Miguel Agustín Pro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beato Miguel Agustín Pro
Ritratto del beato Michele Agostino Pro
Ritratto del beato Michele Agostino Pro

Presbitero e martire gesuita

Nascita Guadalupe, 13 gennaio 1891
Morte Città del Messico, 23 novembre 1927
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 25 settembre 1988 da papa Giovanni Paolo II
Ricorrenza 23 novembre

José Ramón Miguel Agustín Pro Juárez[1] (Guadalupe, 13 gennaio 1891Città del Messico, 23 novembre 1927) è stato un presbitero messicano, gesuita, beatificato da papa Giovanni Paolo II il 25 settembre 1988.

Miguel Pro svolse la sua missione durante la persecuzione anticattolica del governo messicano, di ispirazione massonica, negli anni venti. Fu fucilato senza processo, a causa della sua attività pastorale, il 23 novembre del 1927.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'esecuzione di Miguel Agustín Pro, nel 1927.

Nasce a Guadalupe il 13 gennaio 1891. Il padre è un ingegnere minerario e Miguel, accompagnandolo a volte in miniera, inizia a sviluppare un'acuta sensibilità ai problemi sociali[2].

Le due sorelle maggiori pronunciano i voti religiosi e lo stesso Miguel, nel 1911, entra come novizio nella Compagnia di Gesù. Il 30 agosto 1925 viene ordinato sacerdote a Enghien, in Belgio, e l'anno successivo torna in Messico, dove è in corso una feroce persecuzione anticlericale.

Senza tener conto dei rischi, svolge clandestinamente un'intensa attività assistenziale e pastorale, giungendo a distribuire anche 1500 comunioni quotidiane[3]. Accompagnandosi con la chitarra, grazie alle canzoni e all'umorismo conquista l'attenzione della gente.

Nel 1927 viene arrestato con la falsa[4] accusa di aver partecipato a un attentato contro il generale Álvaro Obregón, candidato alla presidenza repubblicana, mentre in realtà Miguel è sempre stato contrario all'uso della violenza[5]. Senza processo, e ignorando le testimonianze in favore della sua innocenza, il 23 novembre 1927 è portato davanti al plotone di esecuzione: le sue ultime parole prima della fucilazione sono "Viva Cristo Re". Al suo funerale, a Città del Messico, sfilano ventimila persone, nonostante il divieto delle autorità[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito ufficiale
  2. ^ Santi e beati: Beato Michele Agostino Pro
  3. ^ Santi e beati, ibidem
  4. ^ Dal sito dei gesuiti
  5. ^ Santi e beati, ibidem
  6. ^ Santi e beati, ibidem

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Dragon, Il padre Pro. Il Santo dei Cristeros, Edizioni Amicizia Cristiana, 2012, ISBN 978-88-89757-43-7
  • Andreas Resch, I Beati di Giovanni Paolo II. Volume II: 1986-1990, Libreria Editrice Vaticana, 2002, ISBN 88-209-7340-5
  • Ann Ball, Blessed Miguel Pro: 20th-Century Mexican Martyr, Saint Benedict Pr, 1997

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 25743289