Claude Zidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Claude Zidi (Parigi, 25 luglio 1934) è un regista e sceneggiatore francese, autore di commedie popolari di grande successo, tra cui Il commissadro (1984) e Asterix e Obelix contro Cesare (1999).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da genitori originari dell'Algeria, studia tecnica cinematografica all'Ecole Louis Lumière dal 1953 al 1955.

Negli anni sessanta lavora come operatore di macchina e dopo una breve esperienza come direttore della fotografia, tra il 1969 e il 1971, esordisce alla regia nel 1971 con la commedia Cinque matti al servizio di leva. È il primo dei suoi quattro film con il popolare gruppo di comici e musicisti Charlots.

Dirige Pierre Richard in Ci son dentro fino al collo... (1974) e Bagarre express (1975), Louis de Funès in L'ala o la coscia? (1976) e La zizanie (1978), Coluche in L'ala o la coscia?, Un commissario al di sotto di ogni sospetto (1980) e Banzai (1983), il divo Jean-Paul Belmondo nel film su misura per lui[1] L'animale (1977), Daniel Auteuil in I sottodotati (1980) e Les sous-doués en vacances (1982).

Il commissadro (1984), con la coppia Philippe Noiret-Thierry Lhermitte, amato da pubblico e critica in patria,[2] vincitore di tre Premi César 1985, tra cui quello per il miglior film e il miglior regista, è uno dei maggiori successi di Zidi, che ne realizza anche due seguiti, nel 1990 e nel 2003 (inediti in Italia).

Due (1989), interpretato da Gérard Depardieu, è un tentativo di commedia sofisticata al di fuori dell'abituale registro comico dell'autore.[3]

Da La totale! (1991) viene tratto un remake hollywoodiano, True Lies (1994), diretto da James Cameron.

A Zidi spetta l'onore e l'onere di portare sullo schermo in carne ed ossa il celeberrimo fumetto Asterix di Goscinny e Uderzo, in Asterix e Obelix contro Cesare (Astérix et Obélix contre César) (1999), la più ricca produzione francese realizzata fino ad allora.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regia e sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008. Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 978-88-6073-186-9 p. 192
  2. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 672
  3. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 931
  4. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008, p. 261

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN66591949 · ISNI: (EN0000 0001 2281 1419 · SBN: IT\ICCU\PUVV\246600 · LCCN: (ENnr2002003427 · GND: (DE137474199 · BNF: (FRcb127598540 (data)