Andrea Bobola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Andrea Bobola
Sant'Andrea Bobola
Sant'Andrea Bobola

Martire

Nascita 1591
Morte 1657
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 1853
Canonizzazione 1938
Ricorrenza 16 maggio
Attributi palma
Patrono di Polonia

Andrea (Andrzej) Bobola (Strachocina, 30 novembre 1591Janów, 16 maggio 1657) è stato un gesuita e missionario polacco, proclamato santo da papa Pio XI nel 1938.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di probabili origini ceche, si fece gesuita nel 1611 e nel 1622 venne ordinato sacerdote: abile predicatore, fu missionario a Vienna e Lituania, dove cercò di far tornare gli ortodossi in seno alla Chiesa cattolica.

Venne ucciso dai cosacchi nel 1657.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Venne proclamato beato da papa Pio IX il 30 ottobre del 1853: il 17 aprile 1938 è stato canonizzato da Pio XI. Pio XII gli dedicò l'enciclica Invicti Athletae Christi, promulgata il 16 maggio 1957.

Memoria liturgica il 16 maggio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sant'Andrea Bobola in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Controllo di autorità VIAF: 20493475 LCCN: n93120160