International Superhits!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
International Superhits!
ArtistaGreen Day
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione13 novembre 2001
Durata60:43
Dischi1
Tracce21
Genere[1]Rock alternativo
Punk revival
Pop punk
EtichettaReprise
ProduttoreGreen Day
Jerry Finn
Rob Cavallo
Certificazioni
Dischi d'oroBelgio Belgio[2]
(vendite: 25 000+)
Brasile Brasile[3]
(vendite: 50 000+)
Canada Canada[4]
(vendite: 50 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platinoAustralia Australia (3)[6]
(vendite: 210 000+)
Europa Europa[7]
(vendite: 1 000 000+)
Irlanda Irlanda (3)[8]
(vendite: 45 000+)
Giappone Giappone (2)[9]
(vendite: 400 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[10]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[11]
(vendite: 1 000 000+)
Green Day - cronologia
Album precedente
(2000)
Album successivo
(2002)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[1] 5/5 stelle

International Superhits! è la prima raccolta greatest hits dei Green Day e contiene i maggiori successi della band, da Dookie fino a Warning:, con in più due singoli inediti (Maria e Poprocks & Coke).

A seguito dell'uscita del CD è stata pubblicata una raccolta omologa di videoclip in DVD o VHS dal titolo International Supervideos!. I videoclip contenuti sono 15 e partono da Longview per finire a Waiting.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Maria
  2. Poprocks & Coke
  3. Longview
  4. Welcome to Paradise
  5. Basket Case
  6. When I Come Around
  7. She
  8. J.A.R. (Jason Andrew Relva)
  9. Geek Stink Breath
  10. Brain Stew
  11. Jaded
  12. Walking Contradiction
  13. Stuck with Me
  14. Hitchin' a Ride
  15. Good Riddance (Time of Your Life)
  16. Redundant
  17. Nice Guys Finish Last
  18. Minority
  19. Warning
  20. Waiting
  21. Macy's Day Parade

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2001) Posizione
massima
Australia[12] 11
Austria[12] 48
Germania[12] 67
Giappone[13] 4
Italia[12] 17
Nuova Zelanda[12] 5
Regno Unito[14] 15
Stati Uniti[15] 40
Svizzera[12] 61

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Stephen Thomas Erlewine, International Superhits!, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 23 luglio 2019.
  2. ^ (NL) Goud en Platina - 2007, Ultratop. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  3. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  4. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  5. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  6. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2007 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  7. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 2006, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 13 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2013).
  8. ^ (EN) 2005 Certification Awards – Multi Platinum, The Irish Charts. URL consultato il 13 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2009).
  9. ^ (JA) ゴールド等認定作品一覧, Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  10. ^ (EN) Green Day, International Superhits, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  11. ^ (EN) Green Day, International Superhits! – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  12. ^ a b c d e f (NL) Green Day - International Superhits!, Ultratop. URL consultato il 23 luglio 2019.
  13. ^ (JA) インターナショナル・スーパーヒッツ!, Oricon. URL consultato il 23 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2019).
  14. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 18 November 2001 - 24 November 2001, Official Charts Company. URL consultato il 23 luglio 2019.
  15. ^ (EN) Green Day Chart History, Billboard. URL consultato il 23 luglio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk