Coluche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caricatura di Coluche
Premio Premio César al miglior attore 1984

Coluche, nome d'arte di Michel Gérard Joseph Colucci (Parigi, 28 ottobre 1944Opio, 19 giugno 1986), è stato un attore e comico francese di origine italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Coluche nacque presso l'ospedale Maternité Notre-Dame de Bon Secours[1], nel 14° arrondissement di Parigi, il 28 ottobre 1944, figlio di un immigrato italiano originario di Casalvieri (in provincia di Frosinone), Honorio Colucci, di professione imbianchino[2], e di Simone Bouyer, detta Monette, una fioraia francese[3].

Adottò il nome d'arte di Coluche all'età di 26 anni, quando cominciò la sua carriera. Divenne celebre per le sue battute e il suo atteggiamento irriverente verso la politica e il governo. Durante la sua attività di comico televisivo, nella seconda metà degli anni 70, ebbe modo anche di pubblicare alcuni 45 giri che altro non erano che alcuni suoi sketch trasposti su vinile, tra i quali Le schmiblick (parodia di un famoso quiz) arrivò anche al primo posto per alcune settimane nel 1975.

Il 30 ottobre 1980, in un periodo critico per la Francia, alle prese con crescenti disoccupazione e inflazione, durante una conferenza stampa presso il Théâtre du Gymnase Coluche dichiarò di volersi candidare alle elezioni presidenziali francesi del 1981. L'annuncio fu accolto come una scherzosa provocazione, fino a quando il settimanale domenicale Le Journal du Dimanche pubblicò un sondaggio che mostrava che l'attore aveva l'appoggio del 16% di elettori potenziali[4]. La sua "campagna elettorale" fu appoggiata dal periodico satirico Charlie Hebdo ed ebbe il sostegno di alcuni intellettuali del calibro di Pierre Bourdieu, Félix Guattari e Gilles Deleuze. Tuttavia Coluche abbandonò il progetto a causa delle forti tensioni scatenate dalla politica tradizionale (in particolare François Mitterrand, che poi divenne presidente, lo considerava una potenziale minaccia) che culminarono quando il suo manager René Gorlin fu assassinato ed egli ricevette anche delle intimidazioni che lo spinsero, nell'aprile del 1981, ad annunciare il ritiro della sua candidatura.

Nel 1983 Coluche ricevette il Premio César come migliore attore per la sua interpretazione nel film Ciao amico (Tchao pantin). Nel 1984 apparve nella commedia Dagobert di Dino Risi, mentre l'anno successivo recitò al fianco del comico italiano Beppe Grillo nel film Scemo di guerra (1985).

Restos du cœur[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Restos du cœur.
Piazza Coluche, a Parigi

Nel 1985 fondò i Restos du cœur, un'associazione preposta alla raccolta di cibo, denaro e vestiti destinati ai bisognosi e ai senzatetto. L'anno dopo iniziò a promuovere l'associazione proponendo ad alcuni vip uno spettacolo di beneficenza, che è organizzato annualmente e trasmesso in televisione.

Coluche e l'Abbé Pierre fecero proprio questo motto, di Jacques Brel: N'étaient pas du même bord, mais cherchaient le même port ("Non erano della stessa sponda, ma cercavano lo stesso porto").

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Coluche morì il 19 giugno 1986, per un incidente in moto, mentre percorreva la strada da Cannes a Opio. Venne sepolto nel Cimitero di Montrouge. La sua morte ispirò l'album Putain de camion, del cantautore Renaud, suo amico.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coluche par Coluche, Paris, Le Cherche midi, 2004, p. 337.
  2. ^ Bernard Pascuito, Coluche, Archipoche, 2014, p. 11.
  3. ^ Philippe Boggio, Montrouge, in Coluche, J’ai lu, juillet 1992, ISBN 2-277-23268-8.
  4. ^ Sondaggio elettorale Archiviato il 9 marzo 2012 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61544048 · ISNI (EN0000 0001 2135 5466 · SBN IT\ICCU\CFIV\228831 · LCCN (ENn82051778 · GND (DE119261618 · BNF (FRcb118974052 (data) · WorldCat Identities (ENn82-051778