Vincent Lindon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vincent Lindon nel 2018

Vincent Lindon (Boulogne-Billancourt, 15 luglio 1959) è un attore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nel 1959 da padre industriale e madre giornalista di moda che vivono nelle vicinanze della capitale Parigi. In gioventù svolge diversi lavori, prima in ambito giornalistico, in seguito come regista teatrale degli spettacoli di Coluche, ed infine come aiuto costumista di Alain Resnais. Il suo debutto come attore cinematografico avviene nel 1983, ma solo cinque anni dopo arriva il primo ruolo da protagonista nel film Il tempo delle mele 3 (1988), di Claude Pinoteau con Sophie Marceau.

Nel 1989 ha vinto il Premio Jean Gabin assegnato ogni anno ad una promessa del cinema francese. Ottiene grande notorietà nel 1992 interpretando La crisi! di Coline Serreau e, occasionalmente, lavora per il cinema italiano. Molto apprezzata è stata la sua interpretazione ne L'amore sospetto (2005), di Emmanuel Carrère. Nel 2015 ha vinto il Prix d'interprétation masculine al 68° Festival di Cannes con il film La legge del mercato[1].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Noto alle cronache rosa per essere stato legato sentimentalmente per alcuni anni a Carolina di Monaco, ha poi avuto una figlia da Sandrine Kiberlain.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio César
Anno Titolo Categoria Risultato
1993 La crisi! Migliore attore protagonista Candidato/a
2000 La truffa degli onesti Migliore attore protagonista Candidato/a
2008 Ceux qui restent Migliore attore protagonista Candidato/a
2010 Welcome Migliore attore protagonista Candidato/a
2013 Quelques heures de printemps Migliore attore protagonista Candidato/a
2016 La legge del mercato Migliore attore protagonista Vincitore/trice

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chi ha vinto a Cannes, ilpost.it, 24 maggio 2015. URL consultato il 25 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85143405 · ISNI (EN0000 0001 2141 9650 · LCCN (ENnr98003211 · GND (DE140253408 · BNF (FRcb14013159k (data) · WorldCat Identities (ENnr98-003211