Discografia dei Green Day

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Green Day.

Discografia dei Green Day
Green day Live 5 june 2013 in Rome5.JPG
I Green Day in concerto a Roma il 5 giugno 2013
Album in studio13
Album dal vivo7
Raccolte4
EP4
Singoli40
Album video3
Video musicali35

L'intera discografia dei Green Day, comprendente album in studio, EP, raccolte, live, DVD e singoli.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Anno Album Posizione massima in classifica Certificazioni Vendite
USA
[1]
AUS
[2]
CAN
[3][4]
FRA
[5]
GER
[6]
IRL
[7]
JPN
[8]
NLD
[9]
NZ
[10]
UK
[11]
ITA[12]
1990 39/Smooth
  • Data di pubblicazione: 13 aprile 1990
  • Etichetta: Lookout! (22)
  • Formato: LP, CS
1992 Kerplunk
  • Data di pubblicazione: 17 gennaio 1992
  • Etichetta: Lookout! (46)
  • Formato: CD, CS, LP
  • USA: 753,000
  • Mondo: 4,000,000+
1994 Dookie
  • Data di pubblicazione: 1º febbraio 1994
  • Etichetta: Reprise (45529)
  • Formato: CD, CS, LP
2 1 1 4 38 32 5 1 13 10
  • USA: 10,000,000[19]
  • Mondo: 18,000,000+
1995 Insomniac
  • Data di pubblicazione: 10 ottobre 1995
  • Etichetta: Reprise (46046)
  • Formato: CD, CS, LP
2 5 4 12 12 22 5 8 13
  • USA: 2,076,000[20]
  • Mondo: 8,000,000
1997 Nimrod
  • Data di pubblicazione: 14 ottobre 1997
  • Etichetta: Reprise (46794)
  • Formato: CD, HDCD, CS, LP
10 3 4 43 31 34 7 80 22 11 15
  • AUS: 3× Platino[21]
  • CAN: 2× Platino[15]
  • UK: Platino[17]
  • USA: 2× Platino[13]
  • BRA: Oro
  • USA: 2,083,000[20]
  • Mondo: 5,000,000
2000 Warning
  • Data di pubblicazione: 3 ottobre 2000
  • Etichetta: Reprise (48038)
  • Formato: CD, CS, LP
4 7 2 58 21 13 2 84 20 4 8
  • USA: 1,159,000[22]
  • Mondo: 3,000,000
2004 American Idiot
  • Data di pubblicazione: 21 settembre 2004
  • Etichetta: Reprise (48850)
  • Formato: CD, digitale, LP
1 1 1 4 3 1 3 4 2 1 5
  • AUS: 6× Platino[23]
  • CAN: 6× Platino[15]
  • GER: 3× Platino[16]
  • UK: 7× Platino[17]
  • USA: 6× Platino[24]
  • JAP: 2× Platino[25]
  • FIN: Oro
  • IRE: 8× Platino[18]
  • USA: 6,029,000[26]
  • Mondo: 15,000,000+
2009 21st Century Breakdown
  • Data di pubblicazione: 15 maggio 2009
  • Etichetta: Reprise (517153)
  • Formato: CD, digitale, LP
1 2 1 1 1 1 1 4 1 1 1
  • AUS: Platino[27]
  • CAN: 2× Platino[15]
  • GER: 3× Oro[16]
  • UK: Platino[17]
  • USA: Platino[24]
  • SWE: Platino
  • IRE: Platino
  • ITA: Platino
  • USA: 1,014,000[26]
  • Mondo: 4,000,000+
2012 ¡Uno!
  • Data di pubblicazione: 25 settembre 2012[28]
  • Etichetta: Reprise (531973)
  • Formato: CD, digitale, LP
3 8 1
  • AUT: 10.000
  • CAN: 40.000
  • GER: 100.000
  • ITA: 30.000
  • JPN: 100.000
  • POL: 10.000
  • UK: 125.531[35]
  • USA: 325.000[36]
¡Dos!
  • Data di pubblicazione: 13 novembre 2012[28]
  • Etichetta: Reprise (TBC)
  • Formato: CD, digitale, LP
4
¡Tré!
  • Data di pubblicazione: 11 dicembre 2012[28]
  • Etichetta: Reprise (TBC)
  • Formato: CD, digitale, LP
13 22 22 17 37 10 30 16 31 17
2016 Revolution Radio
  • Data di pubblicazione: 7 ottobre 2016
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD, digitale, LP
1 2 1 13 2 1 8 4 1 1 1
  • Mondo: 600.000[39]
  • USA: 95,000 (debutto)
  • UK: 100.000[38]
2020 Father of All Motherfuckers[40]
  • Data di pubblicazione: 7 febbraio 2020[40]
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD, digitale, LP

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Year Album details Peak chart positions Certifications
USA
[1]
AUS
[2][41]
CAN
[4]
FRA
[5]
GER
[6]
IRL
[7]
ITA
[42]
JPN
[8]
NLD
[9]
NZ
[10]
UK
[11]
1994 Live Tracks
  • Data di pubblicazione: 1994
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD
1996 Foot in Mouth
  • Data di pubblicazione: 25 aprile 1996
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD
45
1996 Bowling Bowling Bowling Parking Parking
  • Data di pubblicazione: 25 luglio 1996
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD
42
2005 Bullet in a Bible 8 8 3 21 15 8 8 11 26 5 6
2009 Last Night on Earth: Live in Tokyo
  • Data di pubblicazione: 11 novembre 2009
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD, digitale
198 31
2011 Awesome as Fuck
  • Data di pubblicazione: 22 marzo 2011
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD/DVD, CD/Blu-ray, digitale
14 69 12 16 5 9 4 11 9 5 14
2012 On the Radio
  • Data di pubblicazione: 29 gennaio 2012
  • Etichetta: Smokin' Records
  • Formato: CD, digitale
"—" significa che non è entrato in classifica.

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Anno Album Posizione massima in classifica Certificazioni
USA
[1]
AUS
[2]
AUT
[45]
GER
[6]
IRL
[7]
ITA
[42]
JPN
[8]
NZL
[10]
SWI
[46]
UK
[11]
1991 1,039/Smoothed Out Slappy Hours
  • Data di pubblicazione: 1º luglio 1991
  • Etichetta: Lookout!
  • Formato: CD
2001 International Superhits!
  • Data di pubblicazione: 13 novembre 2001
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: LP, CD
40 11 48 67 13 17 4 5 61 15
2002 Shenanigans
  • Data di pubblicazione: 2 luglio 2002
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: LP, CD
16 33 100 27 13 32
2012 The Studio Albums 1990-2009
  • Data di pubblicazione: 27 agosto 2012
  • Etichetta: Reprise, Warner, Epitaph
  • Formato: CD
2014 Demolicious
  • Data di pubblicazione: 19 aprile 2014
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD
2017 Greatest Hits: God's Favorite Band
  • Data di pubblicazione: 17 novembre 2017
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD
"—" significa che non è entrato in classifica.

EP[modifica | modifica wikitesto]

Anno EP
1989 1,000 Hours
  • Data di pubblicazione: aprile 1989
  • Etichetta: Lookout!
  • Formato: 7"
1990 Slappy
  • Data di pubblicazione: estate 1990
  • Etichetta: Lookout!
  • Formato: 7"
1990 Sweet Children
  • Data di pubblicazione: estate 1990[48]
  • Etichetta: Skene!
  • Formato: 7"
2012 Oh Love
  • Data di pubblicazione: 14 agosto 2012
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD
2020 Otis Big Guitar Mix
  • Data di pubblicazione: 3 aprile 2020
  • Etichetta: Reprise
  • Formato: CD

Altri album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Posizione massima in classifica Certificazioni Album
USA
[49]
USA
Alt.

[50]
USA
Rock

[51]
AUS
[2]
BEL
[52]
CAN
[53]
[4]
[54]
GER
[55]
IRL
[56]
ITA
[12]
NLD
[57]
NZ
[10]
SWE
[58]
UK
[59]
[11]
1994 Longview 36[60] 1 33 30 Dookie
Welcome to Paradise 56[60] 7 44 21 20
Basket Case 26[60] 1 26 12 18 11 39 21 3 6
1995 When I Come Around 6[60] 1 7 3 45 33 4 28 27
She 41[60] 5
Geek Stink Breath 27[60] 3 40 22 73 27 11 28 16 Insomniac
Stuck with Me 46 40 26
1996 Brain Stew/Jaded 35[60] 3 35 28
Walking Contradiction 70[60] 21
1997 Hitchin' a Ride 59[60] 5 26 23 25 Nimrod
Good Riddance (Time of Your Life) 11[60] 2 2[62] 5 30 40 11
1998 Redundant 16 27
1999 Nice Guys Finish Last 31
2000 Minority 101[64] 1 29 19 38 18 Warning
Warning 114[64] 3 19 49 37 27
2001 Waiting 26 34
2004 I Fought the Law[65]
Shoplifter[65][66]
American Idiot 61 1 7 1 28 12 13 37 7 18 3 American Idiot
Boulevard of Broken Dreams 2 1 5 54 1 13 2 25 5 2 5
2005 Holiday 19 1 24 21 50 13 13 25 11
Wake Me Up When September Ends 6 2 13 53 33 22 13 33 44 10 21 8
Jesus of Suburbia 27 24 76 26 26 17
2006 The Saints Are Coming[70][71]
(with U2)
51 22 1 2 1 6 1 1 1 4 4 2 U218 Singles
2007 Working Class Hero[65] 53 10 68 18 26 14 39 11 153
[72]
Instant Karma
The Simpsons Theme[65] 106[64] 61 15 34 19
2009 Know Your Enemy 28 1 1 20 26 5 14 11 17 62 13 10 21 21st Century Breakdown
21 Guns 22 3 5 14 38 15 13 21 15 89 3 8 36
East Jesus Nowhere 17 24 71
21st Century Breakdown 65 71
2010 Last of the American Girls 26 34 45
2012 Oh Love 97 3 1 74 45 44 25 88 ¡Uno!
Kill the DJ 62 92 110
[74]
Let Yourself Go 17 29 57 99 193
[75]
Stray Heart 70 36 ¡Dos!
2013 X-Kid 35 48 88 ¡Tré!
2015 Xmas Time of the Year
2016 Bang Bang 104[64] 1 8 53 75 84 Revolution Radio
Still Breathing 1 11 61
2017 Revolution Radio 21 22
Back in the USA 32 58 Greatest Hits: God's Favorite Band
2019 Father of All... 3 6 Father of All Motherfuckers
Fire, Ready, Aim 33
2020 Oh Yeah! 1 3
Meet Me on the Roof 21

Singoli promozionali[modifica | modifica wikitesto]

I seguenti brani sono stati pubblicati tutti esclusivamente come singoli promozionali, ad eccezione di Poprocks & Coke e When It's Time, che sono stati pubblicati come normali singoli in Giappone e nel Regno Unito, rispettivamente.

Anno Singolo Posizione massima in classifica Album
USA
[49]
USA
Alt.
[50]
CAN
[53]
[4]
[54]
UK
1995 J.A.R. 22[60] 1 63 Angus: Music from the Motion Picture
86 Insomniac
1998 Prosthetic Head Nimrod
2001 Blood, Sex & Booze Warning
Macy's Day Parade
Poprocks & Coke International Superhits!
Maria
2002 Ha Ha You're Dead Shenanigans
2010 "When It's Time"[65][76] 68 American Idiot - The Original Broadway Cast Recording
2011 Cigarettes and Valentines (live) Awesome as Fuck
21 Guns (live in Tokyo)
2012 Nuclear Family ¡Uno!
Stay the Night
2017 Fell for You (Otis Mix)
2020 Dreaming
2021 Here Comes the Shock
Pollyanna

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Album video[modifica | modifica wikitesto]

Anno Album Certificazioni
2001 International Supervideos!
  • Data di pubblicazione: 13 novembre 2001
  • Etichetta: Reprise
2005 Bullet in a Bible
  • Data di pubblicazione: 15 novembre 2005
  • Etichetta: Reprise
  • AUS: Platino
  • UK: Platino
2011 Awesome as Fuck
  • Data di pubblicazione: 22 marzo 2011
  • Etichetta: Reprise

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Anno Brano Regista
1994 Longview Mark Kohr[78]
Welcome to Paradise Robert Caruso[79]
Basket Case Mark Kohr[80][81]
When I Come Around
1995 Geek Stink Breath
Stuck with Me
Brain Stew/Jaded Kevin Kerslake[82]
1996 Walking Contradiction Roman Coppola[83]
1997 Hitchin' a Ride Mark Kohr[84][85][86]
Good Riddance (Time of Your Life)
1998 Redundant
Nice Guys Finish Last Evan Bernard[84][87]
1999 Last Ride In Lance Bangs[84]
2000 Minority Evan Bernard[87]
Warning Francis Lawrence[88]
2001 Waiting Marc Webb[89]
Macy's Day Parade Mark Kohr[90]
2004 American Idiot Samuel Bayer[91][92][93][94][95]
Boulevard of Broken Dreams
2005 Holiday
Wake Me Up When September Ends
Jesus of Suburbia
2006 The Saints Are Coming
(with U2)
Chris Milk[96]
2007 Working Class Hero Samuel Bayer[97]
2009 Know Your Enemy Mathew Cullen[98]
21 Guns Marc Webb[99]
East Jesus Nowhere[100] Chris Dugan & M. Douglas Silverstein[101]
21st Century Breakdown Marc Webb[102][103]
2010 Last of the American Girls
2011 Cigarettes and Valentines Chris Dugan
2012 Oh Love Samuel Bayer[104][105]
Kill the DJ
Let Yourself Go Farm League
Nuclear Family
Stay The Night
2016 Bang Bang Tim Armstrong[106]

Bootleg[modifica | modifica wikitesto]

  • Patrick's Picknick
  • Four More Years: Odes To The All American Idiots
  • Best' 99
  • Live In Europe
  • Radio Daze
  • Woodstock '94 and Much More
  • Spitting
  • Attack of Insomnia
  • Punk Academy
  • Noyze Boyz
  • A Day Out in Paris
  • Live in Buenos Aires
  • Live Without Warning
  • God Bless Manchester
  • Live at Milvaukee '02
  • Eating My Burgers
  • Endless Headtrip
  • Boring Days in Paradise
  • Having a Blast
  • Burnout
  • Basket Case Live USA
  • I'm Your Puppet
  • Welcome to Paradise
  • More Green Day
  • More Boring Days
  • What a Nice Green Day
  • A Nice Green Day
  • Teenage Rampage
  • Green Daze
  • God Bless Amerika 1
  • God Bless Amerika 2
  • Youth Gone Wild
  • Green Power
  • Snotheads
  • It's a Green Day in Gothenburg
  • Nice Guys Finish Last
  • Bridge School Benefit
  • Unplugged
  • Silence is the Enemy

Cover[modifica | modifica wikitesto]

I Green Day spesso suonano ai loro concerti delle reinterpretazioni di canzoni degli artisti che più li hanno influenzati nella loro carriera. Normalmente vengono registrate come tracce bonus o eseguite esclusivamente dal vivo (ma comunque rintracciabili nei vari bootleg del gruppo).

Incise
Eseguite esclusivamente dal vivo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Green Day - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 14 marzo 2011.
  2. ^ a b c d Discography Green Day, su australian-charts.com. URL consultato il 21 maggio 2009.
  3. ^ Green Day Top Albums/CDs positions (94 - 243), su collectionscanada.gc.ca, RPM. URL consultato il 10 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2012).
  4. ^ a b c d (EN) Green Day - Awards, su AllMusic, All Media Network.
  5. ^ a b Discographie Green Day, su lescharts.com, Lescharts. URL consultato il 21 maggio 2009.
  6. ^ a b c Chartverfolgung, Green Day, Longplay, su musicline.de. URL consultato il 21 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).
  7. ^ a b c Discography Green Day, su irish-charts.com, Irish-charts. URL consultato il 23 maggio 2009.
  8. ^ a b c Oricon Profile - Green Day, su oricon.co.jp, Oricon. URL consultato il 20 maggio 2009.
  9. ^ a b Discographie Green Day, su dutchcharts.nl, Dutchcharts. URL consultato il 21 maggio 2009.
  10. ^ a b c d Discography Green Day, su charts.org.nz. URL consultato il 21 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  11. ^ a b c d Chart Stats - Green Day, su chartstats.com, Chartstats. URL consultato il 20 maggio 2009.
  12. ^ a b FIMI - Classifiche - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 18 ottobre 2016.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Green Day – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 10 agosto 2020.
  14. ^ ARIA Charts - Accreditations - 1999 Albums, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  15. ^ a b c d e f g h i j k Gold Platinum Database: Green Day, su musiccanada.com, Music Canada. URL consultato il 9 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2012).
  16. ^ a b c d e f Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank, su musikindustrie.de. URL consultato il 27 settembre 2011.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Certified Awards Search: Green Day, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato il 6 dicembre 2010.
  18. ^ a b (EN) 2005 Certifications Awards - Multiplatinum, su aria.com.au. URL consultato il 2 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2009).
  19. ^ Week Ending May 9, 2010: Starting The "Recovery" Process - Chart Watch, su new.music.yahoo.com, Yahoo!, 12 maggio 2010. URL consultato il 27 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2012).
  20. ^ a b Week Ending July 11, 2010: A Full Recovery - Chart Watch, su new.music.yahoo.com, Yahoo!, 14 luglio 2010. URL consultato il 27 settembre 2011.
  21. ^ a b ARIA Charts - Accreditations - 2000 Albums, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  22. ^ Chart Watch Extra: Top 20 Songs In Digital History - Chart Watch, su new.music.yahoo.com, Yahoo!, 6 agosto 2010. URL consultato il 27 settembre 2011.
  23. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2006 Albums, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  24. ^ a b Recording Industry Association of America, su riaa.com, RIAA. URL consultato il 27 settembre 2011.
  25. ^ (JA) 『ミリオンシングル/アルバム』認定作品一覧, su Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 2 marzo 2012.
  26. ^ a b Week Ending Dec. 19, 2010: Michael Wouldn't Have Liked This - Chart Watch, su new.music.yahoo.com, Yahoo!, 22 dicembre 2010. URL consultato il 27 settembre 2011.
  27. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2009 Albums, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 5 giugno 2009.
  28. ^ a b c Green Day confirm trilogy of new albums, su digitalspy.co.uk, Digital Spy, 12 aprile 2012.
  29. ^ (DE) Gold & Platin, su ifpi.at, IFPI. URL consultato l'8 dicembre 2012.
  30. ^ (EN) Gold/Platinum, su Music Canada. URL consultato il 31 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2010).
  31. ^ Datenbank: BVMI, su www.musikindustrie.de. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  32. ^ FIMI - Archivio Certificazioni (sett. 18/2013), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 17 maggio 2013.
  33. ^ 一般社団法人 日本レコード協会|各種統計
  34. ^ ZPAV :: Bestsellery i wyróżnienia - Wyróżnienia - Złote płyty CD - Archiwum, su bestsellery.zpav.pl. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  35. ^ a b c Official Charts Analysis: Green Day claim top spot with Revolution Radio | Analysis | Music Week, su www.musicweek.com. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  36. ^ a b (EN) Greasy Lake Community, su Greasy Lake Community. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  37. ^ Upcoming Releases | HITS Daily Double, su web.archive.org, 5 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2016).
  38. ^ a b bpi.co.uk, https://www.bpi.co.uk/brit-certified/.
  39. ^ Wayback Machine, su web.archive.org, 12 gennaio 2018. URL consultato il 31 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2018).
  40. ^ a b Green Day Announce New Album, Father Of All..., And Stream Title-Track, su Kerrang!. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  41. ^ Chartifacts - Week Commencing: 28th March 2011, su ariacharts.com.au, Australian Recording Industry Association, 28 marzo 2011. URL consultato il 1º aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2011).
  42. ^ a b Italian Charts - Album Search: Green Day, su italiancharts.com, Italiancharts. URL consultato il 21 maggio 2009.
  43. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2005 Albums, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  44. ^ Week Ending Aug. 22, 2010: Incarcerated And On Top - Chart Watch, su new.music.yahoo.com. URL consultato il 30 agosto 2010.
  45. ^ Discographie Green Day, su austriancharts.at, Austriancharts. URL consultato il 21 maggio 2009.
  46. ^ Discographie Green Day, su hitparade.ch, Hitparade. URL consultato il 21 maggio 2009.
  47. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2007 Albums, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  48. ^ Green Day: The Complete History, Guitar Legends Archiviato il 27 settembre 2006 in Internet Archive.. Retrieved 2009-11-17.
  49. ^ a b (EN) Green Day - Chart history (Hot 100), su Billboard. URL consultato il 6 agosto 2009.
  50. ^ a b (EN) Green Day - Chart history (Alternative Airplay), su Billboard. URL consultato il 6 agosto 2009.
  51. ^ (EN) Green Day - Chart history (Hot Rock & Alternative ), su Billboard. URL consultato il 6 agosto 2009.
  52. ^ Ultratop Belgian Charts - Song Search: Green Day, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 23 maggio 2009.
  53. ^ a b Green Day Top Singles positions (177 - 289), su collectionscanada.gc.ca, RPM. URL consultato il 12 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  54. ^ a b Album & Song Chart History – Canadian Hot 100, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 7 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2012).
  55. ^ Chartverfolgung, Green Day, Single, su musicline.de. URL consultato il 23 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).
  56. ^ The Irish Charts - All there is to know
  57. ^ Netherlands Singles Charts - Green Day, su dutchcharts.nl. URL consultato il 3 agosto 2012.
  58. ^ swedishcharts.com - Swedish Charts Portal
  59. ^ David Roberts, British Hit Singles & Albums, 19th, Londra, Guinness World Records Limited, 2006, pp. 235/236, ISBN 1-904994-10-5.
  60. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Classifica Billboard Green Day, su billboard.com. URL consultato il 25 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2013).
  61. ^ a b c d e f g h i Certificazioni italiane, su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 29 aprile 2017.
  62. ^ a b c Good Riddance (Time of Your Life) e Redundant sono entrati in classifica separatamente (rispettivamente, in posizione 44 e 50), ma poi furono considerate come un singolo con doppio lato A e, dopodiché raggiunsero la seconda posizione e conquistarono il doppio disco di platino.
  63. ^ a b ARIA Charts - Accreditations - 1998 Singles
  64. ^ a b c d Classificato fuori dalla top 100 della Billboard Hot 100, in seguito entrò nella classifica Bubbling Under Hot 100 Singles.
  65. ^ a b c d e Pubblicato solo in formato digitale.
  66. ^ Shoplifter - Green Day, su allmusic.com, AllMusic, 21 settembre 2004. URL consultato il 27 settembre 2011.
  67. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2004 Singles, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  68. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2005 Singles, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  69. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank Archiviato il 2 dicembre 2013 in Internet Archive.
  70. ^ The Saints Are Coming, su Billboard. URL consultato il 6 agosto 2009 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2010).
  71. ^ Chartverfolgung / U2/Green Day / Single, su musicline.de. URL consultato il 23 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).
  72. ^ (EN) Chart Log UK: New Entries Update 16.06.2007 (Week 23) (TXT), su zobbel.de. URL consultato il 18 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2016).
  73. ^ ARIA Charts - Top 50 Singles Chart, su ariacharts.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 18 settembre 2009.
  74. ^ (EN) Chart Log UK: New Entries Update 25.08.2012 (Week 33) (TXT), su zobbel.de. URL consultato il 18 luglio 2019.
  75. ^ (EN) Chart Log UK: New Entries Update 15.09.2012 (Week 36) (TXT), su zobbel.de. URL consultato il 18 luglio 2019.
  76. ^ Matt, 'When It's Time' single, Green Day Authority, 14 giugno 2010. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2010).
  77. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2006 DVDs, su aria.com.au, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 maggio 2009.
  78. ^ Green Day - "Longview", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  79. ^ Frequently Asked Questions, su greendayvideos.com. URL consultato il 21 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).
  80. ^ Green Day - "Basket Case", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  81. ^ Green Day - "When I Come Around", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  82. ^ Green Day - "Brain Stew / Jaded", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  83. ^ Green Day - "Walking Contradiction", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  84. ^ a b c Green Day: International Supervideos!, su imdb.com, Internet Movie Database. URL consultato il 21 maggio 2009.
  85. ^ Green Day - "Hitching a Ride", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  86. ^ Green Day - "Time of Your Life (Good Riddance)", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  87. ^ a b Green Day - "Minority", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  88. ^ Green Day - "Warning", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  89. ^ Green Day - "Waiting", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  90. ^ Green Day - "Macy's Day Parade", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  91. ^ Green Day - "American Idiot", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  92. ^ Green Day - "Boulevard of Broken Dreams", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  93. ^ Green Day - "Holiday", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  94. ^ Green Day - "Wake Me Up When September Ends", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  95. ^ Green Day Shoot 14-Minute Short Film For 'Jesus Of Suburbia' - Pop-punks work again with director Samuel Bayer., su mtv.com, Music Television. URL consultato il 26 maggio 2009.
  96. ^ Green Day - "The Saints Are Coming" (feat. Green Day), su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  97. ^ Green Day - "Working Class Hero", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  98. ^ Green Day - "Know Your Enemy", su mtv.com, Music Television. URL consultato il 21 maggio 2009.
  99. ^ Green Day Let the Bullets Fly in Marc Webb's "21 Guns" Video, su Rolling Stone. URL consultato il 25 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2012).
  100. ^ Aubin Paul, Videos: Green Day: "East Jesus Nowhere", su punknews.org, Punknews.org, 19 settembre 2009. URL consultato il 27 settembre 2009.
  101. ^ Green Day's East Jesus Nowhere Music Video - Green Day Music Videos at, su mtvmusic.com. URL consultato il 30 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2009).
  102. ^ Green Day - "21st Century Breakdown", su greenday.com, Green Day. URL consultato il 3 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2011).
  103. ^ NEWS, su greenday.com, Green Day, 29 gennaio 2010. URL consultato il 30 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2010).
  104. ^ Exclusive: Green Day Documentaries Coming with Album Trilogy, su billboard.com. URL consultato il 27 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2012).
  105. ^ The music video for "Kill The DJ" is now in production, su greendayauthority.com, Green Day Authority.
  106. ^ Green Day Share “Bang Bang” Video Directed by Rancid’s Tim Armstrong, in Spin, 13 settembre 2016. URL consultato il 15 gennaio 2017.
  107. ^ (EN) Shenanigans, su AllMusic, All Media Network.
  108. ^ (EN) We're a Happy Family: A Tribute to the Ramones, su AllMusic, All Media Network.
  109. ^ a b Ramonestory.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk