Chromatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chromatica
ArtistaLady Gaga
Tipo albumStudio
Pubblicazione29 maggio 2020
Durata42:59
Dischi1
Tracce16
GenereDance pop[1]
Disco[2]
Elettropop[3]
Synth pop[4]
EtichettaInterscope
ProduttoreMorgan Kibby, Lady Gaga, BloodPop, Axwell, Klahr, Tchami, Burns, Madeon, Skrillex, Liohn
RegistrazioneHenson Recording Studios, MXM e Conway Recording Studios, Los Angeles (California)
EastWest Studios, Hollywood (California)
Good Father Studios, Westfield (New Jersey)
FormatiCD, MC, LP, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroCanada Canada[5]
(vendite: 40 000+)
Francia Francia[6]
(vendite: 50 000+)
Italia Italia[7]
(vendite: 25 000+)
Norvegia Norvegia[8]
(vendite: 10 000+)
Polonia Polonia[9]
(vendite: 10 000+)
Regno Unito Regno Unito[10]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera[11]
(vendite: 10 000+)
Lady Gaga - cronologia
Album successivo
Logo
Logo del disco Chromatica
Singoli
  1. Stupid Love
    Pubblicato: 28 febbraio 2020
  2. Rain on Me
    Pubblicato: 22 maggio 2020
  3. 911
    Pubblicato: 25 settembre 2020

Chromatica è il sesto album in studio della cantante statunitense Lady Gaga, pubblicato il 29 maggio 2020 dalla Interscope Records.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

In alcune interviste rilasciate dopo l'annuncio di un'ultima tappa del suo Dive Bar Tour del 2016, Lady Gaga ha lasciato intendere che si sarebbe esibita con nuova musica durante quest'ultima tappa. Tuttavia l'evento è stato posticipato a data da destinarsi a causa di alcuni conflitti nell'agenda della cantante.[12] In seguito l'artista ha suggerito l'ipotesi di pubblicare nuova musica durante la sua tournée mondiale Joanne World Tour,[13] rivelando tuttavia che a causa di costrizioni e limiti posti dalla produzione degli spettacoli non avrebbe avuto modo di presentare materiale inedito.[14] Nonostante ciò Lady Gaga ha dichiarato di aver cominciato le fasi iniziali di scrittura del sesto album studio, che avrebbe fatto da seguito a Joanne.[14]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Durante i primi sette mesi del 2018 Lady Gaga è stata vista recarsi in diversi studi di registrazione tra Los Angeles e New York. Le prime sessioni di registrazioni sono state attribuite al lavoro di post-produzione per la colonna sonora A Star Is Born Soundtrack, mentre quelle successive si ritengono invece attribuibili alle prime fasi di produzione di Chromatica. Il produttore BloodPop, che ha coprodotto l'album precedente della cantante, ha rivelato che lui e Gaga stavano registrando a Malibù, presso la proprietà della cantante, insieme al produttore tedesco Boys Noize.[15] BloodPop ha continuato a pubblicare aggiornamenti simili per tutto il 2019 e gli inizi del 2020, facendo intendere che la produzione è durata per circa tre anni. A luglio 2018, inoltre, la produttrice di musica elettronica sperimentale Sophie ha confermato di aver contribuito alla produzione per il progetto venturo di Lady Gaga, ma di non sapere se il suo contributo sarebbe stato incluso o meno nel prodotto finale.[16]

In un'intervista con Zane Lowe, Gaga ha confermato che il progetto sarebbe stato un album dance, dicendo che «Balleremo sicuramente... Ho messo tutto il mio cuore, il mio dolore, i miei messaggi provenienti dall'altro reame di cui sento parlare... quello che mi dicono di dire al mondo, e io lo metto nella musica, che io ritengo essere così divertente ed energeticamente pura. Voglio che le persone ballino e si sentano felici. Vorrei pubblicare musica che una grossa fetta del mondo possa ascoltare e che diventi parte della loro vita quotidiana e li renda felici ogni singolo giorno.»[17]

La cantante ha reso noto come la sua mentalità si sia evoluta rispetto alla produzione del suo ultimo album, specialmente con la natura reale ed onesta della produzione di questo album, che la fa dubitare meno della sua creatività. Gaga è inoltre scesa nei dettagli riguardo al fatto che il processo collaborativo nel creare l'album l'ha aiutata a superare alcune sue sofferenze interiori:[18]

«Abbiamo fatto una gran parte dell'album nel mio studio. Ho una casa dove c'era il vecchio studio di Frank Zappa, è una stanza ampia, un grande studio, è bellissimo. Ed io stavo al piano di sopra, nella veranda fuori dalla cucina, e BloodPop saliva e diceva "Va bene, forza, è abbastanza, via dalla veranda!" ed io piangevo e dicevo "Sono triste, sono depressa" e lui "Lo so, ed ora faremo un po' di musica" così andavo al piano di sotto e scrivevo. Questo album è una dimostrazione non solo di come puoi riprogrammare il modo in cui vedi il mondo, ma prometto e spero, che l'amore che mi circondava nel processo di creazione di questo album è qualcosa che le altre persone possono sentire, che sanno che artisticamente... tipo, tutti sanno come sono i produttori, se un ragazzo ci sta lavorando sopra, o una ragazza, non vogliono che nessun altro ci lavori, non vogliono condividere, si risentono... non c'era nulla di tutto ciò. Queste canzoni sono state passate a così tanta gente, ci sono state davvero tante interazioni di queste canzoni perché tutti volevamo che fossero perfette e letteralmente a nessuno importava chi ci metteva mano, l'importante era che fossero la cosa più bella che potessimo dare al mondo e che fosse piena di significato, autentica e completamente me.»

In un'intervista concessa a Paper nel marzo 2020, la cantante ha spiegato come BloodPop sia stato il «centro» e il «nucleo» della produzione durante la creazione dell'album; nella medesima intervista ha spiegato anche di aver lavorato con un ampio gruppi di produttori e musicisti, tra i quali Burns, Axwell degli Swedish House Mafia, Tchami, Benjamin Rice e Rami Yacoub, per creare un album descritto come un «arazzo elettronico» dall'intervistatore. Nel discutere la grande atmosfera collaborativa che ha avvolto la produzione dell'album, la cantante ha dichiarato «È facile usare un computer e trovare un loop carino, ma i produttori con cui lavoro io non lavorano così. Quando sono ispirati, ricamano le cose».[19] Per il brano Rain on Me Gaga ha collaborato con Ariana Grande,[20] una «collega popstar che ha vissuto un immenso trauma in maniera simile sotto gli occhi di tutti» e con la quale ha realizzato un brano che rappresentasse una «celebrazione di tutte le lacrime»:[19]

«Mi son seduta con lei e abbiamo parlato delle nostre vite. Sono due donne che hanno una conversazione su come andare avanti ed essere grate per ciò che facciamo.»

Nella stessa intervista, ha anche anticipato canzoni come 911, riguardante i suoi psicofarmaci, e Free Woman, che risponde alla domanda sul cosa significhi essere una donna libera nel 2020.[19] Gaga ha parlato dell'origine di quest'ultima canzone, dicendo che «è venuta fuori in giorni in cui pensavo di morire. Ero tipo "Presto morirò, quindi è meglio che dica qualcosa di importante". Ora la ascolto e so che vivrò». La canzone affronta il suo bisogno di stare con qualcuno «per sopravvivere» cercando al contempo di essere una donna libera, un argomento che affronta nel verso «Non sono una nullità senza una mano forte».[19]

Il 23 aprile 2020, BloodPop ha postato la lista dei brani su Instagram dopo che Gaga l'aveva già pubblicata, indicando i produttori e gli autori che hanno lavorato all'album, inclusi quelli che non erano stati anticipati precedentemente come: Skrillex, Madeon, White Sea, Jacob Kasher, Ryan Tedder, Justin Tranter, Tom Norris, Ely Rise, Johannes Klahr, LIOHN e Madison Love. Riguardo alla presenza dei brani prodotti da Sophie nell'album, BloodPop ha risposto ad un fan dicendo che doveva essere ancora annunciato.[21]

Titolo e copertina[modifica | modifica wikitesto]

Riguardo al titolo dell'album, Lady Gaga ha dichiarato «Vivo su Chromatica, è lì che vivo. Sono andata nel mio spazio. Ho trovato la Terra, l'ho eliminata. La Terra è cancellata. Vivo su Chromatica». Una copertina temporanea è stata rivelata assieme al preordine dell'album, rappresentante un simbolo su sfondo rosa. La cantante ha spiegato che «c'è un'onda sinusoidale, che è il simbolo matematico per rappresentare il suono e, per me, il suono è ciò che mi ha curata nella mia vita, e mi ha curata ancora mentre creavo questo album, e questo è ciò di cui parla Chromatica».[22]

Gaga ha inoltre confermato il modo in cui il concept del pianeta Chromatica è andato a delinearsi, dicendo:[22]

«BloodPop l'ha ispirato, e abbiamo parlato di come Chromatica fosse essenzialmente una cosa a sé quando gli dai una prima occhiata, sembra riguardare i colori e tutti i diversi colori e anche la musica è fatta di scale cromatiche, no? Quindi sono tutti i colori, tutti i suoni, quindi noi stiamo parlando di inclusività, della vita e molte cose che vediamo attorno a noi e che viviamo sono matematiche, perciò è come se anche la musica e il suono fossero matematica. Quindi abbiamo parlato di ciò, e poi son tornata indietro e ho detto "OK, beh, sì, è inclusività ma in realtà è un modo di pensare" non è solo "Oh, Chromatica, siamo inclusivi con tutti i colori e tutte le persone" e quando dico "Tutti i colori e tutte le persone" intendo molto di più di quello che possiamo immaginare.»

Il 5 aprile 2020 è stata rivelata la copertina dell'album,[23] che rappresenta la cantante con capelli rosa cotonati e una tuta metallica con borchie e spuntoni; tale vestito è caratterizzato dalla manica destra ricoperta da elementi metallici, mentre gli stivali presentano tacchi costituiti da una zanna e un coltello. La cantante, inoltre, viene mostrata sdraiata su una grande grata di metallo illuminata da una luce neon color rosa caldo ed è schiacciata dal simbolo metallico dell'album.[24][25][26]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

In risposta alle voci dei tabloid riguardo alla possibilità che fosse incinta, Gaga ha twittato il 12 marzo 2019: «Voci sul fatto che io sia incinta? Sì, sono incinta di #LG6».[27] Ad ottobre 2019, la cantante ha ironicamente annunciato via Twitter che il suo nuovo album si sarebbe intitolato Adele, come la nota cantante britannica.[28] A gennaio 2020, molte fonti hanno riportato che la pubblicazione del primo singolo dell'album sarebbe avvenuta nei primi di febbraio, con l'uscita dell'album poco più avanti. Intitolato Stupid Love, il singolo è stato presentato il 28 febbraio insieme al relativo video musicale diretto da Daniel Askill e girato in collaborazione con Apple.

Il 2 marzo 2020 Gaga ha annunciato che l'album si sarebbe intitolato Chromatica e che sarebbe stato distribuito il 10 aprile successivo. Tuttavia, a causa della pandemia di COVID-19,[29] la cantante è stata costretta a posticipare la data di uscita al 29 maggio dello stesso anno.[30] Il 22 maggio è stato presentato il secondo singolo Rain on Me, in collaborazione con la cantante Ariana Grande,[31] seguito sei giorni più tardi dal singolo promozionale Sour Candy, realizzato in collaborazione con il gruppo musicale sudcoreano Blackpink.[32]

Per la promozione dell'album, la cantante ha annunciato il Chromatica Ball, una tournée di sei date, dal 24 luglio al 19 agosto 2020. Tale tour è stato però rinviato all'estate 2021 a causa della pandemia di COVID-19.[33]

Il 25 giugno l'artista ha lanciato un contest in collaborazione con Adobe con un premio di $10 000 in palio al fine di creare le immagini legate alla copertina dell'album.[34] Per celebrare l'ultimo episodio del podcast GagaRadio sulla piattaforma Apple Music, il 28 agosto la cantante ha pubblicato digitalmente una versione remix di Free Woman.[35] Il 18 settembre la cantante ha presentato il videoclip per 911, diretto da Tarsem Singh Dhandwar,[36] estratto come singolo il 25 dello stesso mese.[37]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[38] 4/5 stelle
Clash[39] 8/10
Consequence of Sound[40] A–
Entertainment Weekly[41] A–
Evening Standard[42] 4/5 stelle
Exclaim![43] 8/10
musicOMH[44] 4/5 stelle
New Musical Express[45] 4/5 stelle
Pitchfork[46] 7,3/10
PopMatters[47] 7/10
Rolling Stone[48] 4/5 stelle
Slant Magazine[49] 2.5/5 stelle
Sputnikmusic[50] 3/5 stelle
The A.V. Club[3] B
The Daily Telegraph[51] 4/5 stelle
The Guardian[52] 4/5 stelle
The Independent[53] 4/5 stelle
The Irish Times[54] 4/5 stelle
The Line of Best Fit[55] 9/10
The Times[56] 4/5 stelle

Chromatica ha ottenuto recensioni prevalentemente positive da parte dei critici musicali. Su Metacritic, sito che assegna un punteggio normalizzato su 100 in base a critiche selezionate, l'album ha ottenuto un punteggio medio di 79 basato su venticinque critiche.[57]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ai LOS40 Music Awards il disco è stato candidato come Miglior album internazionale.[58]

Riconoscimenti di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Chromatica I – 1:00 (musica: Lady Gaga, Morgan Kibby)
  2. Alice – 2:57 (Lady Gaga, BloodPop, Axel Hedfors, Justin Tranter, Johannes Klahr)
  3. Stupid Love – 3:13 (Lady Gaga, BloodPop, Max Martin, Martin Joseph Léonard Bresso, Ely Rise)
  4. Rain on Me (with Ariana Grande) – 3:02 (Lady Gaga, BloodPop, Matthew Burns, Nija Charles, Rami Yacoub, Martin Joseph Léonard Bresso, Ariana Grande)
  5. Free Woman – 3:11 (Lady Gaga, BloodPop, Axel Hedfors, Johannes Klahr)
  6. Fun Tonight – 2:53 (Lady Gaga, BloodPop, Matthew Burns, Rami Yacoub)
  7. Chromatica II – 0:41 (musica: Lady Gaga, Morgan Kibby)
  8. 911 – 2:52 (Lady Gaga, BloodPop, Madeon, Justin Tranter)
  9. Plastic Doll – 3:41 (Lady Gaga, BloodPop, Skrillex, Rami Yacoub, Jacob "Jkash" Hindlin)
  10. Sour Candy (with Blackpink) – 2:37 (Lady Gaga, BloodPop, Matthew Burns, Rami Yacoub, Madison Emiko Love)
  11. Enigma – 2:59 (Lady Gaga, BloodPop, Matthew Burns, Jacob "Jkash" Hindlin)
  12. Replay – 3:06 (Lady Gaga, BloodPop, Matthew Burns)
  13. Chromatica III – 0:27 (musica: Lady Gaga, Morgan Kibby)
  14. Sine from Above (with Elton John) – 4:04 (Lady Gaga, BloodPop, Elton John, Axel Hedfors, Johannes Klahr, Rami Yacoub, Richard Zastenker, Ryan Tedder, Sebastian Ingrosso, Benjamin Rice, Vincent Ponte, Salem Al Fakir)
  15. 1000 Doves – 3:35 (Lady Gaga, BloodPop, Martin Joseph Léonard Bresso, Rami Yacoub)
  16. Babylon – 2:41 (Lady Gaga, BloodPop, Matthew Burns)
Tracce bonus nell'edizione deluxe
  1. Love Me Right – 2:50
  2. 1000 Doves (Piano Demo) – 2:48 (Lady Gaga, BloodPop, Martin Joseph Léonard Bresso, Rami Yacoub)
  3. Stupid Love (Vitaclub Warehouse Mix) – 3:41 (Lady Gaga, BloodPop, Max Martin, Martin Joseph Léonard Bresso, Ely Rise)
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Stupid Love (Ellis Remix) – 3:33 (Lady Gaga, BloodPop, Max Martin, Martin Joseph Léonard Bresso, Ely Rise)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
  • Lady Gagavoce (eccetto tracce 1, 7 e 13)
  • Amie Doherty – orchestrazione e direzione orchestra (tracce 1, 7 e 13)
  • Alyssa Park – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Shalini Vijavan – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Jessica Guideri – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Luanne Homzy – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Charlie Bisharat – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Neel Hammond – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Lucia Micarelli – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Songa Lee – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Marisa Kuney – violino (tracce 1, 7 e 13)
  • Meredith Crawford – viola (tracce 1, 7 e 13)
  • Erik Rynearson – viola (tracce 1, 7 e 13)
  • Andrew Duckles – viola (tracce 1, 7 e 13)
  • Linnea Powell – viola (tracce 1, 7 e 13)
  • Vanessa Freebairn Smith – violoncello (tracce 1, 7 e 13)
  • Tim Loo – violoncello (tracce 1, 7 e 13)
  • Giovanna Clayton – violoncello (tracce 1, 7 e 13)
  • Ian Walker – contrabbasso (tracce 1, 7 e 13)
  • Dylan Hart – corno francese (tracce 1, 7 e 13)
  • Laura Brenes – corno francese (tracce 1, 7 e 13)
  • Mark Adams – corno francese (tracce 1, 7 e 13)
  • Katie Faraudo – corno francese (tracce 1, 7 e 13)
  • Teag Heaves – corno francese (tracce 1, 7 e 13)
  • Allen Foole – corno francese (tracce 1, 7 e 13)
  • Steve Holtman – trombone (tracce 1, 7 e 13)
  • Reggie Young – trombone (tracce 1, 7 e 13)
  • Nick Daley – trombone (tracce 1, 7 e 13)
  • BloodPopbatteria, basso e tastiera (tracce 2, 3, 5, 6, 8-10, 14-16), programmazione (tracce 2, 3 e 15), chitarra (tracce 3, 5, 6, 8, 9, 14 e 15), percussioni (traccia 3, 6, 8-10, 14 e 16)
  • Axwell – batteria, basso e tastiera (tracce 2, 5 e 14), programmazione (traccia 2), chitarra e percussioni (tracce 5 e 14)
  • Klahr – batteria, basso e tastiera (tracce 2, 5 e 14), programmazione (traccia 2), chitarra e percussioni (tracce 5 e 14)
  • John "JR" Robinson – batteria (traccia 3)
  • Tchami – batteria, basso, tastiera, chitarra e programmazione (tracce 3 e 15), percussioni (traccia 3)
  • Ariana Grande – voce (traccia 4)
  • Matthew Burns – batteria e basso (tracce 4, 6, 10-12 e 16), tastiera (tracce 4, 6, 10-12, 14 e 16), chitarra (tracce 4, 6, 11, 12 e 14), percussioni (tracce 6, 10, 12, 14 e 16)
  • Leddie Garcia – percussioni (tracce 4 e 11)
  • Rachel Mazer – sassofono (tracce 4, 11 e 16)
  • Madeon – batteria, basso e tastiera (traccia 8), chitarra e percussioni (tracce 8 e 9)
  • Skrillex – batteria, basso e tastiera (traccia 9)
  • Blackpink – voci (traccia 10)
  • Madison Love – cori (traccia 10)
  • Elton John – voce (traccia 14)
  • Rami Yacoub – cori (traccia 15)
  • Vanessa Bryan – cori (traccia 16)
  • Jyvonne Haskin – cori (traccia 16)
  • Jantre Christian – cori (traccia 16)
  • Laurhan Beato – cori (traccia 16)
  • Adryon De Leon – cori (traccia 16)
  • Shameka Dwight – cori (traccia 16)
  • India Carney – cori (traccia 16)
  • Tia Simmone – cori (traccia 16)
  • Ronnie Ohannon – cori (traccia 16)
  • Daniel Joshua – cori (traccia 16)
  • Matt Bloyd – cori (traccia 16)
  • William Washington – cori (traccia 16)
Produzione
  • BloodPop – produzione esecutiva, produzione (tracce 2-6, 8-11, 14-16)
  • Lady Gaga – produzione esecutiva, produzione (tracce 1, 7 e 13)
  • Randy Merrill – mastering
  • Morgan Kibby – produzione (tracce 1, 7 e 13)
  • Mike Schuppan – ingegneria del suono e missaggio (tracce 1, 7 e 13)
  • Axwell – produzione (tracce 2, 5 e 14)
  • Klahr – produzione (tracce 2, 5 e 14)
  • Benjamin Rice – produzione vocale, registrazione e missaggio (tracce 2-6, 8-12, 14-16)
  • Tom Norris – missaggio (tracce 2-6, 8-12, 14-16)
  • E. Scott Kelly – assistenza al missaggio (tracce 2-6, 9-12, 14-16)
  • Tchami – produzione (tracce 3 e 15), missaggio (traccia 3), produzione aggiuntiva (traccia 16)
  • Max Martin – coproduzione (traccia 3), produzione vocale (traccia 3)
  • Burns – produzione (tracce 4, 6, 10-12 e 14)
  • Madeon – produzione (traccia 8)
  • Skrillex – produzione (traccia 9)
  • Liohn – produzione (traccia 14)
  • Rami Yacoub – produzione aggiuntiva (traccia 14)

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Nord America[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti d'America Chromatica ha esordito in vetta alla Billboard 200 statunitense. È diventato il sesto album consecutivo della cantante a conseguire tale risultato dopo aver venduto nella sua prima settimana 274 000 unità equivalenti, di cui 205 000 sono vendite pure, 65 000 sono stream-equivalent units risultanti da 87,16 milioni di riproduzioni in streaming dei brani mentre le restanti 4 000 sono track-equivalent units equivalenti alle vendite digitali dei singoli brani. Gaga è divenuta la sesta interprete femminile ad accumulare sei album numero uno e la donna ad averli raccolti più velocemente, in solo nove anni e due giorni.[80] Nella settimana successiva è sceso al 2º posto con 64 000 unità distribuite, registrando un calo di vendite del 77% rispetto alla settimana di debutto.[81]

Ha esordito al primo posto anche nella classifica canadese con 28 000 unità totalizzate nella prima settimana, diventando così il quarto disco numero uno della cantante;[82] ha in seguito trascorso una seconda settimana consecutiva in cima grazie a poco più di 6 000 unità.[83] Nel corso del 2020 l'album ha totalizzato 96 000 unità vendute sul suolo canadese, di cui 30 000 copie pure (19 000 CD, 8 000 download digitali, e le restanti 3 000 in cassetta o vinile).[84]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Nella Official Albums Chart britannica ha debuttato in prima posizione, diventando il quarto album numero uno di Lady Gaga. Nella sua prima settimana ha totalizzato 52 907 unità, di cui 31 709 copie digitali, 14 893 provenienti dalle riproduzioni streaming e 8 500 copie distribuite in formato vinile, segnando il più grande debutto settimanale dell'anno e il migliore per un'artista femminile da Thank U, Next di Ariana Grande del 2019. Ha venduto di più del resto dei progetti presenti in top ten combinati.[85][86] È rimasto in vetta per una seconda settimana consecutiva distribuendo 12 819 unità, registrando un calo di vendite del 76% e con sole 571 copie in più del secondo classificato, Deep Down Happy degli Sports Team.[87]

Nella Irish Albums Chart l'album ha esordito in vetta, divenendo il terzo album numero uno di Lady Gaga in Irlanda e registrando il miglior debutto settimanale del 2020 per quanto riguarda le vendite pure; ha inoltre venduto di più dei restanti quattro dischi presenti in top five combinati.[88] Ha mantenuto il piazzamento per una seconda settimana consecutiva, risultando primo anche tra le vendite fisiche.[89] Nella classifica italiana degli album stilata dalla FIMI è diventato il terzo album numero uno della cantante e il primo da Born This Way del 2011, risultando il disco più venduto della settimana anche tra i vinili.[90] Anche in Francia è entrato direttamente al primo posto grazie a 21 746 unità vendute, segnando il maggior debutto settimanale per un album in territorio francese tra le artiste femminili e tra gli artisti internazionali.[91] È poi sceso di una posizione con ulteriori 4 100 unità, segnando un decremento di vendite del 76%.[92] A fine anno è risultato il 64º disco più venduto, 7º tra gli album internazionali, in territorio francese grazie a 64 500 unità di vendita.[93]

Asia e Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Con soli tre giorni di vendite presi in considerazione, ha debuttato alla 3ª posizione della classifica giapponese delle vendite fisiche e digitali Oricon con 7 783 copie vendute,[94] per poi scendere alla 10ª posizione vendendone 3 691.[95] In Corea del Sud ha debuttato alla 64ª posizione nella Gaon Chart.[96] In Australia ha esordito al primo posto, diventando il quarto album numero uno di Gaga nella classifica.[97] Il disco è rimasto in vetta alla classifica per una seconda settimana consecutiva.[98] In quella neozelandese, similmente, ha fatto il suo ingresso in cima, divenendo il quarto album numero uno della cantante in tale territorio.[99]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2020) Posizione
Australia[118] 22
Austria[119] 67
Belgio (Fiandre)[120] 48
Belgio (Vallonia)[121] 41
Canada[122] 34
Croazia[123] 10
Francia[124] 64
Germania[125] 74
Irlanda[126] 44
Italia[127] 37
Nuova Zelanda[128] 47
Paesi Bassi[129] 50
Portogallo[130] 35
Regno Unito[131] 22
Spagna[132] 32
Stati Uniti[133] 50
Svezia[134] 86
Svizzera[135] 30
Ungheria[136] 61

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Adam Antar, Chromatica: a review and analysis of Lady Gaga's new album, Medium, 28 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  2. ^ (EN) Chuck Arnold, 'Chromatica' review: Lady Gaga’s dance party is a pumping lockdown release, su New York Post, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  3. ^ a b (EN) Patrick Gomez, Lady Gaga returns to her electro-pop roots—and channels Madonna (again)—on Chromatica, su The A.V. Club, 28 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  4. ^ (EN) Charlotte Gunn, Here's what you need to know about Lady Gaga's Chromatica, su The Face, 29 maggio 2020. URL consultato il 30 maggio 2020.
  5. ^ (EN) Chromatica – Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 22 giugno 2020.
  6. ^ (FR) Lady Gaga - Chromatica – Les certifications, SNEP. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  7. ^ Chromatica (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  8. ^ (NO) Troféoversikt - 2020, IFPI Norge. URL consultato il 29 ottobre 2020.
  9. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  10. ^ (EN) Chromatica, British Phonographic Industry. URL consultato il 24 luglio 2020.
  11. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 28 febbraio 2021.
  12. ^ (EN) Jem Aswad, Lady Gaga's Las Vegas Dive Bar Tour Stop Postponed, su Variety, 11 luglio 2017. URL consultato il 21 maggio 2020.
  13. ^ (EN) Will Butler, Lady Gaga to debut new music on tour, su New Musical Express, 6 luglio 2017. URL consultato il 21 maggio 2020.
  14. ^ a b (EN) Joey Nolfi, Lady Gaga is working on a new album: 'I have a lot of ideas', su Entertainment Weekly, 29 agosto 2017. URL consultato il 21 maggio 2020.
  15. ^ (EN) Kat Bein, Lady Gaga and Boys Noize are working together in the studio, su Billboard, 19 aprile 2018. URL consultato il 21 maggio 2020.
  16. ^ (EN) Jasmine Ting, SOPHIE confirms Lady Gaga's collab, su Paper, 8 luglio 2018. URL consultato il 21 maggio 2020.
  17. ^ (EN) Lady Gaga Interview with Zane Lowe, Apple Music. URL consultato il 21 maggio 2020.
  18. ^ (EN) Lady Gaga on "Stupid Love", Apple Music. URL consultato il 21 maggio 2020.
  19. ^ a b c d (EN) Justin Moran, Lady Gaga on "Chromatica", su Paper, 16 marzo 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  20. ^ (EN) Lady Gaga & Ariana Grande announced their collab 'Rain On Me' is coming very soon, su fr.cameroonmagazine.com, 18 maggio 2020. URL consultato il 21 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2020).
  21. ^ (EN) BloodPop, BloodPop on Instagram, Instagram, 22 aprile 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  22. ^ a b (EN) Matthew Strauss, Madison Bloom, Lady Gaga announces new album Chromatica, Pitchfork, 2 marzo 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  23. ^ (EN) ladygaga, Chromatica (Tweet), su Twitter, 5 aprile 2020. URL consultato il 21 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2020).
  24. ^ (EN) Rhian Daly, Lady Gaga shares first look at Chromatica album artwork, su New Musical Express, 5 aprile 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  25. ^ (EN) Mike Wass, Lady Gaga unveils the mind-boggling cover of Chromatica, Idolator, 5 aprile 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  26. ^ (EN) Hilary Hughes, Lady Gaga Flexes Her 'Chromatica' Claws in New Album Cover Art, su Billboard, 5 aprile 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  27. ^ (EN) ladygaga, Rumours I'm pregnant? Yeah, I'm pregnant with #LG6 (Tweet), su Twitter, 12 marzo 2019. URL consultato il 21 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2020).
  28. ^ (EN) Patrick Clarke, Is Lady Gaga naming her next album ADELE?, su New Musical Express, 1º ottobre 2019. URL consultato il 21 maggio 2020.
  29. ^ (EN) Hilary Hughes, Lady Gaga Pushes Back 'Chromatica' Album Due to 'All That Is Going On' With Global Pandemic, su Billboard, 24 marzo 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  30. ^ (EN) James Rettig, Lady Gaga Chromatica release date change, Stereogum, 6 maggio 2020. URL consultato il 21 maggio 2020.
  31. ^ (EN) Althea Legaspi, Lady Gaga, Ariana Grande Team for Rejuvenating New Song 'Rain on Me', su Rolling Stone, 22 maggio 2020. URL consultato il 22 maggio 2020.
  32. ^ (EN) Claire Shaffer, Lady Gaga, Blackpink Share Confectionary Club Track 'Sour Candy', su Rolling Stone, 28 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.
  33. ^ (EN) Joey Nolfi, Lady Gaga postpones 'Chromatica Ball' tour over coronavirus pandemic, su Entertainment Weekly, 26 giugno 2020. URL consultato il 26 giugno 2020.
  34. ^ Lady Gaga collabora con Adobe per $ 10.000 "Chromatica" Art Challenge Fan, Clubradio, 25 giugno 2020. URL consultato il 26 giugno 2020.
  35. ^ (EN) ladygaga, To celebrate the final episode of #GAGARADIO on @applemusic, my buddy @zanelowe just debuted the one and only Miss @HoneyDijon's remix of Free Woman on New Music Daily Radio. (Tweet), su Twitter, 28 agosto 2020. URL consultato il 20 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2020).
  36. ^ (EN) Justin Curto, Lady Gaga Drops '911' Music Video With a Shocking Twist, su Vulture, 18 settembre 2020. URL consultato il 19 settembre 2020.
  37. ^ Stefano Fontana, Lady Gaga - 911 (Radio Date: 25-09-2020), EarOne, 21 settembre 2020. URL consultato il 22 settembre 2020.
  38. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Chromatica, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 6 giugno 2020.
  39. ^ (EN) Joe Rivers, Lady Gaga - Chromatica, su Clash, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  40. ^ (EN) Laura Dzubay, Lady Gaga's Chromatica Dances Through the Pain and Trauma: Review, su Consequence of Sound, 2 giugno 2020. URL consultato il 3 giugno 2020.
  41. ^ (EN) Leah Greenblatt, Lady Gaga's Chromatica offers a glitter-dusted escape from strange times: Review, su Entertainment Weekly, 29 maggio 2020. URL consultato il 30 maggio 2020.
  42. ^ (EN) David Smyth, Lady Gaga - Chromatica review: A non-stop pop rocket into space, su Evening Standard, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  43. ^ (EN) Katie Tymochenko, 'Chromatica' Is Lady Gaga's Grand Return to the Dance Floor, su Exclaim!, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  44. ^ (EN) Nick Smith, Lady Gaga – Chromatica, su musicOMH, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  45. ^ (EN) Hannah Mylrea, Lady Gaga – 'Chromatica' review: a pure pop celebration from an icon in a world of her own, su New Musical Express, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  46. ^ (EN) Katherine St. Asaph, Lady Gaga: Chromatica, Pitchfork, 31 maggio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  47. ^ (EN) Evan Sawdey, Lady Gaga's 'Chromatica' Hides Its True Intentions Behind Dancefloor Exuberance, su PopMatters, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  48. ^ (EN) Kori Grow, Lady Gaga Returns to the Dance Floor on 'Chromatica', su Rolling Stone, 1º giugno 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  49. ^ (EN) Sal Cinquemani, Review: Lady Gaga's Chromatica Is a Concept in Search of an Album, su Slant Magazine, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  50. ^ (EN) Simon K., Lady Gaga: Chromatica, Sputnikmusic, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  51. ^ (EN) Neil McCormick, Lady Gaga, Chromatica review: dance away your troubles with pop's queen of the glitterball, su The Daily Telegraph, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  52. ^ (EN) Michael Cragg, Lady Gaga: Chromatica review – Gaga rediscovers the riot on her most personal album, su The Guardian, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  53. ^ (EN) Alexandra Pollard, Lady Gaga review, Chromatica: Big, brazen pop with an introspective side, su The Independent, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  54. ^ (EN) Louise Bruton, Lady Gaga: Chromatica review – A star is reborn in this return to fully fledged pop, su The Irish Times, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  55. ^ (EN) Tom Johnson, Lady Gaga returns to dance pop infamy while turning her attention inwards, su The Line of Best Fit, 1º giugno 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  56. ^ (EN) Will Hodgkinson, Lady Gaga: Chromatica review — the pop star's glossy, upbeat Eurovision audition, su The Times, 29 maggio 2020. URL consultato il 29 maggio 2020.
  57. ^ (EN) Chromatica, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 10 settembre 2020.
  58. ^ (ES) LOS40 Music Awards 2020: Dua Lipa, The Weeknd y Maluma, máximos nominados, Los40, 15 ottobre 2020. URL consultato il 20 novembre 2020.
  59. ^ (EN) The Weeknd, Fiona Apple, Run the Jewels and more: Yahoo Entertainment staff picks for best albums of 2020, Yahoo!, 22 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  60. ^ (EN) Jeff Nelson, PEOPLE Picks the Top 10 Albums of 2020, su People, 10 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  61. ^ (EN) Evan Sawdey, The 15 Best Pop Albums of 2020, su PopMatters, 11 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  62. ^ (EN) The 20 best albums of 2020, su Dazed, 18 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  63. ^ (EN) The 50 Best Albums of 2020: Staff Picks, su Billboard, 7 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  64. ^ (EN) Top 50 Albums of 2020, su Consequence of Sound, 1º dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  65. ^ (EN) Woodrow Whyte, The 20 best albums of 2020, PopBuzz, 10 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  66. ^ (EN) Jonathan Bernstein, Emily Blake, Jon Blistein, Jon Dolan, Patrick Doyle, Brenna Ehrlich, Jon Freeman, Kory Grow, Christian Hoard, Joseph Hudak, Elias Leight, Angie Martoccio, Claire Shaffer, Rob Sheffield, Hank Shteamer, Simon Vozick-Levinson, The 50 Best Albums of 2020, su Rolling Stone, 4 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  67. ^ (EN) Hattie Collins, The 20 best albums of 2020, su Vogue India, 20 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  68. ^ (EN) DIY's Albums of 2020, su DIY, 15 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  69. ^ (EN) The 50 best albums of 2020, su New Musical Express, 11 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  70. ^ (EN) Clash Albums Of The Year 2020, su Clash, 14 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  71. ^ (EN) Brea Cudit, Presenting 50 of the Best Albums to Drop in 2020, PopSugar, 14 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  72. ^ (EN) 25 Best Albums Of 2020, PopCrush, 9 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  73. ^ (EN) Dork's Albums Of The Year 2020, su Dork, 15 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  74. ^ (EN) The Genius Community's 50 Best Albums of 2020, Genius, 10 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  75. ^ (EN) Christopher Rosa, The 30 Best Albums of 2020, su Glamour, 15 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  76. ^ (EN) Michael Hubbard, musicOMH's Top 50 Albums Of 2020, su musicOMH, 16 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  77. ^ (EN) The 100 Best Albums of 2020, su Vice, 8 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  78. ^ (EN) The Allmusic 2020: Year In Review, AllMusic. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  79. ^ (EN) Nylon's Top Albums Of 2020, su Nylon, 14 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  80. ^ (EN) Keith Caulfield, Lady Gaga Scores Sixth No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Chromatica', su Billboard, 7 giugno 2020. URL consultato l'8 giugno 2020.
  81. ^ (EN) Keith Caulfield, Lil Baby's 'My Turn' Album Returns to No. 1 on Billboard 200 Chart After Three Months, su Billboard, 14 giugno 2020. URL consultato il 17 giugno 2020.
  82. ^ (EN) Lady Gaga Has This Week's No. 1 Album, su fyimusicnews.ca, 7 giugno 2020. URL consultato l'8 giugno 2020.
  83. ^ (EN) Lady Gaga's Chromatic Remains No. 1 In Its Second Week, su fyimusicnews.ca, 14 giugno 2020. URL consultato il 17 giugno 2020.
  84. ^ (EN) Year-end Report - Canada 2020 (PDF), su Billboard. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  85. ^ (EN) Rob Copsey, Lady Gaga's Chromatica scores biggest opening week of 2020, Official Charts Company, 5 giugno 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  86. ^ (EN) James Masterton, Charts analysis: Lady Gaga outsells rest of Top 10 combined with Chromatica, su Music Week, 5 giugno 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  87. ^ (EN) James Masterton, Charts analysis: Lady Gaga holds on at summit in close sales week, su Music Week, 12 giugno 2020. URL consultato il 13 giugno 2020.
  88. ^ (EN) Jack White, Lady Gaga claims third Irish Number 1 album with Chromatica, Official Charts Company, 5 giugno 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  89. ^ (EN) Jack White, Lady Gaga retains the Official Irish Albums Chart top spot with Chromatica, Official Charts Company, 12 giugno 2020. URL consultato il 13 giugno 2020.
  90. ^ Chromatica di Lady Gaga debutta al primo posto in Italia, Sky TG24, 5 giugno 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  91. ^ (FR) "Chromatica" : Lady Gaga entre numéro un des ventes en France, su chartsinfrance.net, 5 giugno 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  92. ^ (FR) Top Albums : Vitaa et Slimane surclassent Lady Gaga, Hoshi devant Lara Fabian, su chartsinfrance.net, 15 giugno 2020. URL consultato il 17 giugno 2020.
  93. ^ (FR) Vitaa et Slimane, Ninho, Angèle... Les meilleures ventes d'albums de 2020 avec streaming, su chartsinfrance.net, 12 gennaio 2021. URL consultato il 29 gennaio 2021.
  94. ^ (JA) 週間 アルバムランキング - 2020年06月08日付(2020年05月25日~2020年05月31日), Oricon. URL consultato il 3 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2020).
  95. ^ (JA) 週間 アルバムランキング - 2020年06月15日付(2020年06月01日~2020年06月07日), Oricon. URL consultato il 10 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2020).
  96. ^ a b (KO) 2020년 24주차 Album Chart, Gaon Chart. URL consultato il 18 giugno 2020.
  97. ^ (EN) Lady Gaga lands fourth #1 album, ARIA Charts, 6 giugno 2020. URL consultato il 6 giugno 2020.
  98. ^ (EN) Second Week at #1 for Lady Gaga's Chromatica, ARIA Charts, 13 giugno 2020. URL consultato il 17 giugno 2020.
  99. ^ (EN) GOING GAGA OVER #1, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 6 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2020).
  100. ^ (ES) Los discos más vendidos de la semana, su diariodecultura.com.ar. URL consultato il 30 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2020).
  101. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (NL) Lady Gaga - Chromatica, Ultratop. URL consultato il 10 giugno 2020.
  102. ^ (EN) Lady Gaga - Chart history (Billboard Canadian Albums), su Billboard. URL consultato l'8 giugno 2020.
  103. ^ (HR) Lista prodaje 24. tjedan 2020. (08.06.2020. - 14.06.2020.), Top Lista. URL consultato il 22 giugno 2020.
  104. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-40 MUUSIKAS: Reket paugutas endale uue number ühe, su Eesti Ekspress. URL consultato il 9 giugno 2020.
  105. ^ (JA) 週間 合算アルバムランキング – 2020年06月08日付 (2020年05月25日~2020年05月31日), Oricon. URL consultato il 31 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2020).
  106. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart (Combined) - Week: 26/2020, IFPI Greece. URL consultato il 6 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2020).
  107. ^ (EN) DISCOGRAPHY - LADY GAGA, su irish-charts.com. URL consultato il 5 giugno 2020.
  108. ^ (IS) TÓNLISTINN – PLÖTUR – Vika 23, 2020, Plötutíðindi. URL consultato il 9 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2020).
  109. ^ (LT) 2020 23-os SAVAITĖS (gegužės 29-birželio 4 d.) ALBUMŲ TOP100., AGATA. URL consultato il 5 giugno 2020.
  110. ^ (ES) Top álbum internacional semanal - Contempla solamente las ventas físicas de álbumes internacionales del 12 al 18 de Junio de 2020, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 9 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2020).
  111. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży - 18 June 2020, OLiS. URL consultato il 18 giugno 2020.
  112. ^ (EN) Chromatica - Full Official Chart History, Official Charts Company. URL consultato il 5 giugno 2020.
  113. ^ (CS) CZ - ALBUMS - TOP 100 - LADY GAGA - Chromatica, ČNS IFPI. URL consultato l'8 giugno 2020.
  114. ^ (CS) SK - ALBUMS - TOP 100 - LADY GAGA - Chromatica, ČNS IFPI. URL consultato l'8 giugno 2020.
  115. ^ (EN) Lady Gaga - Chromatica, El Portal de Música. URL consultato il 9 giugno 2020.
  116. ^ (EN) Lady Gaga - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato l'8 giugno 2020.
  117. ^ (HU) Album Top 40 slágerlista: 2020. 23. hét: 2020. 05. 29. - 2020. 06. 04., Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 12 giugno 2020.
  118. ^ (EN) ARIA Top 100 Albums for 2020, ARIA Charts. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  119. ^ (DE) Ö3 Austria Top40 Longplay 2020, su oe3.orf.at. URL consultato il 30 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2020).
  120. ^ (NL) Jaaroverzichten 2020, Ultratop. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  121. ^ (FR) Rapports Annuels 2020, Ultratop. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  122. ^ (EN) Year-End Charts - Top Canadian Albums - 2020, su Billboard. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  123. ^ (HR) Inozemna izdanja - Godišnja lista - 2020, Top Lista. URL consultato il 3 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2021).
  124. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2020, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  125. ^ (DE) Top 100 Album-Jahrescharts 2020, Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  126. ^ (EN) Jack White, Ireland's Official Top 50 biggest albums of 2020, Official Charts Company. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  127. ^ Top of the Music 2020: 'Persona' di Marracash è l'album più venduto, Federazione Industria Musicale Italiana, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  128. ^ (EN) Official Top 40 Albums - End of Year Charts 2020, The Official NZ Music Charts. URL consultato il 4 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2020).
  129. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2020, Dutch Charts. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  130. ^ (PT) TOP AFP/AUDIOGEST - Semanas 01 a 53 de 2020 - De 27/12/2019 a 31/12/2020 (PDF), Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 26 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2021).
  131. ^ (EN) Rob Copsey, The Official Top 40 biggest albums of 2020, Official Charts Company. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  132. ^ (EN) Top 100 Albums Annual: 2020, El Portal de Música. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  133. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2020, su Billboard. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  134. ^ (SV) Årslista Album, 2020, Sverigetopplistan. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  135. ^ (DE) SCHWEIZER JAHRESHITPARADE 2020, Schweizer Hitparade. URL consultato il 28 dicembre 2020.
  136. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2020, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 3 febbraio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica