Arthur Greiser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arthur Karl Greiser
Bundesarchiv Bild 183-E05455, Arthur Greiser (2).jpg

Reichsstatthalter del Reichsgau Wartheland
Durata mandato 29 gennaio 1940 –
20 gennaio 1945
Predecessore carica istituita
Successore carica abolita

Gauleiter del Wartheland
Durata mandato 8 ottobre 1939 –
8 maggio 1945
Predecessore carica istituita
Successore carica abolita

Presidente della Città Libera di Danzica
Durata mandato 23 novembre 1934 –
23 agosto 1939
Predecessore Hermann Rauschning
Successore Albert Forster (come Presidente di Stato)

Dati generali
Partito politico Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori

Arthur Karl Greiser (Schroda, 22 gennaio 1897Posen, 21 luglio 1946) è stato un politico tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1929 entrò nel partito nazionalsocialista e nelle Sturmabteilung e successivamente nel 1930 nelle SS. Nell'ottobre dello stesso anno fu nominato Gaugenschäftsführer della Città Libera di Danzica e fu per anni il massimo esponente del partito in città. Dal novembre 1934 e fino alla fine della guerra fu presidente del Senato di Danzica e amministratore del Reichsgau Wartheland.

Ai primi di agosto 1939 sollevò una serie di incidenti procedurali con gli ispettori doganali polacchi, giungendo ben presto ai ferri corti con il generale polacco Marian Chodacki. Insieme ad Albert Forster, Gauleiter di Danzica, Greiser portò in pochi giorni al massimo punto di esasperazione la questione della città libera, spalleggiato dalla propaganda nazista e dalla volontà di Hitler di giungere alla guerra, sfociando nell'invasione tedesca della Polonia.

Nel corso della guerra Greiser ricoprì nel partito cariche via via più importanti: fu amministratore del Reichsgau Wartheland subito dopo la sconfitta della Polonia, nel 1940 divenne deputato al Reichstag e poi fu Obergruppenführer delle SS.

Catturato alla fine del conflitto, fu condannato a morte per crimini di guerra ed impiccato.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Insegna d'oro del Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi - nastrino per uniforme ordinaria Insegna d'oro del Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B.P.Boschesi - Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Mondadori Editore, 1975, Vol. I, p. 230

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN37778810 · ISNI: (EN0000 0001 0964 9939 · LCCN: (ENn99260267 · GND: (DE121617688 · BNF: (FRcb16278297g (data)