Paolo Brosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Brosio

Paolo Brosio (Asti, 28 settembre 1956) è un giornalista e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Entra nel mondo del giornalismo ad appena vent'anni, collaborando con la redazione pisana de La Nazione, incominciando presto anche a lavorare in televisione a Canale 5. Dirige per qualche anno l'ufficio stampa della squadra Pisa Calcio, organizzando con il presidente Romeo Anconetani un'edizione di Mitropa Cup in Italia. Nel 1985 si laurea in giurisprudenza con il massimo dei voti all'Università di Pisa. L'anno successivo entra nella redazione del Secolo XIX come addetto alla cronaca nera e giudiziaria.

Paolo Brosio assieme alla veggente di Medjugorje Marija Pavlović al Paladesio

Sposato ma poi divorziato con Serenella Corigliano, il 18 settembre 2004 sposa con rito civile la modella cubana Gretel Coello, dalla quale si separerà nel 2008. Brosio racconta che questo evento, cui si aggiungono la morte del caro padre Ettore ed un pericoloso attentato incendiario al noto locale "Twiga Beach Club", di cui è socio, lo avrebbero spinto verso l'abisso, un baratro di droga, alcol e sesso. Solo la preghiera e un pellegrinaggio a Medjugorje avrebbero segnato l'inizio di una nuova vita, testimoniata in un libro, uscito il 16 novembre 2009, dal titolo A un passo dal baratro[1].

Carriera televisiva[modifica | modifica sorgente]

Nel 1991 inizia l'avventura come inviato speciale per Studio Aperto su Italia 1 e poi per il Tg4 di Emilio Fede, raggiungendo la notorietà con l'inchiesta Mani pulite, di cui ha parlato nel suo libro Novecento giorni sul marciapiede. Avventure e disavventure di un inviato a Tangentopoli (1994).

Passa poi sulle reti RAI nel 1997 dove ricopre un ruolo fisso alla trasmissione Quelli che il calcio di Fabio Fazio e partecipa ad alcuni programmi come: Domenica In nel ruolo di co-conduttore nel 2000 e nel 2001, Italia che vai come conduttore nel 2001 e nel 2002 e Linea verde sempre come conduttore dal 2002 al 2006.

Nel 2006 è inviato nel reality show L'isola dei famosi 4 su Rai 2. Partecipa all'episodio della sit-com di Italia 1 Belli dentro (2008) nel ruolo di Marco, andato in onda più tardi, nel 2012. Nel 2008 è inviato nel programma Stranamore, condotto da Emanuela Folliero su Retequattro. È stato telecronista tifoso delle partite della Juventus trasmesse da Mediaset Premium fino al 2009. Nel settembre del 2009 avrebbe dovuto partecipare in qualità di inviato di Paola Perego alla prima edizione dell'adventure-game La tribù - Missione India su Canale 5, programma cancellato dai palinsesti per problemi di organizzazione.[2]

Dal 22 febbraio 2012 conduce Viaggio a... su Retequattro in prima serata. Il 7 marzo 2012 un piccolo giallo ha investito la messa in onda della trasmissione. La puntata è rimasta prevista in palinsesto fino al tardo pomeriggio e lo stesso Paolo Brosio è stato ospite della Sessione pomeridiana Il Tribunale di Forum per presentarla. Nel tardo pomeriggio la dirigenza di Mediaset ha deciso di rimandare la puntata alla settimana successiva. Motivo del posticipo sembra essere un servizio sullo spinoso caso della Madonna delle Ghiaie di Bonate.[3]

Esperienza letteraria[modifica | modifica sorgente]

Nell'autunno del 2009 ha pubblicato, per Edizioni Piemme, il libro A un passo dal baratro. Perché Medjugorje ha cambiato la mia vita,[4] nel quale ha testimoniato la riscoperta della fede cattolica mediante la spiritualità derivante delle apparizioni di Medjugorje grazie alle quali è uscito da una fase particolarmente difficile della sua vita dopo la morte del padre e la separazione dalla moglie. In tale libro si fa riferimento alla sua dipendenza da alcol e stupefacenti quali hascisc e cocaina.[5] Di tale libro ha scritto un ideale seguito per la stessa casa editrice, Profumo di lavanda.

Pubblicità[modifica | modifica sorgente]

  • STAR (dal 1997 al 1999), testimonial
  • Agip (dal 2000 al 2002), testimonial

Opere[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gino Consorti, Intervista a Paolo Brosio, in L'Eco di San Gabriele, 1/2010
  2. ^ Da "Il Giornale"
  3. ^ TuttoTv.info: " Viaggio a…, Paolo Brosio parla del “giallo” della puntata rimandata": http://www.tuttotv.info/2012/03/09/viaggio-a-paolo-brosio-parla-del-giallo-della-puntata-rimandata/
  4. ^ Scheda del libro su Webster.it. URL consultato il 16-12-2009.
  5. ^ Una storia emblematica. Come Paolo Brosio è andato a Medjugorje…

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]