Gaspard Ulliel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaspard Ulliel nel 2015

Gaspard Ulliel (/gas'paʁ y'ljɛl/; Boulogne-Billancourt, 25 novembre 1984) è un attore e modello francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di stilisti, Ulliel compie la sua prima comparsa come attore durante gli studi liceali, nella serie televisiva Une femme en blanc. Ha studiato cinematografia presso l'Università di Saint-Denis. Ha una sorella più giovane chiamata Elizabeth Camille Ulliel soprannominata "Lisa". Dopo aver recitato in vari telefilm come Juliette e Julien L'apprenti, entra nel cast del lungometraggio Alias (1999), il suo primo film.

Nominato nel 2003 per Embrassez qui vous voudrez e nel 2004 per Anime erranti, nel 2005 ha infine vinto il Premio César per la migliore promessa maschile con Una lunga domenica di passioni di Jean-Pierre Jeunet, dove recita a fianco di Audrey Tautou. In seguito ha indossato i panni del celebre criminologo cannibale Hannibal Lecter nel film Hannibal Lecter - Le origini del male, tratto dall'omonimo romanzo di Thomas Harris ed uscito nelle sale mondiali il 9 febbraio 2007. Inizialmente ha esitato ad accettare il ruolo a causa della popolarità raggiunta dal personaggio grazie ad Anthony Hopkins.

Protagonista della campagna pubblicitaria del nuovo profumo maschile Bleu de Chanel, il videoclip propagandistico, della durata di circa due minuti, è diretto da Martin Scorsese. La sua carriera procede tra film e serie tv dipendenti; nel 2014 veste i panni del celebre stilista Yves Saint Laurent nel film Saint Laurent, grazie al quale viene nuovamente nominato ai César come migliore attore protagonista.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ulliel ha avuto una relazione con Cécile Cassel dal 2005 al 2007, quindi una con Charlotte Casiraghi nel 2007, e una terza conla modella Jordan Crasselle dal 2008 al 2013. Dal 2013 l'attore è in coppia con la modella Gaëlle Pietri, dalla quale ha avuto un figlio nel 2016[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Gaspard Ulliel nel 2006
Gaspard Ulliel nel 2016

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Josephine Simon-Michel, Gaspard Ulliel papa pour la première fois, Paris Match, 9 febbraio 2016. URL consultato l'8 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29780048 · ISNI (EN0000 0001 2126 2163 · LCCN (ENno2005073566 · GND (DE13057161X · BNF (FRcb14593233p (data) · WorldCat Identities (ENno2005-073566