Manuela Villa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manuela Villa
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività 1990 – in attività
Gruppi Squadra Italia
Album pubblicati 5
Studio 5
Sito web

Manuela Villa, nome d'arte di Manuela Maria Garofalo Pica, (Roma, 7 febbraio 1966), è una cantante, attrice e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del cantante Claudio Villa (morto nel 1987) e della soubrette e ballerina Noemi Garofalo, inizia a studiare canto e pianoforte all'età di cinque anni.

Conosce suo padre all'età di dodici anni: il cantante, però, che nel frattempo si è risposato ed ha avuto altre 2 figlie, rifiuta il riconoscimento legale, che Manuela richiederà insieme al fratello Claudio (di quattro anni più grande )negli anni '80, non appena diventata maggiorenne; la causa, che si protrarrà per molti anni, vedrà la sentenza definitiva solo nel 2004, con la pronuncia della Corte di Cassazione circa la declaratoria giudiziale di paternità del "reuccio della canzone", che consente a entrambi di aggiungere al cognome della madre quello vero del padre (morto nel 1987), e cioè Pica.

Il debutto nel mondo dello spettacolo, dopo una gavetta fatta di esperienza all'estero avviene nel 1990, durante la trasmissione Piacere Rai Uno, dove interpreta due canzoni portate al successo da Claudio Villa, Granada ed Un amore così grande (rivisitazione di una canzone incisa dal tenore Mario Del Monaco).

Nei mesi successivi viene ospitata da molti programmi come Domenica in e Occhio al biglietto

Nel 1993 al Salone Margherita con Oreste Lionello e Pippo Franco, e l'Saluti e baci, con lo stesso cast; l anno successivo pubblica il suo secondo album, intitolato Un concerto italiano, con rivisitazioni di celebri canzoni italiane.

Nel 1994 ha partecipato al Festival di Sanremo con il gruppo Squadra Italia, costituito da Jimmy Fontana, Nilla Pizzi, Rosanna Fratello, Mario Merola, Wess, Giuseppe Cionfoli, Gianni Nazzaro, Tony Santagata e Lando Fiorini, presentando il brano Una vecchia canzone italiana; subito dopo la manifestazione i cantanti pubblicano un album e Manuela parte per un lungo tour mondiale, che tocca tra i tanti paesi anche l'Australia e il Canada.

Nel 1995 doppia le parti canore del personaggio di Pocahontas nell'omonimo film della Disney, interpretando I colori del vento; nel 1999 verrà richiamata per il seguito di questo cartone animato.

L'anno successivo canta in Mondovisione da Piazza San Pietro "The tree of paith and peace", di cui è autrice del testo insieme a Guido Maria Ferilli, in occasione del cinquantesimo anno di sacerdozio di Papa Giovanni Paolo II.
Qualche mese dopo partecipa alla trasmissione di Rete 4 Viva Napoli: si tratta di un concorso musicale presentato da Mike Bongiorno, a cui parteciperà e vincerà per voto popolare per ben altre due volte, nel 2001 e nel 2002.

Il 1997 è l'anno in cui realizza due speciali insieme a Paolo Limiti dedicati a suo padre, in cui grazie alla tecnologia ha la possibilità di duettare insieme a Claudio Villa; ed al padre è dedicato il suo terzo album, Manuela Villa, pubblicato nel 1999, in cui reinterpreta alcuni successi del reuccio e suoi inediti come Questo amore vola e Quanto tempo scritti insieme a suo fratello Claudio. È ospite in molte puntate di Alle due su Rai Uno, sempre condotta da Limiti, e nel 2000 partecipa ad un concerto alla Sala Nervi con la canzone Getsmani,

Ad ottobre del 2002 entra nel cast di Casa Rai Uno, presentato da Massimo Giletti.

Il 2003 vede la partecipazione con Torna a Surriento alla trasmissione Napoli prima e dopo, presentata da Luisa Corna, e la pubblicazione di un cd singolo, Chiamo amore, di cui è autrice insieme a Walter Sacripanti. E Massimo Varini Dopo un periodo di pausa, dovuto alla maternità, nel 2007 pubblica il libro L'obbligo del silenzio, pubblicato dalle edizioni Armando Curcio Editore, al quale è allegato un CD contenente Ascoltami, canzone nuova dedicata al padre in occasione della ricorrenza del ventennale della scomparsa.

Nel 2007 partecipa, alla quinta edizione de L'isola dei famosi. Viene eliminata dal televoto nel corso della puntata del 17 ottobre 2007, salpa su "l'ultima spiaggia" e resta lì in assoluta solitudine per più di un mese. Si guadagna l'affetto e il sostegno del pubblico e viene così decretata con un vero e proprio plebiscito vincitrice della quinta edizione del programma nella puntata del 28 novembre, battendo al televoto l'altra finalista, Debora Caprioglio con ben il 75% dei voti.

Il 2008 si apre con l'ennesima esclusione dal Festival di Sanremo, e Manuela fa ascoltare la canzone bocciata, Se piove vedo il sole, a Quelli che il calcio da Simona Ventura.

Il 21 gennaio 2008 esce la sua prima raccolta in tutte le edicole in allegato al settimanale Sorrisi e Canzoni dal titolo Raccogliendo emozioni.

Nel novembre 2008 ha debuttato a Palermo come attrice di teatro, nella commedia di Sandro Mayer Un amore grande grande[1]. Scrive un altro libro questa volta un romanzo LA SPOSA E IL DIAVOLO. Nell'aprile 2010 è in scena al Teatro della Nemone - Bagheria con "Via Crucis - Opera Musical", nel quale dà vita a Maria. La regia è di Claudio Insegno. Il musical sulla passione di Cristo è ideato, musicato, arrangiato e diretto dal maestro Martino Brancatello, messo in scena dalla "Compagnia della Nemone" di Palermo.

Nel maggio 2011 torna a calcare la scena teatrale con lo spettacolo "Taormina 5 stelle vista mare" con Enrico Guarnieri e con la regia di Guglielmo Ferro.

Il 25 febbraio 2012 esce il suo nuovo singolo di sua produzione "Io sto qui" scritto da Emanuele Castrucci e arrangiato da Francesco Carlesi. Viene presentato per l'occasione in diretta su Rai Uno lo stesso giorno.

Nell'aprile del 2012 debutta nella nuova commedia teatrale "Il Gallo" con Enrico Guarneri, regia di Guglielmo Ferro.

Nel marzo del 2013 al teatro Sistina di Roma festeggia con un concerto dal titolo "ASCOLTAMI TOUR" i suoi primi 25 anni di musica. Nel 2014 insieme al fratello Claudio con le telecamere di Mediaset e la conduzione di Barbara D'Urso viene trascritto e aggiunto sui registri dell anagrafe di Roma il cognome del padre Pica. Ottenendo così giustizia dopo più di 30 anni di lotte in tribunale.

Nell'estate del 2014 parte il tour " SEMPLICEMENTE IO" E si prepara per una nuova commedia scritta dal Maestro Pierfrancesco Pingitore con debutto per il 2015

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi: Teatro.org

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]