Natale a New York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natale a New York
Titolo originale Natale a New York
Paese di produzione USA, Italia
Anno 2006
Durata 111 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Neri Parenti
Soggetto Neri Parenti, Fausto Brizzi, Enrico Vanzina, Carlo Vanzina Marco Martani, Alessandro Bencivenni, Domenico Saverni
Sceneggiatura Neri Parenti, Fausto Brizzi, Marco Martani, Alessandro Bencivenni, Domenico Saverni
Produttore Aurelio De Laurentiis e Luigi De Laurentiis
Fotografia Daniele Massaccesi
Montaggio Luca Montanari
Effetti speciali Proxima
Musiche Bruno Zambrini (Musiche originali, 2006)
Scenografia Laura Pozzaglio
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Natale a New York è un film uscito in Italia il 15 dicembre 2006 e diretto da Neri Parenti.

È il primo film realizzato da Neri Parenti dopo la separazione artistica tra Christian De Sica e Massimo Boldi. Nonostante ciò ha incassato ben € 23.513.000 rivelandosi, almeno al botteghino, un ottimo successo.[1]

Prodotto da Aurelio De Laurentis, la pellicola presenta alcune novità rispetto a Natale a Miami: sono Claudio Bisio, Fabio De Luigi, Alessandro Siani e Elisabetta Canalis mentre la colonna sonora originale è sempre del maestro Bruno Zambrini, è presente anche musica di Bob Sinclar, autore di canzoni come Love Generation e World, Hold On. La sceneggiatura è, come sempre, affidata al duo Brizzi-Martani, autori dei due fortunati Notte prima degli esami.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Camillo Ferri, in arte Lillo, è sposato da venticinque anni con Milena (da cui ha avuto anche una figlia) e lui, ex cantante di un duo di piano-bar, ha resistito ad ogni tentazione femminile per salvaguardare se stesso dalla perdita degli enormi vantaggi ottenuti con il contratto matrimoniale: sua moglie, infatti, è una donna ricchissima (figlia unica del più importante imprenditore europeo nel campo immobiliare), che però lo lascerebbe senza un soldo in caso di divorzio per infedeltà coniugale.

Tuttavia, un giorno Lillo incontra Barbara, una sua vecchia fiamma nonché ex "miss Ciociaria", una bellissima donna sposata col facoltoso Claudio Ricacci (e legata anche lei dal medesimo vincolante contratto di matrimonio) che si innamora perdutamente di lui al punto di volerlo sposare. Per evitare di rovinare la propria vita agiata, Lillo non esiterà a mettere in guardia il suo rivale dai continui trabocchetti messi in atto da Barbara, decisa a smascherare l'infedeltà di Claudio così da rendere vano il contratto di matrimonio.

Filippo Vessato è un giovane chirurgo che fa parte dello staff dello spietato professor Severino Benci, un luminare della medicina laureatosi a New York vent'anni prima. Filippo, in procinto di essere promosso a viceprimario, deve andare a New York per sposarsi con la sua fidanzata italoamericana Mary, ma il crudele primario gli concede appena quattro giorni di vacanza in cui ha il compito di far rientrare anche un incarico personale: portare al figlio di Benci, Francesco (studente in un'università del Riverside College), il regalo di Natale del padre. Giunto negli Stati Uniti, Filippo scopre che il figlio di Benci e il cugino Paolo non sono affatto studenti modello, come gli aveva raccontato Benci, ma due veri fannulloni e imbroglioni.

E le sorprese per Filippo continuano con l'arrivo a New York del primario che rivela un lato di sé completamente inaspettato. Il primario infatti era arrivato in seguito ad una bugia raccontata da Vessato, che gli aveva annunciato l'imminente premiazione di Paolo e Francesco come migliori studenti dell'anno. Il primario giunge allora a New York a sorpresa e dopo alcune disavventure con Vessato, viene a scoprire che Paolo e Francesco erano stati sì premiati, ma come "fancazzisti" dell'anno. Il giorno dopo Benci è furibondo, licenzia Vessato (a suo avviso complice dei ragazzi) e chiede un incontro al rettore per far controllare ogni momento figlio e nipote. Ma proprio negli stessi minuti si stava celebrando all'università il ventennale della nascita della confraternita dei "fancazzisti", di cui Francesco e Paolo facevano parte.

E ,ironia della sorte, i due ragazzi vengono a scoprire che l'anonimo fondatore non era altro che il professor Severino. In questa nuova situazione riescono quindi a patteggiare: altri due anni massimo di "fancazzismo" prima di mettersi a studiare sul serio (come aveva fatto il padre) e promozione a viceprimario per il dottor Vessato. Arriva per quest'ultimo il giorno delle nozze con l'egoista fidanzata. In chiesa da una parte ci sono gli amici di Mary, tutti raffinati e per bene, dall'altra gli amici di Vessato, principalmente conosciuti a New York al Riverside College. Mary chiede a Filippo di buttarli fuori, e Filippo lo fa, uscendo però poco dopo a sua volta e annullando dunque il matrimonio.

Alla fine Lillo non riesce a resistere alla tentazione di Barbara (incontrata a New York), con la quale tradisce Milena; stessa cosa fa Claudio la cui amante è, ironia della sorte, Carlotta Ferri, figlia di Lillo. Barbara e Milena ingaggiano un detective privato che fotografi i rispettivi mariti in flagrante. Lillo riesce a intercettare le foto ma si fa ingenuamente scoprire da Milena, che però prende la busta sbagliata e, aprendola, scopre le foto di Carlotta con Claudio. Lillo, Milena e Carlotta a quel punto vanno da Claudio per rimproverarlo e la partner. La famiglia Ferri promette la massima discrezione sulla faccenda, ma a quel punto irrompe Barbara con l'altra busta delle foto e la apre frettolosamente, credendo che esse ritraggano il marito: invece ritraggono proprio lei e Lillo, il tutto agli occhi di Milena.

La scena finale è la notte di Capodanno, in cui Lillo fa vedere come sono andate a finire le cose: Claudio e Barbara, entrambi "cornuti", hanno deciso di darsi un'altra possibilità e si sono perdonati a vicenda; Carlotta si è sposata con Lello, pianista di pianobar in un hotel di New York e figlio dell'ex compagno di duo di pianobar di Lillo; Milena invece fa adesso coppia col professor Benci. E al povero Lillo non resta che tornare al proprio vecchio lavoro.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bob Sinclar feat. Steve Edwards - World, Hold On (Children of the Sky) (Radio Edit)
  2. Michael Gray feat. Shelly Poole - Borderline (Radio Edit)
  3. Lily Allen - Smile (Radio Edit)
  4. The Kooks - Naïve
  5. Corinne Bailey Rae - Put Your Records On
  6. Seth Lakeman - Lady of the Sea (Hear her Calling) (New Radio Version)
  7. Montefiori Cocktail - Crazy (Radio Edit)
  8. Kenny - I Love New York
  9. The House Keepers - Feel Da Feeling (Radio Edit)
  10. Karis - ke feat. Groove In Mind - Dancer
  11. T-bone - And I Feel Like
  12. Roselyn - Music In Me
  13. Big apple - In The City (House Mix)
  14. Resound - La mia faccia inutile (Lei che ride) (Edit)
  15. Paolo Sandrini - Green Sea

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Natale a New York - MYmovies

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema