The Fame Monster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Fame Monster
ArtistaLady Gaga
Tipo albumEP
Pubblicazione18 novembre 2009
(vedi date di pubblicazione)
Durata34:09
Dischi1
Tracce8
GenereElettropop[1][2]
Musica sperimentale[2]
EtichettaStreamline, Interscope, Kon Live, CherryTree
ProduttoreLady Gaga, RedOne, Space Cowboy, Fernando Garibay, Martin Kierszenbaum
Registrazione2009
Record Plant Studis, Darkchild Studios, Metropolis Studios, FC Walvisch[3]
FormatiCD, download digitale
NoteGrammy Award icon.svg Miglior album pop vocale 2011
Certificazioni
Dischi di platinoAustralia Australia (3)[4]
(vendite: 210 000+)
Brasile Brasile (2)[5]
(vendite: 80 000+)
Belgio Belgio (2)[6]
(vendite: 60 000+)
Danimarca Danimarca (3)[7]
(vendite: 60 000+)
Europa Europa (3)[8]
(vendite: 3 000 000+)
Finlandia Finlandia[9]
(vendite: 25 358+)
Francia Francia (2)[10]
(vendite: 200 000+)
Giappone Giappone (2)[11]
(vendite: 500 000+)
Grecia Grecia[12]
(vendite: 6 000+)
Indonesia Indonesia (5)[13]
(vendite: 50 000+)
Irlanda Irlanda (9)[14]
(vendite: 105 000+)
Italia Italia (2)[15]
(vendite: 120 000+)
Norvegia Norvegia (8)[16]
(vendite: 240 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (5)[17]
(vendite: 75 000+)
Romania Romania[18]
(vendite: 25 000+)
Russia Russia (4)[19]
(vendite: 40 000+)
Spagna Spagna[20]
(vendite: 40 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[21]
(vendite: 1 000 000+)
Svezia Svezia[22]
(vendite: 40 000+)
Dischi di diamantePolonia Polonia[23]
(vendite: 100 000+)
Lady Gaga - cronologia
EP precedente
(2008)
Logo
Logo del disco The Fame Monster
Singoli
  1. Bad Romance
    Pubblicato: 26 ottobre 2009
  2. Telephone
    Pubblicato: 15 febbraio 2010
  3. Alejandro
    Pubblicato: 20 aprile 2010
  4. Dance in the Dark
    Pubblicato: 26 luglio 2010

The Fame Monster (reso graficamente come The Fame Mons†er) è un extended play della cantautrice statunitense Lady Gaga, pubblicato il 18 novembre 2009 dall'etichetta Interscope Records.

Il disco contiene otto brani musicali, i quali sono stati proposti in vendita singola sebbene inizialmente dovessero far parte esclusivamente della ristampa dell'album d'esordio della cantante, The Fame. In alcuni mercati è stata distribuita una versione dell'album dal titolo The Fame Monster (International Deluxe) contenente entrambi i dischi. I brani contenuti nel disco sono stati prodotti da RedOne, Teddy Riley, Darkchild, Ron Fair e Fernando Garibay.

Il primo singolo estratto è stato Bad Romance che ha raggiunto la vetta delle classifiche in oltre venti Paesi tra cui Canada, Irlanda, Italia, Svezia e Regno Unito. Il secondo singolo estratto dall'album fu Telephone, con la partecipazione di Beyoncé. Il terzo singolo fu Alejandro, seguito da Dance in the Dark, estratto come tale il 26 luglio 2010.

In alcune nazioni l'EP è entrato in classifica insieme al precedente, The Fame, senza costituire un tutt'uno, come nel caso di Stati Uniti d'America, Canada e Giappone. Al contrario, in Paesi come l'Italia, ha sostituito l'album precedente, sovrapponendosi ad esso e riscuotendo un successo talvolta anche superiore al primo. Lady Gaga ha annunciato il The Monster Ball Tour per promuovere l'EP, che è iniziato il 27 novembre 2009 ed è finito il 6 maggio 2011.

Ad esclusione dei singoli, anche il brano Speechless è riuscito ad entrare in classifica, precisamente nella Canadian Hot 100 alla numero 67.

Storia e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Durante il lancio delle sue cuffie in collaborazione con Dr. Dre, Gaga ha commentato che aveva in programma di pubblicare un nuovo album e disse: «Credo che le ripubblicazioni siano ingiuste, [...] sono singoli furtivi su un pezzo già finito nel tentativo di tenere a galla l'album. Originariamente [la mia etichetta] voleva mettere solo tre brani e adesso molte di più. Vale la pena di fare un nuovo album pieno di materiale».[24] Per quanto riguarda il titolo The Fame Monster, Gaga ha detto che era una coincidenza che il nome fosse simile alle cuffie che ha lanciato denominate Heartbeats. Aveva già scritto un brano intitolato Monster a marzo, prima dell'incontro con Dr. Dre e Noel Lee, l'amministratore delegato di Monster Cable Products, per discutere sulla collaborazione.[24] Gaga ha inoltre spiegato che era ossessionata dai film di mostri e «dalla decadenza della celebrità e il modo in cui la fama è un mostro nella nostra società! Questo è ciò che il mio nuovo disco parlerà, quindi è una specie di accoppiamento perfetto».[24][25] Gaga ha poi rivelato che la re-release conterrà otto brani inediti, insieme al suo intero album di debutto.[26] The Fame Monster offre il lato meno piacevole della fama, come sperimentato da Gaga nel corso dell'anno 2008 e 2009. Spiegando:[26]

«Nella mia riedizione The Fame Monster, ho scritto tutto quello che non avevo scritto su The Fame.Viaggiando per il mondo per due anni, ho incontrato diversi mostri, ognuno rappresentato da una canzone diversa sul nuovo disco: la mia paura del 'Mostro del sesso', del 'Mostro dell'alcool', del 'Mostro dell'amore', del 'Mostro della morte', del 'Mostro della solitudine', etc.
Ho passato molte notti nell'Europa dell'Est, e questo album è una sperimentazione pop con ritmi industriali / Goth, dance degli anni '90, un'ossessione con il genio lirico del pop malinconico degli anni ottanta, e la passerella. Scrissi mentre guardavo le sfilate di moda tiepide e mi sono costretta a dire che la mia musica è stata registrata per loro.»

Ha anche affermato che le nuove canzoni non trattano di soldi o di fama, anzi un intermezzo tra i due ed anche per i suoi fan.[26] Gaga rivela l'atmosfera di The Fame e The Fame Monster come opposte, e li ha chiamati rispettivamente Yin e yang. Secondo lei, si sentiva una dicotomia dentro se stessa durante lo sviluppo dell'album. A MTV ha spiegato che «Sono pronta per il futuro, ma rimpiango il passato, [...] Ed è un vero e proprio rito di passaggio, bisogna lasciar andare le cose. Bisogna piangerle come una perdita affinché si possa andare avanti, ed è ciò di cui parla l'album».[27] In Nord America, The Fame Monster è stato pubblicato come EP di 8 tracce il 23 novembre 2009. Inoltre sarà pubblicato la versione deluxe contenente, come disco bonus, l'album di debutto The Fame. Inizialmente era prevista solo l'edizione deluxe, tuttavia, Gaga propose l'edizione singola per non far pagare troppo ai suoi fan.[28]

Struttura musicale[modifica | modifica wikitesto]

Diviso in due parti (Monster e The Fame), l'album ha un suono e un'atmosfera molto più cupi del precedente. Ogni pezzo ruota principalmente intorno ai "mostri" della vita della cantante, cioè le cose che la tormentano: Bad Romance è la paura dell'amore, Alejandro degli uomini, Monster del sesso, Dance in the Dark del giudizio, Telephone di un partner ossessivo, So Happy I Could Die della dipendenza e Teeth della verità.[29] Il concept dell'album è infatti l'ossessione di Gaga, la quale è più profonda e potente anche vocalmente, per i mostri, l'oscurità e le tenebre. In Monster, la cantante duetta letteralmente con il mostro, che la perseguita e «le ha mangiato il cuore e poi il cervello». Nonostante ciò l'EP presenta brani più allegri e spensierati Telephone, che, seppure siano comunque più profondi, rimandano alla Gaga del precedente album.

Pubblicazione e copertina[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente l'EP era destinato a far parte della riedizione di The Fame ma Gaga riferì il 12 novembre 2009 a MTV che sarebbe stato un lavoro indipendente. Gaga ha, inoltre, annunciato la pubblicazione dell'edizione deluxe dell'album e dell'edizione Super Deluxe, l'ultima delle quali è stato pubblicata il 15 dicembre 2009. La confezione offre un assortimento di prodotti del collettivo di Gaga, la Haus of Gaga, e anche una ciocca di capelli della cantante.[30] Gaga spiegò questa decisione affermando che:[30]

«Nel bel mezzo del mio viaggio creativo per la composizione di The Fame Monster, ci fu un'eccitante rivelazione che mi spiegò che The Fame Monster sarebbe stato in realtà il mio secondo album, [...] Non vorrei aggiungere, né togliere nessuna canzone da questo EP. Si tratta di un lavoro concettualmente e musicalmente completo che può camminare con le proprie gambe. Non ha bisogno di The Fame. Per coloro che non hanno il mio album di debutto, invece ci saranno una serie di edizioni doppie che includono entrambi gli album e le opere d'arte concepite dall'Haus of Gaga in collaborazione con il nostro mentore, Hedi Slimane." concluse dicendo "Ascolta la musica, guarda lo show, vivi ed ama te stesso."»

Il 3 maggio 2010 è stata pubblicata la versione limitata in una chiavetta USB. Include la versione esplicita dell'EP con nove remix, otto video musicali, il booklet digitale, le copertine dei singoli ed una galleria fotografica.[31]

Due copertine per la ristampa sono state scattate dal designer e fotografo Hedi Slimane. Una mostra Gaga con una parrucca bionda una giacca nera, mentre l'altra la mostra con folti capelli castani e pesante eyeliner che le scorre sul viso.[32] Per quanto riguarda la copertina, Gaga ha detto che quando si sedette per creare il concept per l'EP, volle assicurarsi che il look fosse più scuro e più tagliente di qualsiasi altra cosa avesse fatto prima.[27] Tuttavia, la sua etichetta trovò che la copertina con lei bruna fosse troppo confusa e gotica credendola meno pop. Gaga rispose dicendo:[33]

«Non sanno cosa sia pop, perché tutti mi dicevano che non ero pop lo scorso anno, e ora guarda - quindi non ditemi che cosa sia pop, so cosa lo è. [...] È divertente, perché ho combattuto, lottato e combattuto per arrivare alla conclusione di avere due copertine, affinché rappresentassero lo yin e yang con queste due immagini. [....] Non voglio fare una foto molto glamour di me stessa come ogni altra bionda. Voglio che i miei fan guardandole dicano "capisco esattamente come si sente".»

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[34] 4/5 stelle
Robert Christgau[35] A-
The Independent[36] Favorevole
Los Angeles Times[37] 3/4 stelle
New Musical Express (8/10)
The Observer[38] 4/5 stelle
Pitchfork[1] (7.8/10)
Rolling Stone[39] 3.5/5 stelle
Slant Magazine[40] 3.5/5 stelle
Spin[41] (6/10)

The Fame Monster è stato ben accolto dalla maggior parte dei critici musicali sin dalla sua uscita. Per il sito di recensioni Metacritic, The Fame Monster ha raggiunto un punteggio di 78 su 100, basato su 14 recensioni di critici, che segnala "recensioni prevalentemente favorevoli". Gli utenti hanno, invece, giudicato l'EP con il punteggio di 8,8 su 10 (il cui punteggio segnala un'"acclamazione universale"), risultando così l'EP della cantante più apprezzato sia dalla critica che dagli utenti.[42]

Sal Cinquemani del Slant Magazine ha ritenuto che l'EP non sia stato un enorme passo avanti per Gaga, ma ha fornito un «piccolo, anche se fugace, sguardo dietro la finzione». Ha sottolineato inoltre, che «c'è qualcosa di istruttivo sul modo in cui Gaga rifiuta qualsiasi intimità con gli altri». Bad Romance e Dance in the Dark sono state definite le migliori del disco.[40] Simon Price del The Independent elogiò l'EP definendolo una vera e propria opera d'arte.[36] Kitty Empire del The Observer disse che l'EP è «splendidamente squilibrato». Sebbene Empire abbia criticato la ballad Speechless, dichiarando che le ballate «rimangono il suo punto debole», proseguì lodando Bad Romance, scrivendo che «la rende un caso ancora più convincente per questa spinta, la poca carismatica italoamericana sarà la nuova Madonna».[38] Paul Lester della BBC ha elogiato gli otto brani dell'EP ma aggiungendo che risulta «poco originale e non è esattamente un trionfo di invenzione fai-da-te femminista [...] Ma lei sta portando la moda eccentrica alle masse ed è certamente divertente averla intorno».[43] Sarah Hajibagheri del The Times ha commentato che all'EP «manca il ritmo e il mordente che ci ha fatto avvicinare Gaga per l'eccentrico newyorkese».[44] Josh Modell di Spin ha commentato che «Quando Gaga giunge alla ballata sincera [...] lei sembra persa».[41] Evan Sawdey di PopMatters ha dichiarato che l'EP mostra che «lei non è compiaciuta nel fare la stessa cosa più volte. Lei è disposta a provare nuove cose, che si ramificano nel momento in cui si sente come ogni diva pop solitaria disposta a compromettere la sua crescita artistica solo per il gusto di aver un successo radiofonico. [...] Gaga si è permessa di fare qualche errore sulla sua strada verso il nirvana del pop e a giudicare a cosa stia mirando con The Fame Monster, c'è una buona possibilità che ci arriverà prima che poi».[45]

Gaga canta So Happy I Could Die al The Monster Ball Tour

Bill Lamb di About.com diede all'EP cinque stelle su cinque dicendo che «The Fame Monster è il più interessante concetto pop nella memoria recente. Esistono segni evidenti di influenza da alcune delle donne principali del pop del passato tra cui Madonna, Annie Lennox e Debbie Harry, ma Lady Gaga le rende decisamente sue. Se questa è la direzione del pop contemporaneo, siamo davvero in buone mani».[46] Mikael Woods del Los Angeles Times affermò che The Fame Monster rappresenti l'ambizione creativa e stilistica della cantante.[37] Jon Dolan del Rolling Stone ritiene che «metà del disco sia copia di Madonna, ma questo fa parte del concept e non è necessario che si occupi di originalità».[39] Edna Gundersen di USA Today ritiene che su The Fame Monster «il distacco gelido di Gaga e l'apparente avversione a una connessione umana autentica lascia un vuoto inquietante. Con un intelletto avant-garde, stravaganze pop-electro e teatralità bizzarra in competizione per l'attenzione, non c'è spazio per il cuore».[2] Michael Hubbard di MusicOMH si è complimentato per gli otto brani presenti nell'EP.[47] Neil McCormick, del giornale inglese The Daily Telegraph disse che "The Fame Monster è di una qualità fuori dagli schemi, e dove non luccica come il suo predecessore, fa capire la vivacità incontenibile della cantante."[48] Nella sua guida per il consumatore per MSN Music, il critico Robert Christgau ha elogiato Lady Gaga per la scrittura dei testi ed ha dato all'EP un A-,[35] che indica come «la cosa insignificante del disco è il grande lusso di micromarketing musicale e sovrapproduzione».[49]

Nel 2010, Gaga ha vinto il premio "Outstanding Music Artist" per The Fame Monster durante i 21esimi GLAAD Media Awards.[50] L'EP e i suoi brani sono stati nominati per sei premi ai 53° Grammy Awards. L'EP è stato nominato per Album of the Year e Best Pop Vocal Album, vincendo in quest'ultima categoria.[51][52] Bad Romance ha vinto come Best Female Pop Vocal Performance e Best Short Form Music Video; il suo singolo Telephone è stato nominato Best Pop Collaboration with Vocals, e Dance in the Dark ha guadagnato una nomination come Best Dance Recording.[52][53]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Gaga canta Bad Romance al Good Morning America nel 2011

Bad Romance è stato confermato come primo singolo tratto dall'EP.[25] Una breve parte del brano è stata eseguita al Saturday Night Live il 3 ottobre 2009, insieme alle canzoni Poker Face e LoveGame.[54][55] Bad Romance è stata presentata in anteprima durante l'esposizione finale dello stilista Alexander McQueen della sua collezione Primavera/Estate 2010 alla Settimana della moda di Parigi il 6 ottobre 2009.[56] La canzone è stata pubblicata per il download digitale il 27 ottobre 2009. Il brano ha raggiunto la prima posizione nella Canadian Hot 100, Official Singles Chart, European Hot 100, Media Control Charts e nelle classifiche di Austria, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia, Ungheria, Romania, Irlanda, Italia, Norvegia, Slovenia, Spagna, Svezia; raggiunse, inoltre, la seconda posizione negli Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Belgio e Svizzera. Il 13 febbraio 2011, il singolo ottenne il Grammy Award per la miglior interpretazione vocale femminile pop mentre il videoclip ricevette un Grammy per il miglior video musicale.[52]

Telephone è stato pubblicato come secondo singolo dell'EP.[57] La canzone vede la partecipazione della cantante statunitense Beyoncé. Gaga eseguì per la prima volta il brano dal vivo ai BRIT Awards 2010 insieme ad un altro proveniente da The Fame Monster, Dance in the Dark, in omaggio al defunto stilista Alexander McQueen.[58] Il video musicale di Telephone fu presentato in anteprima ad E! News il 11 marzo 2010.[59] Gaga affermò che il video era una continuazione del video musicale di Paparazzi, e presenta infatti un analogo cortometraggio. Telephone è stata apprezzata dalla critica come traccia importante di The Fame Monster, e si classificò in numerosi paesi, anche prima della sua uscita come singolo. Il 22 marzo 2010 raggiunse la numero uno nella Official Singles Chart, divenendo la sua seconda numero uno consecutiva e quarta in totale. Ha raggiunto la numero tre nella Billboard Hot 100, diventando il suo sesto singolo consecutivo nelle prime dieci posizioni.[60] Ha inoltre raggiunto la numero uno della classifica Pop Songs, diventando la sua sesta numero uno consecutiva nella classifica raggiungendo il record di Mariah Carey e Beyoncé per il maggior numero uno consecutive nella classifica da quando era stata creata nel 1992.[61] Il singolo ha ricevuto una nomination ai Grammy per la miglior collaborazione Pop vocale.[53]

Alejandro è stato pubblicato come terzo singolo dell'EP. In origine, Dance in the Dark era stato scelto come seguito del singolo precedente dall'etichetta discografica, ma Gaga scelse l'altro brano. Quindi, tra Gaga e la sua etichetta ci fu una piccola discussione dopo la pubblicazione di Alejandro. Attraverso il proprio account su Twitter, la cantante sottolineò la propria decisione, scrivendo: «Alejandro è in radio. Cazzo suona così bene, ce l'abbiamo fatta piccoli mostri».[62][63] Il singolo venne ufficialmente inviato alle radio il 20 aprile 2010 negli Stati Uniti. Alejandro ha raggiunto la top 5 delle classifiche australiane, canadesi e italiane, mentre raggiunse la top ten nelle classifiche di altre nazioni.[64] Negli Stati Uniti, raggiunse la quinta posizione, diventando il suo settimo singolo consecutivo a raggiungere la top ten nella Billboard Hot 100.[65]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Monster Ball Tour.
Lady Gaga mentre canta Paparazzi al The Monster Ball Tour

La promozione per The Fame Monster iniziò con un'esibizione al Saturday Night Live, in cui l'artista cantò una breve versione al pianoforte di Bad Romance. Gaga apparve anche in diversi talk show, come It's On with Alexa Chung e il programma tedesco Wetten, dass..?. Il 16 novembre 2009, Gaga ha eseguito la canzone Speechless a Los Angeles presso il Museum of Contemporary Art (MOCA) per le celebrazioni del 30º anniversario del museo, collaborando con l'artista Francesco Vezzoli e con i ballerini russi della Moscow State Academy of Choreography.[66] Nello stesso giorno venne trasmesso sulla CW l'episodio di Gossip Girl intitolato The Last Days of Disco Stick con Gaga nella parte di se stessa che si esibisce con Bad Romance.[67] Durante l'episodio vennero trasmesse anche Dance in the Dark e Telephone.[68] Il primo singolo, Bad Romance, venne eseguito agli American Music Awards del 2009, al Jay Leno Show e all'Ellen DeGeneres Show.[69][70][71] Il 15 gennaio 2010, Gaga eseguì un medley di Monster, Bad Romance e Speechless al The Oprah Winfrey Show.[72] Ai 52° Grammy Awards, Gaga aprì lo spettacolo eseguendo un medley di Poker Face, Speechless e Your Song con Elton John.[73] Il 16 febbraio 2010, si è esibita ai BRIT Awards 2010 in memoria di Alexander McQueen, eseguendo una versione acustica di Telephone e dopo la canzone Dance in the Dark.[74]

Prima che venisse pubblicato l'EP, Gaga annunciò che sarebbe andata in tour con Kanye West. Il tour si sarebbe intitolato intitolato Fame Kills Starring: Lady Gaga and Kanye West.[75] Tuttavia, dopo i trascorsi ai VMA 2009 di quest'ultimo con Taylor Swift, il rapper annunciò che voleva prendersi una pausa dalla musica. Dopo l'annuncio, tutte le date del tour sono state immediatamente cancellate. In seguito, Gaga confermò che sarebbe andata in tour da sola per promuovere l'EP.[76] Il tour, chiamato The Monster Ball Tour, partì nel novembre 2009 e finì a inizio maggio del 2011. Definito dalla stessa Gaga «la prima vera opera elettro-pop», il tour iniziò dopo quattro giorni dall'uscita di The Fame Monster.[77]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bad Romance – 4:54 (Lady Gaga, RedOne)
  2. Alejandro – 4:34 (Lady Gaga, RedOne)
  3. Monster – 4:10 (RedOne, Lady Gaga, Space Cowboy)
  4. Speechless – 4:31 (Lady Gaga)
  5. Dance in the Dark – 4:49 (Lady Gaga, Fernando Garibay)
  6. Telephone (feat. Beyoncé) – 3:41 (Lady Gaga, Rodney Jerkins, LaShawn Daniels, Lazonate Franklin, Beyoncé)
  7. So Happy I Could Die – 3:55 (Lady Gaga, RedOne, Space Cowboy)
  8. Teeth – 3:41 (Lady Gaga, Taja Riley)
Traccia bonus nell'edizione statunitense di iTunes[78]
  1. Bad Romance (Starsmith Remix) – 4:56 (Lady Gaga, RedOne)
Tracce bonus della versione USB
  1. Bad Romance (Starsmith Remix) – 4:56 (Lady Gaga, RedOne)
  2. Telephone (feat. Beyoncé) (Passion Pit Remix) – 5:13 (Lady Gaga, Jerkins, Daniels, Franklin, Beyoncé)
  3. Paparazzi (Demolition Crew Remix) – 3:54 (Lady Gaga, Rob Fusari)
  4. Just Dance (feat. Ashking, Wedis, Lush and Young Thoro) (Deewan Remix) – 4:17 (Lady Gaga, RedOne, Aliaune Thiam)
  5. LoveGame (Robots to Mars Remix) – 3:14 (Lady Gaga, RedOne)
  6. Eh, Eh (Nothing Else I Can Say) (Frankmusik Remix) – 3:48 (Lady Gaga, Martin Kierszenbaum)
  7. Poker Face (Piano & Voice Version) (Live at The Cherrytree House) – 3:38 (Lady Gaga, RedOne)
  8. Bad Romance (Grum Remix) – 4:51 (Lady Gaga, RedOne)
  9. Telephone (feat. Beyoncé) (Alphabeat Remix) – 5:13 (Lady Gaga, Jerkins, Daniels, Franklin, Beyoncé)
Bonus DVD giapponese
  1. Bad Romance (Video) – 5:15
  2. Bad Romance (Making Of) – 3:42

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crediti tratti dal libretto dell'EP.[3]

  • Lady Gagavoce, cori, pianoforte, arrangiamento, programmazione, produzione, arrangiamenti vocali, strumentazione
  • RedOne – strumentazione, programmazione, cori, produzione, ingegneria del suono, arrangiamenti vocali, montaggio parti vocali
  • Space Cowboy – strumentazione, programmazione, cori, produzione, ingegneria del suono
  • Gretchen Anderson – produzione
  • Eelco Bakker – ingegneria del suono
  • Bobby Campbell – creativo
  • Joe Cory – assistente ingegnere audio
  • Mike Daly – assistente
  • LaShawn Daniels – compositore
  • Christian Delano – ingegnere audio, monitoraggio
  • Mike "Handz" Donaldson – effetti speciali, ingegnere vocale
  • Stacy Dulan – corista
  • Ron Fair – arrangiatore, direttore d'orchestra, produttore
  • Paul Foley – ingegnere audio
  • Nicola Formichetti – stilista
  • Lazonate Franklin – compositore
  • Fernando Garibay – arrangiatore, compositore, programmatore, produttore, strumentista
  • Lisa Einhorn Gilder – coordinatrice della produzione
  • John Goux – chitarrista
  • Matty Green – assistente
  • Vincent Herbert – produttore esecutivo, A&R
  • Tal Herzberg – bassista, produttore, ingegnere audio
  • Eric Jackson – chitarrista
  • Rodney Jerkins – compositore, produttore, missaggio, musicista
  • Dyana Kass – creativo, marketing
  • Ryan Kennedy – assistente ingegnere
  • Martin Kierszenbaum – A&R
  • Abe Laboriel Jr. – batterista
  • Takayuki Matsushima – assistente
  • Hisashi Mizoguchi – ingegnere vocale
  • Musicians Regiment Horns – corno
  • Tal Oz – assistente ingegnere
  • Jennifer Paola – A&R
  • Dan Parry – ingegnere, monitoraggio
  • Julian Peploe – direttore artistico
  • Jack Joseph Puig – missaggio
  • Taja Riley – compositore
  • Teddy Riley – produttore, missaggio
  • Andrea Ruffalo – coordinatore della produzione
  • Dave Russell – ingegnere audio, missaggio, monitoraggio
  • Peter Savic – parrucchiere
  • Johnny Severin – ingegnere audio, editing vocale
  • Hedi Slimane – fotografo
  • Mark "Spike" Stent – missaggio
  • Teyonie – corista
  • Jonas Wetling – ingegnere audio, monitoraggio
  • Frank Wolff – ingegnere audio
  • Ianthe Zevos – creativo
  • Beyoncé – voce aggiuntiva (traccia 6)

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti, The Fame Monster debuttò alla posizione numero cinque vendendo 174.000 copie, seguito da The Fame, riuscito a vendere 151.000 copie grazie alla versione a doppio disco di The Fame Monster.[79] Grazie a 65.000 copie digitali dell'EP debutta in cima alla classifica digitale statunitense. Inoltre, nella stessa settimana, sette delle otto canzoni dell'EP sono entrate in classifica nella Hot Digital Songs.[80] L'EP si classificò primo anche nella Dance/Elettronic Albums sostituendo il suo predecessore The Fame.[81] Nel gennaio 2010, l'album è stato certificato disco di platino dalla RIAA per aver distribuito più di un milione di copie dell'EP.[21] Secondo Billboard, fino a febbraio 2018, The Fame Monster ha venduto più di 1 640 000 copie negli Stati Uniti.[82]

Andamento commerciale di The Fame Monster in Australia

In Australia, The Fame Monster fu inizialmente conteggiato insieme al suo predecessore prima di venire considerato, più tardi, un disco solo. Nella sua diciottesima settimana nella classifica australiana l'EP raggiunse la prima posizione ed in seguito fu certificato triplo disco di platino dalla Australian Recording Industry Association (ARIA) per aver distribuito più di 210.000 copie del disco.[4][83] L'EP conteggiato insieme a The Fame raggiunse buoni piazzamenti in classifica in Europa, in paesi come Irlanda, Germania, Finlandia, Svizzera e Polonia dove raggiunse la vetta della classifica. Mentre entrò nella lista dei dieci album più venduti in Ungheria, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Svezia, Repubblica Ceca e in Russia. Ottenendo il doppio disco di platino in Belgio, Danimarca, Francia e Italia.

In Giappone raggiunse la seconda posizione nell'aprile 2010,[84] ottenendo il doppio disco di platino e vendendo 577.000 copie.[85]

Nel Regno Unito, The Fame Monster è stato pubblicato solo in edizione deluxe con The Fame, e non come un album singolo, quindi, è entrato in classifica come The Fame. Il 3 gennaio 2010, l'EP è salito al numero due nella classifica degli album più venduti.[86] Tutti i nuovi brani provenienti da The Fame Monster entrarono nella classifica dei 110 singoli più venduti e la canzone non ancora pubblicata Telephone fece il miglior risultato degli otto brani raggiungendo la trentesima posizione della classifica. Nella settimana terminata il 28 febbraio 2010, Gaga raggiunse la cima della classifica britannica degli album per la quinta settimana con The Fame Monster, conteggiato insieme a The Fame.[86] Il 21 marzo 2010, l'EP tornò al primo posto della classifica, riuscendo a battere il Glee Cast, dati come favoriti in testa alla classifica.[86] L'EP raggiunse la tredicesima posizione nella European Top 100 Albums.[87] Fu anche certificato triplo disco di platino dalla International Federation of the Phonographic Industry (IFPI) per aver distribuito più di 3 milioni di copie in Europa.[8]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2009) Posizione
Australia[99] 59
Danimarca[100] 28
Irlanda[101] 3
Svezia[102] 90
Classifica (2010) Posizione
Australia[103] 6
Belgio (Fiandre)[104] 6
Belgio (Vallonia)[105] 13
Canada[106] 23
Danimarca[107] 10
Europa[108] 16
Finlandia[109] 4
Giappone[110] 14
Italia[111] 8
Paesi Bassi[112] 10
Stati Uniti[113] 13
Stati Uniti (dance)[114] 2
Svezia[115] 3
Classifica (2011) Posizione
Australia[116] 99
Giappone[117] 44
Stati Uniti (dance)[118] 8
Svezia[119] 93
Classifica (2019) Posizione
Croazia[120] 36

Date di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Paese Data Formato Etichetta Edizione
Giappone[121] 18 novembre 2009 CD, download digitale Universal Music Deluxe
Italia[122]
Australia[123][124] 20 novembre 2009 Deluxe, Limitata
Cile Standard, Deluxe
Germania
Irlanda Deluxe
Stati Uniti 23 novembre 2009 Interscope, Streamline, Kon Live, Cherrytree
Regno Unito Polydor
Canada Universal Music
Argentina
Canada 1º dicembre 2009 Standard
Colombia 4 dicembre 2009 CD Universal Music, Interscope
Stati Uniti 15 dicembre 2009 Box-set Interscope, Streamline, Kon Live, Cherrytree Super Deluxe
LP Standard
Australia 18 dicembre 2009 Download digitale Universal Music Standard (edizione esplicita)
21 dicembre 2009 CD
Stati Uniti 26 gennaio 2010 Download digitale Interscope, Streamline, Kon Live, Cherrytree
Cina 1º febbraio 2010 CD Universal Music Standard
Giappone 16 aprile 2010 CD+DVD Standard (edizione esplicita)
Mondo 3 maggio 2010 Chiavetta USB Interscope, Streamline, Kon Live, Cherrytree Limitata (Edizione esplicita)
Italia 8 giugno 2010 CD Universal Music Slipcase limitata
Germania 22 ottobre 2010 CD Standard (Edizione esplicita)
20 novembre 2010 Download digitale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Scott Plagenhoef, Album Review: Lady Gaga - The Fame Monster, Pitchfork, 13 gennaio 2010. URL consultato il 25 marzo 2012.
  2. ^ a b c (EN) Edna Gundersen, Listen Up: Lady Gaga's 'Fame Monster' is so cool, it's cold, USA Today, 24 novembre 2009. URL consultato il 20 maggio 2012.
  3. ^ a b Note di copertina di The Fame Monster, Lady Gaga [note di produzione], Interscope, 2009.
  4. ^ a b (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2010 Albums, ARIA. URL consultato il 20 giugno 2012.
  5. ^ (ES) Certificazioni Lady Gaga in Brasile, ABPD. URL consultato il 12 giugno 2012.
  6. ^ (NL) Gold and Platinum – Albums − 2010, Ultratop. URL consultato il 12 giugno 2012.
  7. ^ (DA) Certificeringer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  8. ^ a b (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 2010, IFPI. URL consultato il 13 giugno 2012.
  9. ^ (FI) Olet tässä: Etusivu › Tilastot › Kulta- ja platinalevyt › Artistit › Lady Gaga, IFPI. URL consultato il 13 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2012).
  10. ^ (FR) Certifications Albums Double Platine - année 2009, SNEP. URL consultato il 13 giugno 2012 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2012).
  11. ^ (JA) 2010年4月度 認定作品, RIAJ. URL consultato il 13 giugno 2012.
  12. ^ (EL) Top 50 Ξένων Aλμπουμ - Εβδομάδα 04/2010, IFPI. URL consultato il 13 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2010).
  13. ^ (EN) LADY GAGA GOT BEST SELLING ALBUM IN INDONESIA!, Creative Disc, 13 luglio 2011. URL consultato il 13 giugno 2012.
  14. ^ (EN) 2009 certification awards- multi platinum, su irishcharts.ie. URL consultato il 13 giugno 2012.
  15. ^ The Fame Monster (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 15 giugno 2012.
  16. ^ (NO) Certificazione Norvegia, su ifpi.no. URL consultato il 4 aprile 2013.
  17. ^ (EN) CHART 1779 - 27 June 2011 (PDF), RIANZ. URL consultato il 13 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2013).
  18. ^ (RO) Universal Music România, Lady Gaga a primit de la Universal Music Romania discul de platina pentru cele trei albume, Facebook, 20 agosto 2012. URL consultato il 21 agosto 2012.
  19. ^ Сайт не существует
  20. ^ (ES) The Fame Monster - 1 disco de platino, su elportaldemusica.es.
  21. ^ a b (EN) Lady Gaga, The Fame Monster – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 18 novembre 2018.
  22. ^ (SV) Certificazioni 2010 - Svezia (PDF)[collegamento interrotto], IFPI. URL consultato il 15 giugno 2012.
  23. ^ (EN) Oficjalna Lista Sprzedazy - 13 december 2010, OLiS.pl. URL consultato il 20 maggio 2012.
  24. ^ a b c (EN) Ellen Carpenter, Lady Gaga Unleashes "Monster" With Dr. Dre: Headphones First, Song Next?, Rolling Stone, 1º ottobre 2009. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  25. ^ a b (EN) Cortney Harding, Lady Gaga: First Lady, Billboard, 1º ottobre 2009. URL consultato il 28 aprile 2012.
  26. ^ a b c (EN) Lady Gaga Returns With 8 New Songs on 'The Fame Monster', su prnewswire.com, 8 ottobre 2009. URL consultato il 28 aprile 2012 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2009).
  27. ^ a b (EN) Jocelyn Vena e Sway Calloway, Lady Gaga Gets 'Dark' On The Fame Monster, MTV, 23 novembre 2009. URL consultato il 28 aprile 2012.
  28. ^ (EN) James Dinh e Jem Aswad, Lady Gaga's Fame Monster: New Songs To Be Released On Single CD, MTV, 10 novembre 2009. URL consultato il 28 aprile 2012.
  29. ^ (EN) Lady Gaga Returns With 8 New Songs on 'The Fame Monster', su prnewswire.com. URL consultato il 2 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  30. ^ a b (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga Is 'Honoring' Fans With Cheaper Fame Monster, MTV, 12 novembre 2009. URL consultato il 28 aprile 2012.
  31. ^ (EN) LADY GAGA TO RELEASE THE FAME MONSTER ON LIMITED EDITION USB DRIVE - ALL MUSIC VIDEOS AND OTHER EXCLUSIVE CONTENT TO BE INCLUDED!, Lady Gaga, 16 aprile 2010. URL consultato il 28 aprile 2012.
  32. ^ (EN) Bill Lamb, Lady GaGa Shows Off The Fame Monster Cover Art, About.com, 10 ottobre 2009. URL consultato il 13 giugno 2012.
  33. ^ (EN) Brian Hiatt, Inside The Monster Ball: Lady Gaga Reveals Plans for Ambitious New Tour, Rolling Stone, 21 ottobre 2009. URL consultato il 13 giugno 2012.
  34. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, The Fame Monster, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 25 marzo 2012.
  35. ^ a b (EN) Robert Christgau, Consumer's Guide: The Fame Mnster, MSN. URL consultato il 25 marzo 2012.
  36. ^ a b (EN) Simon Price, Album: Lady Gaga, The Fame Monster (Polydor), The Independent.uk, 22 novembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2012.
  37. ^ a b (EN) Mikael Wood, Album review: Lady Gaga's 'The Fame Monster', Los Angeles Times, 23 novembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2012.
  38. ^ a b (EN) Kitty Empire, Lady Gaga: The Fame Monster, The Observer. URL consultato il 25 marzo 2012.
  39. ^ a b (EN) Jon Dolan, The Fame Monster di Lady Gaga, Rolling Stone, 23 novembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2010).
  40. ^ a b (EN) Sal Cinquemani, Lady Gaga - The Fame Monster, Slant Magazine, 18 novembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2012.
  41. ^ a b (EN) Josh Modell, Lady Gaga, 'The Fame Monster', Spin. URL consultato il 28 aprile 2012.
  42. ^ (EN) The Fame Monster - Lady Gaga, Metacritic. URL consultato il 25 marzo 2012.
  43. ^ (EN) Paul Lester, Lady Gaga The Fame Monster Review, BBC, 20 novembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2012.
  44. ^ (EN) Sarah Hajibagheri, "Lady GaGa: The Fame Monster, The Times.uk, 21 novembre 2009. URL consultato il 28 aprile 2012.
  45. ^ (EN) Evan Sawdey, Lady Gaga: The Fame Monster, PopMatters, 23 novembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2012.
  46. ^ (EN) Bill Lamb, Lady Gaga - 'The Fame Monster', About.com. URL consultato il 20 maggio 2012.
  47. ^ (EN) Michael Hubbard, Lady Gaga: The Fame Monster, track-by-track, MusicOMH, 23 novembre 2009. URL consultato il 20 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2013).
  48. ^ (EN) Neil McCormick, Lady GaGa: The Fame Monster, CD review, The Daily Telegraph, 27 novembre 2009. URL consultato il 25 marzo 2012.
  49. ^ (EN) CG Keys to Icons: Grades 1990, Robert Christgau. URL consultato il 20 maggio 2012.
  50. ^ (EN) Lady Gaga, Cybill Shepherd, Lee Daniels Top SF GLAAD Media Awards, su accesshollywood.com, 6 giugno 2010. URL consultato il 22 maggio 2012.
  51. ^ (EN) Paul Grein, Eminem, Lady A Lead Grammy Noms, Yahoo! Music, 1º dicembre 2010. URL consultato il 22 maggio 2012.
  52. ^ a b c (EN) 53rd annual Grammy awards: The winners list, The Marquee Blog - CNN, 13 febbraio 2011. URL consultato il 22 maggio 2012.
  53. ^ a b (EN) Ben Sisario, Eminem Leads Grammy Nominations, The New York Times, 1º dicembre 2010. URL consultato il 22 maggio 2012.
  54. ^ (EN) Daniel Kreps, Lady Gaga Readies New Single for "SNL," "The Fame" Re-Release, Rolling Stone, 29 settembre 2009. URL consultato il 24 giugno 2012.
  55. ^ (EN) Caryn Ganz, Lady Gaga Fights Madonna, Debuts "Bad Romance" on "Saturday Night Live", Rolling Stone, 5 ottobre 2009. URL consultato il 24 giugno 2012.
  56. ^ (EN) SHOWstudio presents Alexander McQueen S/S10 Live, su showstudio.com. URL consultato il 24 giugno 2012.
  57. ^ (EN) Chartifacts – Week Commencing: November 30, 2009 Issue #1031 (PDF), ARIA. URL consultato il 9 luglio 2012.
  58. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga Pays Tribute To Alexander McQueen At Brit Awards, MTV, 16 febbraio 2010. URL consultato il 9 luglio 2012.
  59. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga's 'Telephone' Video To Premiere Thursday Night, MTV, 7 marzo 2010. URL consultato il 9 luglio 2012.
  60. ^ (EN) Silvio Pietroluongo, Rihanna Rules Hot 100 With 'Rude Boy' Track, Billboard, 17 marzo 2010. URL consultato il 9 luglio 2012.
  61. ^ (EN) Gary Trust, Lady Gaga, Beyonce Match Mariah's Record, Billboard, 15 marzo 2010. URL consultato il 9 luglio 2012.
  62. ^ (EN) Lady Gaga - Gaga Still Releasing Alejandro In U.S., su contactmusic.com, 5 aprile 2010. URL consultato il 12 luglio 2012.
  63. ^ (EN) Lady GaGa Will Release Alejandro As Next Single, MTV.uk, 6 aprile 2010. URL consultato il 12 luglio 2012.
  64. ^ (EN) LADY GAGA - ALEJANDRO (SONG), ultratop.be. URL consultato il 12 luglio 2012.
  65. ^ (EN) Alejandro - Lady Gaga, Billboard. URL consultato il 12 luglio 2012.
  66. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga Is 'Fantastic Creature,' Say Fellow Celebs, MTV, 16 novembre 2009. URL consultato il 13 luglio 2012.
  67. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga Performs 'Bad Romance' In 'Gossip Girl' Cameo, MTV, 17 novembre 2009. URL consultato il 13 luglio 2012.
  68. ^ (EN) Gossip Girl Music - Season 3 - Episode 10, su cwtv.com. URL consultato il 13 luglio 2012.
  69. ^ (EN) Michelle Kung, American Music Awards 2009: Adam Lambert, Lady Gaga Dazzle; Jennifer Lopez Performs New Song "Louboutins", The Wall Street Journal, 22 novembre 2009. URL consultato il 13 luglio 2012.
  70. ^ (EN) James Dinh, Lady Gaga Brings S&M 'Bad Romance' To 'Jay Leno Show', MTV, 24 novembre 2009. URL consultato il 13 luglio 2012.
  71. ^ (EN) Jocelyn Vena, Lady Gaga Tells Fans 'It's OK' To Be A Freak, MTV, 25 novembre 2009. URL consultato il 13 luglio 2012.
  72. ^ (EN) Lady Gaga Performs on 'Oprah,' Pledges Support to Haiti, Billboard, 15 gennaio 2010. URL consultato il 13 luglio 2012.
  73. ^ (EN) Lizzie Smith, Elton John gets dirty with Lady Gaga as they duet at the Grammys, Daily Mail, 1º febbraio 2010. URL consultato il 13 luglio 2012.
  74. ^ (EN) M. Tye Comer, Lady Gaga Honors Alexander McQueen at Brit Awards, Billboard, 16 febbraio 2010. URL consultato il 13 luglio 2012.
  75. ^ (EN) Daniel Kreps, "Fame Kills Starring Kanye West and Lady Gaga" Tour: First Dates, Rolling Stone, 11 settembre 2009. URL consultato il 14 luglio 2012.
  76. ^ (EN) Jem Aswad, Kanye West/ Lady Gaga's Fame Kills Tour Canceled, MTV, 1º ottobre 2009. URL consultato il 14 luglio 2012.
  77. ^ (EN) Monica Herrera, Lady Gaga Unveils 'Monster Ball' Tour Dates, 'The Fame Monster' Tracklist, Billboard, 15 ottobre 2009. URL consultato il 14 luglio 2012.
  78. ^ (EN) The Fame Monster, iTunes. URL consultato il 13 giugno 2012.
  79. ^ (EN) Keith Caulfield, Susan Boyle Sees 'Dream' Soar To No. 1 On Billboard 200, Billboard, 2 dicembre 2009. URL consultato il 15 giugno 2012.
  80. ^ (EN) Paul Grein, Week Ending Nov. 29, 2009: Women Take Charge, Yahoo! Music, 2 dicembre 2009. URL consultato il 15 giugno 2012.
  81. ^ (EN) Dance/Electronic Albums - Week of December 12, 2009, Billboard. URL consultato il 15 giugno 2012.
  82. ^ (EN) Gary Trust, Ask Billboard: Lady Gaga's Career Sales, The Biggest No. 2 Hits & Ed Sheeran's Latest Chart Record, Billboard, 25 febbraio 2018. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  83. ^ (EN) Andamento di The Fame Monster in Australia, su australian-charts.com. URL consultato il 20 giugno 2012.
  84. ^ (JA) 2010年05月第3週の邦楽アルバムランキング情報, oricon.jp. URL consultato il 9 luglio 2012.
  85. ^ (JA) 【オリコン】ガガ、アヴリル以来2作連続50万枚突破 11年海外歌手暫定首位, Oricon. URL consultato il 9 luglio 2012.
  86. ^ a b c d (EN) Lady Gaga – The Fame positions, su chartstats.com. URL consultato il 12 luglio 2012.
  87. ^ (EN) Paul Sexton, Lady Gaga, Ke$ha Rule Euro Charts[collegamento interrotto], Billboard.biz, 4 febbraio 2010. URL consultato il 12 luglio 2012.
  88. ^ Classifica argentina Capif.org, su capif.org.ar. URL consultato il 12 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2006).
  89. ^ a b c d e f The Fame Monster su acharts.us, su acharts.us. URL consultato il 28 novembre 2010.
  90. ^ a b c ultratop.be - Lady GaGa - The Fame Monster
  91. ^ a b c d e f g h Lady Gaga - The Fame Monster, su italiancharts.com. URL consultato il 28 novembre 2010.
  92. ^ ABPD, su abpd.org.br. URL consultato il 5 novembre 2010 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2012).
  93. ^ a b c (EN) Lady Gaga : Awards, AllMusic. URL consultato il 28 novembre 2010.
  94. ^ Lady Gaga, Ke$ha Rule Euro Charts[collegamento interrotto]
  95. ^ 検索結果-ORICON STYLE アーティスト/CD検索
  96. ^ Čns Ifpi
  97. ^ Сайт не существует, su 2m-online.ru. URL consultato il 30 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2011).
  98. ^ (HU) Lady Gaga, Mahasz. URL consultato il 28 novembre 2010.
  99. ^ Classifiche di fine anno dell'Australia, su aria.com.au. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  100. ^ Classifiche di fine anno della Danimarca, su hitlisterne.dk. URL consultato il 30 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2010).
  101. ^ Classifiche di fine anno dell'Irlanda, su irma.ie. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  102. ^ Classifiche di fine anno della Svezia, su hitlistan.se. URL consultato il 30 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2012).
  103. ^ Classifiche del 2010 in Australia, su aria.com.au. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  104. ^ Classifiche del 2010 nelle Fiandre, su ultratop.be. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  105. ^ Classifiche del 2010 nella Vallonia, su ultratop.be. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  106. ^ (EN) Classifiche del 2010 del Canada, Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  107. ^ Classifiche del 2010 nella Danimarca, su webcitation.org. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  108. ^ Classifiche del 2010 in Europa, su billboard.com. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  109. ^ Classifiche del 2010 in Finlandia, su ifpi.fi. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  110. ^ (JA) Classifiche del 2010 in Giappone, su webcitation.org. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  111. ^ Classifiche del 2010 in Italia, FIMI. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  112. ^ Classifiche del 2010 nei Paesi Bassi, su dutchcharts.nl. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  113. ^ (EN) Classifiche del 2010 negli Stati Uniti, Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  114. ^ (EN) Classifiche del 2010 della categoria Dance degli Stati Uniti, Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  115. ^ www.sverigetopplistan.se - Årslista Album - År 2010, su hitlistan.se. URL consultato il 17 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  116. ^ (EN) ARIA 2011 TOP 100 ALBUMS CHART (PDF), su aria.com.au. URL consultato il 1º gennaio 2012.
  117. ^ (JA) Classifiche del 2011 in Giappone, su oricon.co.jp. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  118. ^ (EN) Classifiche del 2011 nella categoria Dance degli Stati Uniti, Billboard. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  119. ^ www.sverigetopplistan.se - Årslista Album - År 2011, su hitlistan.se. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2012).
  120. ^ (HR) Inozemna izdanja - Godišnja lista - 2019, Top Lista. URL consultato il 24 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2020).
  121. ^ (JA) ザ・モンスター[通常盤] 【CD】, Universal Music Japan. URL consultato il 21 agosto 2012.
  122. ^ The Fame Monster (Deluxe Version) su iTunes italiano, iTunes. URL consultato il 21 agosto 2012.
  123. ^ (EN) THE FAME MONSTER (INTERNATIONAL DELUXE), Lady Gaga. URL consultato il 21 agosto 2012.
  124. ^ (EN) THE FAME MONSTER: LIMITED EDITION DUAL ALBUM CD), Lady Gaga. URL consultato il 21 agosto 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica