesi del Marsaxlokk, per poi essere eliminati al secondo turno dagli israeliani del Maccabi Petah Tiqwa.

Nel 2006-2007 terminarono al secondo posto, accedendo così in Coppa UEFA, dove vennero eliminati dal Partizan. I serbi, tuttavia, furono squalificati a causa di intemperanze da parte dei tifosi, cosicché il Zrinjski poté accedere al secondo turno, dove furono eliminati dai macedoni del Rabotnički.

Nel 2007-2008 si sono classificati quarti in campionato. La vittoria in Bosnian Cup, tuttavia, ha garantito loro l'accesso alla Coppa UEFA. Dopo aver superato il Vaduz nel primo turno preliminare, nel secondo turno vengono eliminati dai portoghesi dello Sporting Braga. Nel 2008-2009 vincono il secondo titolo nazionale.

Sono in UEFA Europa League nel 2010. Battono agilmente la compagine sammarinese di SP Tre Penne con un più che netto 13-3, ma nel turno seguente l'OB, squadra più esperta vince 5-3 l'andata e passa grazie al ritorno a reti bianche. Nella stagione 2013-2014 vincono il terzo titolo nazionale, ripetendosi poi due stagioni più tardi.

Cronistoria recente[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dello Zrinjski Mostar
Ottavi di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Primo turno di Coppa Intertoto.
Sedicesimi di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Semifinalista di Kup Bosne i Hercegovine.
Sedicesimi di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Semifinalista di Kup Bosne i Hercegovine.
Ottavi di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Primo turno preliminare di Champions League.
Sedicesimi di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Secondo turno di Coppa Intertoto.
Vince la Kup Bosne i Hercegovine (1º titolo).
Secondo turno preliminare di Coppa UEFA.
Semifinalista di Kup Bosne i Hercegovine.
Secondo turno preliminare di Coppa UEFA.
Semifinalista di Kup Bosne i Hercegovine.
Secondo turno preliminare di Champions League.

Quarti di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Terzo turno preliminare di Europa League.
Ottavi di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Semifinalista di Kup Bosne i Hercegovine.
Semifinalista di Kup Bosne i Hercegovine.
Secondo turno preliminare di Europa League.
Semifinalista di Kup Bosne i Hercegovine.
Secondo turno preliminare di Champions League.
Sedicesimi di finale di Kup Bosne i Hercegovine.
Primo turno preliminare di Europa League.
Partecipa alla Kup Bosne i Hercegovine.
Secondo turno preliminare di Champions League.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2004-2005, 2008-2009, 2013-2014, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018
2007-2008

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 2006-2007, 2018-2019
Terzo posto: 1997-1998, 2005-2006, 2014-2015
Semifinalista: 2002-2003, 2004-2005, 2008-2009, 2009-2010, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 31 marzo 2019.

N. Ruolo Giocatore
1 Croazia P Ivan Brkić
3 Bosnia ed Erzegovina D Renato Gojković
4 Croazia C Ivan Čurjurić
5 Bosnia ed Erzegovina D Marin Galić
6 Croazia C Hrvoje Barišić
7 Croazia C Frane Čirjak
8 Serbia A Miloš Aćimović
9 Serbia A Dalibor Veselinović
10 Bosnia ed Erzegovina C Samir Bekrić
11 Bosnia ed Erzegovina A Nermin Hajdarević
12 Bosnia ed Erzegovina P Antonio Soldo
13 Bosnia ed Erzegovina C Semir Pezer
14 Norvegia A Eman Markovic
16 Bosnia ed Erzegovina D Pero Stojkić (capitano)
18 Croazia D Dario Rugašević
21 Bosnia ed Erzegovina C Marko Perišić
N. Ruolo Giocatore
22 Bosnia ed Erzegovina P Vasilije Kolak
27 Serbia D Slobodan Jakovljević
32 Bosnia ed Erzegovina A Kristijan Stanić
33 Croazia A Marko Bencun
44 Bosnia ed Erzegovina C Edin Rustemović
55 Serbia C Miloš Filipović
66 Croazia C Damir Šovšić
88 Bosnia ed Erzegovina A Amer Bekić
93 Bosnia ed Erzegovina C Abid Mujagić
97 Bosnia ed Erzegovina D Advan Kadušić
Bosnia ed Erzegovina D Nikola Rodin
Bosnia ed Erzegovina C Igor Savić
Bosnia ed Erzegovina D Ivor Krešić
Bosnia ed Erzegovina A Anes Mašić
Croazia D Tomislav Barbarić
Montenegro A Staniša Mandić

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305755082
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio