Mafia: The City of Lost Heaven

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mafia: The City of Lost Heaven
Mafìa.PNG
Schermata del gioco
Sviluppo Illusion Softworks
Pubblicazione Gathering of Developers
Data di pubblicazione 28 agosto 2002 (PC) Stati Uniti
1 febbraio 2004 (PS2) Stati Uniti
11 marzo 2004 (Xbox) Stati Uniti
29 agosto 2002 (PC) Unione europea
Genere Sparatutto in terza persona
Tema Mondo reale
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Microsoft Windows, PlayStation 2, Xbox
Motore grafico LS3D engine
Supporto 3 CD-ROM, 1 DVD
Requisiti di sistema Pentium III
700 MHz
128 MB di RAM
Scheda 3D 32 MB
Fascia di età ESRB: M
Periferiche di input Mouse, tastiera, joypad
Seguito da Mafia II
« Ho visto parecchia gente trascurare i problemi e fare una gran brutta fine. Di solito ti fan fuori per denaro. Sennò vai fuori di testa e tutto il tuo codazzo di "amiconi" e belle signorine scompare. »
(Frase citata da Frank in una discussione con Tommy Angelo)

Mafia: The City of Lost Heaven è un videogioco del 2002 sviluppato da Illusion Softworks e distribuito da Gathering of Developers per Microsoft Windows[1], PlayStation 2[2] e Xbox[3]. Il protagonista è Thomas Angelo, tassista della città di Lost Heaven (verosimilmente ispirata alla New York del 1930) che, nel corso del gioco, scalerà l'organizzazione mafiosa capeggiata da Don Salieri. Il gioco ricostruisce con realismo le auto e le armi anni '30, periodo nel quale si sviluppa la trama; inoltre sono tratteggiati numerosi personaggi pittoreschi, tra i quali Paulie e Sam (aiutanti di Tommy), il boss Morello e suo fratello Sergio, capimafia rivali di Salieri. Molte scene del videogioco sono accompagnate dalla musica di Django Reinhardt e Mills Brothers. Nel 2010 è uscito il seguito Mafia II.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia del gioco viene raccontata come flash-back del protagonista. Tommy Angelo si trova in un bar col detective Norman. È spaventato e preoccupato per la sicurezza della sua famiglia e pur di ottenere protezione è disposto a raccontare al detective tutto sulla propria storia e sulla famiglia mafiosa di cui ha fatto parte: la famiglia Salieri.

1930[modifica | modifica sorgente]

1930, Tommy è un tranquillo tassista che si ritrova immischiato in un inseguimento tra bande mafiose: due uomini armati gli intimano di portarli in salvo nel bar del loro capo, Don Ennio Salieri, e di aiutarli a sfuggire ai killer del boss Morello, rivale del Don. Tommy riesce nel compito, ma gli uomini di Morello prendono nota della targa del suo taxi. Paulie e Sam, i due mafiosi salvati da Tommy, rimborsano i danni per il taxi danneggiato e gli propongono di unirsi alla loro "organizzazione"; Tommy, impaurito, inizialmente rifiuta.

Il giorno dopo però, Tommy è costretto a rifugiarsi nel bar di Salieri per sfuggire agli uomini di Morello, che lo vogliono punire per l'aiuto fornito ai gangster la sera precedente. Sfuggito ai criminali, ripensa alla proposta di collaborare con Don Salieri e così decide di entrare a far parte di questa nuova famiglia. Introdotto nell'organizzazione, Tommy ne conosce i vari membri. Don Salieri è un boss vecchio stampo, duro con i nemici e i traditori, ma protettivo e di parola con amici ed alleati. La famiglia Salieri è la più potente, ma anche la più disciplinata e onorevole. Nulla a che vedere con quella avversaria di Morello il cui capo è un assassino psicopatico il cui unico credo è la violenza insensata. Grande fermento c'è all'interno della famiglia Salieri: sembra che Don Morello voglia iniziare una guerra.

All'inizio le mansioni affidate a Tommy sono di semplice autista per varie operazioni, ma un giorno, qualcosa di inatteso accade. Tommy ha accompagnato Paulie e Sam in un giro di riscossione dei pizzi chiesti a varie attività della città. Raggiunto un albergo in campagna, il Clark's Motel, Paulie e Sam entrano a riscuotere, ma vengono aggrediti dagli scagnozzi di Bill, il padrone del Motel. Tommy fa irruzione e massacra gli altri criminali per salvare i propri compagni. Interviene però Bill che scappa con i soldi del pizzo con la sua auto di lusso (una Lassiter V16 Phateon); Tom lo blocca e lo ammazza, riuscendo a riavere i soldi. Questo gli fa guadagnare la stima di tutti i membri della famiglia (a parte Frank, il vice di Don Salieri) e da qui inizia la sua scalata nei ranghi dell'organizzazione.

1932[modifica | modifica sorgente]

Nel 1932, Don Salieri chiede a Tom un favore: deve rubare un'auto da corsa europea, la "più veloce del mondo" e portarla da Luca Bertone, per farla manomettere, dato che molti membri della Famiglia e altre persone avevano scommesso su un'altra persona e se l'europeo avesse vinto, molta gente avrebbe perso un sacco di soldi. Grazie a Bobby, guardiano dell'autodromo e amico di Ralph (meccanico della famiglia) riesce a fare il tutto in tempo. Il giorno dopo, però, il tizio che doveva gareggiare per conto di Salieri si rompe un braccio e tocca a Tommy fare la gara, di cui sarà il vincitore; anche Bertone ha fatto un sacco di soldi grazie alla gara, promettendo a Tommy macchine di lusso - come rubarle e dove trovarle - in cambio di piccoli favori; il primo regalo è una Lassiter V16 Phateon. Una sera, al bar, il cuoco e barista del ristorante di Salieri, Luigi, chiede un favore al protagonista: accompagnare la figlia Sarah a casa, poiché la sera prima aveva incontrato dei delinquenti. Tom accetta di accompagnarla, e poco dopo, in un vicolo, incontra i malviventi. Tom, nel tentativo di proteggere la ragazza, viene ferito, ma riesce comunque a far scappare la banda. Pochi minuti dopo, raggiungono l'abitazione. Tommy viene curato da Sarah, poi fra loro scocca una scintilla. I due si innamorano finendo a letto insieme. Tommy capisce che è lei la donna della sua vita.

Il giorno seguente, Tom racconta tutto a Salieri: quest'ultimo incarica a Tommy e Paulie di uccidere quei teppisti. Grazie a Big Biff, informatore della famiglia, trovano i delinquenti a Chinatown, la loro "base", e li uccidono tutti. Poi partono all'inseguimento dei due capi della banda, Johnny e Billy, poi finalmente li bloccano e li uccidono. Ma le cose non vanno per il meglio: Frank, il giorno dopo dice che Johnny si è salvato senza grossi danni e Billy era il figlio dell'assessore cittadino, che presto si alleerà con Morello e con il Procuratore Distrettuale. Ciò probabilmente darà delle noie alla famiglia. Frank incarica Tom di uccidere un titolare, uccidere una donna (che sta dando informazioni a Morello) e far saltare in aria un bordello. Dopo aver ucciso il titolare, si reca per uccidere la donna, ma non lo fa poiché è Michelle, la migliore amica di Sarah: lei ha fatto tutto questo per salvare il fratello. Tom, dispiaciuto, suggerisce alla donna di andarsene e di non tornare più a Lost Heaven. Terminata la sua missione, fugge tra i tetti di alcuni palazzi vicini al bordello, poi finisce nella Chiesa di Downtown, dove riposa il figlio del politico; Johnny lo riconosce e ordina di ucciderlo. Dopo una violenta e brusca sparatoria, il sacerdote esce fuori e parla con Tom. Sentendosi un in colpa, il protagonista dona al prete del denaro per restaurare la chiesa. Un giorno, Frank suggerisce a Tommy di trovare uno scopo nella vita: andare alle corse con il Don oppure andare al cinema, o a teatro, con Sarah.

1933[modifica | modifica sorgente]

Nel 1933, Tom e Sarah si sposano e in seguito avranno una figlia, di cui non è rivelato il nome.

Tom deve andare a prendere un carico di whisky canadese fuori campagna con Paulie. La nottata appare tranquilla, ma arrivati a destinazione, Sam e gli uomini di Salieri non sono lì ad aspettarli. Paulie incarica Tom di andare a vedere. Tommy scopre che sono tutti morti e che sul posto ci sono anche gli uomini di Morello, che tentano di ucciderlo. Dopo aver ucciso i suoi nemici, torna da Paulie e gli riferisce tutto. Forse Sam è ancora vivo, e potrebbe essere nascosto in un granaio. Tom e Paulie riescono a salvarlo e portarlo dal dottore.

Il giorno dopo, Salieri scopre che Frank ha tradito la famiglia, portando i loro libri contabili al Procuratore Distrettuale. Il Don incarica Tommy di trovarlo, farsi dire dove sono i libri e poi liquidarlo. Tom lo scova e insegue la Lassiter V16 della Polizia su cui è montato assieme a degli agenti fino all'Aeroporto. Dopo aver ucciso diversi angenti dell' FBI, trova il consigliere e scopre il motivo per cui ha tradito la Famiglia: la polizia ha preso la sua famiglia, e questa minaccia di ucciderla se Frank non avesse portato loro il libri. Tom ritrova la famiglia di Frank e i loro biglietti per partire in Europa. Frank li saluterà, poi sistemerà la faccenda con Tom. Tommy però decide di non ucciderlo: basta solo che gli dica dove sono i libri, così potrà andare a vivere con sua moglie Marge e la figlia Alice in Europa. Frank gli consegna la chiave della cassetta in cui ha messo i libri contabili, che si trovano alla First National Bank. Il giorno dopo, viene organizzato il "funerale" di Frank. Tommy si meraviglia riguardo a Salieri e Morello, che il giorno prima erano in guerra, quel giorno invece piangevano uno sulla spalla dell'altro. Quella sera, Salieri informa Tommy dell'esistenza di altre prove contro di loro, e dell'esistenza di alcuni testimoni. Sam e Paulie si stanno occupando dei testimoni, Tommy invece dovrà liberarsi delle prove situate nella cassaforte della villa del Procuratore. Con l'aiuto di Salvatore, uno scassinatore, si introduce nella villa, recupera i documenti e fugge via, con la lussuosa macchina del Procuratore (ciò a seconda delle scelte del giocatore).

Adesso è arrivato il momento del piacere: Paulie, ha conosciuto William "Bill" Gates, un imprenditore di whisky del Kentucky. Costui ha proposto a Paulie di vendergli il suo whisky, ritenuto dal ragazzo molto buono. Don Salieri accetta, affermando che potrebbe essere una buona idea, per rimediare al whisky canadese perso nella missione "Scampagnata". Arrivati al luogo di scambio (il Parcheggio Multipiano di Central Island), succede un imprevisto: alcuni uomini di Morello arrivano uccidono Gates e i suoi uomini; Tom, Paulie e Sam riescono a prendere il carico e fuggire. Quella sera, Salieri scopre che Gates era un criminale che ha rubato il whisky di Morello (spiegato il motivo dell'attacco).

1935[modifica | modifica sorgente]

Nel 1935, Salieri chiede a Tom di accompagnarlo al Pepe's Restaurant, in quanto la sua guardia del corpo è malata. Durante il pranzo, però, degli uomini di Morello attaccano il ristorante. Tom e il suo capo riescono a sopravvivere all'attacco uccidendo i loro nemici. Dopo la sparatoria, Salieri capisce chi ha informato Morello: Carlo, la sua guardia del corpo. Arrivati all'appartamento di Carlo, vicino al loro bar, Tommy sfonda la porta e e lo uccide.

Adesso è giunto il momento di occuparsi della famiglia Morello: bisogna eliminare i suoi contatti forti. Il primo da far fuori è l'assessore, padre di Billy, che ha dato loro molte noie e che è stato eletto grazie a Morello. Quel giorno, 14 Luglio, festeggerà 50 anni, dando una festa su un battello. Non si può salire armati e tantomeno senza biglietto, ma per l'arma c'ha pensato Vincenzo. L'ha nascosta in un bagno del battello; dopo aver ucciso l'assessore, dovrà raggiungere la prua, dove Paulie lo aspetterà con un motoscafo. Per salire, Tommy si traveste da marinaio, recupera il revolver e durante il discorso dell'assessore gli spara.

Dopo la morte dell'assessore, va ucciso Sergio Morello, il fratello di Don Morello. Paulie ha pensato ad un piano: Sergio passa tutto il tempo in un ristornante chiamato "Italian's Granden"; di fronte al bar c'è una cabina, dalla quale Tommy chiamerà dicendo di voler parlare con Sergio e Paulie con un Thompson 1928 lo ucciderà. Il piano sembra funzionare, ma uno scagnozzo di Morello, informa che Sergio non c'è. Paulie, credendo lo scagnozzo Sergio, lo fa fuori e i due devono scappare. Tornato al Bar, Vincenzo ha preparato un nuovo piano: piazzare una bomba sotto l'auto di Sergio e farla saltare in aria. Purtroppo, è la ragazza di Sergio a prendere la macchina, che esplode. Tommy fa rapporto al Don, che gli dice di andare ad un ristorante, il Raimbow Garden, situato a Downtown, dove Sergio si incontra con i suoi scagnozzi. Paulie e Tom raggiungono il ristorante. Paulie scende e tira fuori il suo Thompson, ma questo è scarico e i due sono costretti a fuggire nuovamente.

Stanco dei fallimenti, il Don affida ad altri due ragazzi l'incarico: il piano è quello di uccidere Morello facendolo travolgere da un treno. Purtroppo, anche questa volta Sergio se la cava, perché sono quei due ragazzi a morire travolti. Tommy insegue la macchina di Morello fino al Porto, dove, liberandosi degli altri scagnozzi, uccide anche Sergio.

Adesso bisogna uccidere Don Morello: Paulie ha un piano: Morello in quel momento è a teatro. I tre entreranno e lo uccideranno, in pubblico "per far vedere chi comanda". Purtroppo, lo spettacolo finisce prima e Morello si accorge dei tre gangster, dandosi alla fuga. Don Morello può morire in tre modi:

  • Morello raggiunge l'aeroporto, e la macchina di Tom si ferma. Mentre Sam cerca di aggiustarla, Tommy uccide i due scagnozzi di Morello, e non appena arriva la macchina, abbatte anche l'aereo di Morello, uccidendolo.
  • Se l'aeroporto è chiuso, oppure si riesce ad affiancare la sua macchina da sinistra, l'autista non potrà svoltare all'aeroporto e continuerà ad andare dritto, fino a che non precipiteranno da un ponte non ancora terminato.
  • Se si riesce a bloccare la macchina di Morello, oppure ad uccidere l'autista, l'auto si fermerà e si potrà uccidere Morello (ciò solo nel livello Caccia all'uomo).

Con la morte di Don Morello, Salieri può controllare quasi tutta la città.

1938[modifica | modifica sorgente]

1938. Don Salieri chiede a Tommy di uccidere un politico, il signor Swere, intento ad eliminare il crimine a Lost Heaven e che sta occupando parte della città, allargandosi anche nel territorio di Salieri. Swere terrà una conferenza stampa su un isolotto a largo di New Ark, accessibile soltanto da un ponte. Tom però non dovrà trovarsi lì, perché potrà benissimo sparare al politico dalla torre del vecchio carcere. Tommy riesce ad entrare nel carcere, ad uccidere il politico e a fuggire.

Adesso che la città è sotto il controllo di Salieri, la famiglia si può rilassare. L'ultima missione affidata dal Don consiste nel rubare sei casse contenenti sigari al porto di Lost Heaven, dato che non ne fuma uno decente da molto e che ai loro clienti interessa i sigari di qualità. Raggiunto un luogo nel Works Quarter, Paulie propone di rapinare una banca, ma Sam e Tommy si rifiutano. Tommy riesce a rubare un camion, far scendere l'autista, recuperare dei documenti per entrare al porto e a portare via il carico. Recupera Paulie e insieme vanno al loro magazzino di Hoboken. Ma quando controllano le casse, scoprono delle scatole con dei diamanti, e pure parecchi. Pare che il Don li abbia sfruttati.

Il giorno dopo, Tommy va a casa di Paulie per progettare la rapina, senza dire niente al Don, e se tutto andrà bene, il giorno successivo decideranno cosa farne dei soldi (Paulie vorrebbe aprire una pizzeria e abbandonare il clan) . La rapina è un successo, ma il giorno dopo, quando Tommy va a casa di Paulie per dividere il bottino, trova la porta aperta e il suo amico morto: nella casa c'è il caos e il denaro è sparito. Il telefono squilla: è Sam, che lo voleva informare dicendogli che il Don ha scoperto della rapina e che ha mandato qualcuno ad uccidere Paulie e che ora vuole liberarsi di Tommy.

Egli, non sapendo dove andare, chiede aiuto all'amico, e i due si danno incontro alla galleria d'arte. Non appena entra nella galleria, Tommy scopre il tradimento di Sam: afferma che Tommy sarebbe diventato uno degli uomini preferiti del Don se non avesse lasciato scappare Frank (quest'ultimo è morto quello stesso anno, dopo essere stato trovato in Europa) e Michelle, che è tornata in città (nonostante Tommy le avesse detto di andare via da Lost Heaven). Dopo una lunga sparatoria contro i sicari di Salieri, Tommy riesce a uccidere Sam e con la famiglia fugge in Europa, ma torna qualche mese dopo e decide di confessare tutto alla polizia in cambio di protezione e nuove identità per sé, sua moglie e sua figlia.

Epilogo (1938/9 - 1951)[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver raccontato tutto al detective Norman, il processo contro Salieri e altri uomini del clan si conclude con pesanti condanne (il detective dice che è «la battaglia legale più grossa mai vista in quel paese»): per il Don c'è l'ergastolo mentre la condanna più lieve per Tommy è di 8 anni. Infine lui, sua moglie Sarah e sua figlia cambiarono nome e andarono a vivere ai confini della città Empire Bay. Undici anni dopo, incaricati dalla famiglia Salieri, Vito Scaletta e Joe Barbaro (protagonisti di Mafia II) arrivano da lui e lo uccidono. Si sentono dire le ultime parole di Tom dal cielo:

« Sapete, il mondo non è governato da leggi scritte, ma dalle persone. Alcune seguono le leggi e altre no. Dipende da ciascun individuo come sarà il mondo, da come lo crea, e ci vuole anche un bel po' di fortuna, per evitare che qualcuno ti renda la vita un inferno, non è facile come ti insegnano alle elementari, ma è giusto avere dei solidi valori e rispettarli: nel matrimonio, nel crimine, in guerra, insomma sempre e dovunque. Io ho fallito come Paulie e Sam... aspiravamo a una vita migliore ma in fondo eravamo peggiori della maggior parte della gente. Sapete, credo che sia importante mantenere l'equilibrio. Già! L'equilibrio è la parola giusta. Perché chi vuole troppo, rischia di perdere assolutamente tutto... certo chi vuole troppo poco dalla vita, rischia di non ottenere assolutamente nulla»
(Tommy Angelo)

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Nel gioco ci sono varie modalità:

  • Nella modalità Storia, ci sono venti missioni da completare per arrivare alla fine del gioco e per sbloccare la modalità A Tutto Gas. Le missioni sono molto differenti tra loro e comportano anche lo sbloccamento di auto e ambientazioni nella modalità Fatti Un Giro. Ogni quattro missioni si avanza di qualche anno nella storia e c'è un intermezzo video in cui Tommy prosegue le sue confessioni con il detective. Nella prima missione (Un'Offerta Che Non Si Può Rifiutare) il giocatore deve fuggire dai mafiosi rivali e portare Paulie e Sam nel loro quartier generale; nella seconda (L'Uomo Che Corre) il protagonista deve scappare a piedi dai mafiosi precedenti e rifugiarsi nel Bar Salieri (covo dei mafiosi amici) per poi vendicarsi dei suoi inseguitori nella missione seguente (Festa Alle Molotov).

La quarta missione (Ordinaria Amministrazione) prevede la riscossione del pizzo in ristoranti e hotel; nella quinta (Sportività) si deve sabotare un'auto da corsa e poi nella sesta missione (sempre Sportività) correre e vincere una gara cittadina all'autodromo. La settima missione si divide nella scorta a Sarah, futura moglie del protagonista e nella sparatoria al covo di alcuni sbandati nel territorio di Salieri (Meglio Farci L'Abitudine). Nell'ottava missione (La Puttana) bisogna uccidere una prostituta, piazzare una bomba in un bordello e ucciderne il titolare per poi scappare dopo un'impegnativa strage nella più grande chiesa di Lost Heaven (Il Prete).

La prostituta, essendo amica della moglie di Tommy, viene lasciata libera. La nona missione (Scampagnata) prevede la riscossione di casse di whisky in una fattoria fuori città , e nella decima (Omertà) si deve uccidere il traditore Frank, consigliere di Don Salieri e amico di Tom, che per pietà lo lascerà vivere. Durante l'undicesima missione (Visita A Gente Ricca) ci si deve introdurre nella villa di un assessore e rubare alcuni documenti, e nella missione seguente (Un Bel Colpo) si dovranno affrontare vari mafiosi in una carneficina durante un carico di alcolici. Nella missione numero tredici (Buon Appetito) bisogna scortare Salieri al ristorante e affrontare con lui un'imboscata, in seguito (Buon Compleanno) bisognerà uccidereun assessore durante la festa per il suo cinquantesimo compleanno su un battello.

Nella quindicesima missione (Fortunato Bastardo) Tom si reca al porto per uccidere Sergio Morello, fratello del boss nemico che a sua volta bisognerà eliminare nella missione successiva (Crème De La Crème). Nella diciassettesima missione (Campagna Elettorale) Tom si introdurrà in un carcere abbandonato, per uccidere un politico con un fucile da cecchino durante un discorso. Rubare un carico di sigari (Solo Per Rilassarsi) è la diciottesima missione, tra le più importanti, al termine della quale Tommy e Paulie scoprono che al posto dei sigari rubati ci sono diamanti e che Salieri li sta sfruttando, quindi i due organizzano una rapina (diciannovesima missione, Chiaro Di Luna). Nella ventesima ed ultima missione (La Morte Dell'Arte) si scopre che la rapina è stata vendicata dai picciotti di Salieri con l'omicidio di Paulie, quindi Sam dice a Tommy di raggiungerlo alla galleria d'arte, dove troverà Sam e una schiera di uomini di Salieri. Alla fine della missione Tom ucciderà Sam, vendicando Paulie.

  • Nella modalità Fatti un Giro, il giocatore impersona Thomas Angelo in un giro completamente libero nella città di Lost Heaven. In questa modalità non ci sono obiettivi da completare e la libertà d'azione è massima. Alcuni scenari (come la campagna e l'ambientazione notturna) possono essere usati solo dopo aver svolto alcune missioni. Anche la scelta dell'auto iniziale dipende dallo svolgimento delle missioni, soprattutto della modalità A Tutto Gas.
  • Nella modalità A Tutto Gas bisogna intraprendere diciannove strane missioni che hanno ognuna come premio un'auto speciale. La maggior parte delle missoni richiede un'ottima capacità di guida. Si dispone di un'auto iniziale con la quale fare la prima missione, si ha inoltre una casa nella quale è possibile salvare il gioco e recuperare salute, nonché parcheggiare le varie auto nell'ampio giardino.
  • Nella modalità Tutorial si impareranno i fondamentali del gioco:come sparare,compiere azioni,guidare e come comportarsi di fronte alla polizia guidati dalla voce di Vincenzo.
  • Solo nelle versioni console sarà presente la modalità Corsa, che consiste nel vincere alcune gare lungo circuiti di Lost Haeven ricevendo in cambio un'auto nuova. È assente nella versione PC, sostituita da "A Tutto Gas" che serve appunto per sbloccare nuove auto e prototipi.

Differenze tra PC e Xbox/Ps2[modifica | modifica sorgente]

Nella versione del gioco per Xbox esistono alcune differenze rispetto alla versione per PC, a partire dal titolo: si chiama, infatti, semplicemente Mafia. Inoltre sono assenti la modalità a tutto gas, il tutorial ed alcune funzionalità della modalità fatti un giro. Inoltre la versione Xbox/Ps2 è caratterizzata dalla mancanza di alcune armi e l'impossibilità di inserire trucchi.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Thomas Angelo[modifica | modifica sorgente]

Thomas Angelo (1900-1951), protagonista del gioco, è soprannominato Tommy o Tom. All'inizio del gioco, nell'autunno del 1930, è un semplice tassista italoamericano, che viene costretto a salvare due gangster di un padrino mafioso locale fuggendo dai sicari della famiglia Morello. Tommy viene però individuato dagli inseguitori e così, per tutelarsi, è costretto suo malgrado ad unirsi all'associazione mafiosa di Don Salieri. Nonostante le titubanze iniziali ben presto si integra nella famiglia e gli vengono affidate missioni sempre più complicate, finché diverrà il braccio destro del padrino.

Solitamente è accompagnato nelle missioni dai due sicari Paulie e Sam, gli stessi che aveva salvato all'inizio del gioco. Scoprendo dei giri che alla fine rischiano di costargli la vita, Tommy decide di andare a costituirsi alla polizia, raccontando tutto ad un detective. I due parlano seduti in un Caffè e le missioni da affrontare nel gioco sono flashback dei loro discorsi. Alla fine del gioco Tommy ottiene una notevole somma di denaro e una nuova identità, per lui e per la sua famiglia e si trasferisce in Europa, poi, dopo la fine della guerra ritorna negli Stati Uniti, ma all'altro capo del Paese, cercando di sfuggire alla mafia che lo sta cercando, difeso anche dalla polizia che lo mette sotto protezione, ma il tutto culminerà in un tragico finale con l'uccisione di Tommy Angelo da parte di Joe Barbaro insieme a Vito Scaletta ad Empire Bay il giorno 25 settembre 1951 (Mafia II). La voce originale è di Michael Sorvino, doppiata in italiano da Claudio Moneta.

Don Ennio Salieri[modifica | modifica sorgente]

Uno dei personaggi principali del gioco, Ennio Salieri (1876-1958), anche lui italoamericano, è a capo della famiglia a cui appartiene Thomas Angelo e può essere considerato l'antagonista principale del gioco. All'inizio offre un lavoro al protagonista per aiutarlo a salvarsi da Don Morello, il boss rivale in città. Per condurre la guerra contro Morello si avvale di molte persone, in primis del consigliere Frank e dei gangster Paulie, Sam e Tommy Angelo. La sua base è il Salieri's Bar and Restaurant a Little Italy, gestito da un suo amico di nome Luigi.

Nel corso del gioco - ambientato durante gli anni Trenta - Salieri è costretto a difendersi da Morello, e intraprende una feroce lotta armata per eliminare il suo pericoloso rivale. Durante il gioco diecide di uccidere Frank, il suo braccio destro, risparmiato però da Tommy. Ucciso il rivale Morello, imbroglia tutti i suoi uomini (tranne Sam) e, dopo che Paulie e Tommy scoprono gli imbrogli, Paulie viene eliminato da Sam, e lo stesso dovrà succedere a Tommy che riesce a sopravvivere, uccidendo Sam. Salieri non mantiene tuttavia a lungo il controllo del territorio: il suo principale braccio destro, Tommy Angelo, si pente e testimonia al processo nei confronti dell'intera banda di Salieri, il quale viene, alla fine, arrestato e condannato all'ergastolo. Grazie però ad alcuni suoi contatti, scopre dove Tommy è stato nascosto e grazie alla sua amicizia con Carlo Falcone di Empire Bay, riesce a vendicarsi di Tommy. Muore 7 anni dopo di lui. La voce è doppiata da Riccardo Rovatti.

Paulie[modifica | modifica sorgente]

Paulie (1898-1938), uno dei più importanti gangster della famiglia Salieri, al primo incontro con Tommy è ferito all'addome e sarà compito del giocatore portarlo in salvo dagli sgherri di Morello. Presto diventa il miglior amico del protagonista, nonostante la diversità di vedute sulla violenza: Tommy infatti spesso ne fa a meno, mentre per Paulie sembra di fondamentale importanza per risolvere ogni situazione.

Questo uso sconsiderato della violenza ha origini anche dalla sua difficile infanzia: l'uomo è infatti cresciuto per strada nel quartiere di Little Italy, ed è stato proprio Salieri a salvargli la vita invitandolo ad unirsi all'organizzazione. La sua vita avrà un finale tragico in quanto verrà ucciso a casa sua; proprio dal suo amico dell'organizzazione Sam, su ordine di Salieri che voleva punire la rapina alla banca. La voce è doppiata da Riccardo Lombardo.

Sam[modifica | modifica sorgente]

Gangster ai vertici della famiglia Salieri, Sam (1898-1938) spesso viaggia in compagnia di Paulie e Tommy. È meno violento rispetto a Paulie, ma molto più affezionato alla famiglia, come dimostrerà durante tutto il gioco. Responsabile della morte di Paulie nel 1938. Verrà ucciso dal proprio amico dell'organizzazione Tom Angelo sfuggendo all'agguato preparato da Sam nella galleria d'arte. La voce è doppiata da Marco Balzarotti.

Don Morello[modifica | modifica sorgente]

Don Morello (1877-1935) è un capomafia di Cosa Nostra, nemico giurato di Don Salieri. È una persona estremamente crudele capace di compiere ogni possibile nefandezza; infatti, in una storia di Tommy, Morello ha ucciso con le sue mani un uomo che era colpevole solo di aver urtato contro la sua lussuosa auto, fracassandogli la testa sul cofano del motore dell'auto dello sfortunato uomo e, non si fa problemi a "sacrificare" membri della sua banda, pur di mantenere il suo sconsiderato potere. Inoltre, grazie alla corruzione, può contare su moltissimi appoggi negli ambienti del potere amministrativo di Lost Heaven. La storia di Morello è quantomeno sconosciuta.

Di lui si sa solo che negli anni Venti progettò insieme a Salieri, che come lui era un braccio destro del capo assoluto di Cosa Nostra a Lost Heaven, Don Peppone, una congiura, nella quale morì proprio quest'ultimo. Morello e Salieri, allora, decisero di spartirsi il territorio dove aveva operato Peppone, ma successivi diverbi e insoddisfazioni condussero i due a fronteggiarsi in una feroce guerra di mafia. In seguito, però, Salieri ebbe la meglio, e Morello venne ucciso dagli scagnozzi dell'odiatissimo rivale (tra cui anche Tommy), facendo precipitare l'aereo con cui stava scappando il Don nella missione "Crème De la Crème", oppure facendolo cascare con la sua Silver Flecther e i suoi scagnozzi da un ponte in costruzione. La sua voce è doppiata da Gianni Gaude.

Frank Colletti[modifica | modifica sorgente]

Consigliere personale di Don Salieri e legato al padrino da una forte amicizia, dovuta al fatto che insieme hanno vissuto un'adolescenza dura per le strade, Frank Colletti (1877-1938) non si occupa di omicidi, rapine o estorsioni ma cura la parte economica e legale della famiglia. Ha lavorato anche nella famiglia criminale di Don Peppone, come soldato. Inizialmente è il più diffidente verso Tommy, ma presto si ricrede ed incomincia a fidarsi di lui, anche convinto dal boss. In seguito a delle divergenze su alcuni lavori svolti dalla famiglia è costretto a tradirla, inizialmente risparmiato da Tom che per salvarlo decide di non ucciderlo e inscenare una falsa morte. Parte con la sua famiglia in Europa dall'Aeroporto Internazionale di Lost Heaven. Viene ucciso dagli uomini di Salieri cinque anni dopo la sua fuga. La voce è doppiata da Giorgio Melazzi.

Sergio Morello Jr.[modifica | modifica sorgente]

Fratello minore e braccio destro di Morello, Sergio (1884-1935) apparirà nelle missioni "Buon Appetito" e "Fortunato Bastardo" dov'è il protagonista. Si tratta di un uomo con estrema fortuna, visto che ogni volta che Tommy tenta di ucciderlo sopravvive miracolosamente (la prima volta Paulie uccide un suo scagnozzo credendolo Sergio, la seconda volta Tom cerca di far saltare in aria la sua auto con una bomba ma l'amante entra prima uccidendo lei, la terza volta Paulie si presenta con un Thompson 1928 scarico). Dopo tutti i fallimenti il Don affidò l'incarico ad altri ragazzi. Volevano far investire Sergio Morello, i suoi scagnozzi e sua Lassiter V16 Fordor verde da un treno. Invece avvenne il contrario: i ragazzi saltarono in aria mentre Sergio scappò al porto. Morirà proprio all'interno del porto dopo uno scontro all'ultimo sangue con Tommy. La voce è doppiata da Luca Sandri.

Sarah Angelo[modifica | modifica sorgente]

Figlia di Luigi e moglie di Tom, Sarah Angelo (1905-1988) aiuta il padre nel ristorante e Tom e lei hanno una figlia. In "L'uomo che corre - Passeggero 3", c'è una donna che somiglia molto a Sarah, ma non è lei. La voce è doppiata da Emanuela Pacotto.

Detective Norman[modifica | modifica sorgente]

Il detective Norman (1890-1987) è l'investigatore a cui Tommy racconta la sua storia nella malavita. La voce è doppiata da Marco Baldi

Assessore[modifica | modifica sorgente]

Uomo politico (1880-1935), in combutta con Morello. Padre di Billy, capo di una banda di teppisti. Dopo che Paulie uccide il ragazzo, si allea con il Procuratore distrettuale per incastrare Don Salieri. Viene ucciso da Tommy sul piroscafo "Lost Heaven Queen" durante un suo discorso.

Procuratore Distrettuale[modifica | modifica sorgente]

Ricchissimo (1879-1935), fa rapire moglie e figlia di Frank e mette la polizia contro la Famiglia Salieri. Mette Frank contro Salieri, minacciando di uccidere Alice (figlia) e Marge (moglie). Dopo aver perso i libri contabili, dice di avere dei testimoni. Ma grazie a Tom, che riesce a rubare le prove all'interno della sua cassaforte e (a seconda delle scelte del giocatore) ad ucciderlo, la polizia si blocca.

Luigi[modifica | modifica sorgente]

Padre di Sarah e suocero di Tom; Luigi (1870-1950) ha un ristorante gestito dal Don. La voce è doppiata da Raffaele Fallica. Potrebbe non essere stato arrestato, dato che l'unica sua mansione era quella di occuparsi del bar.

Ralph[modifica | modifica sorgente]

Ralph (1900 - 1956) è il meccanico della famiglia. È un po' "scemo" come lo definisce Paulie, dato che balbetta sempre ed è un po' goffo e impacciato, però, con le auto, è un vero genio. Amico di Bobby e Luca Bertone, molto probabilmente è stato arrestato dato che si procurava illegalmente di automobili e modificava quelle portate da Tom, facendole diventare sue.

Luca Bertone[modifica | modifica sorgente]

Luca Bertone (1901 - 1968) è un meccanico italoamericano; essendo specializzato in macchine di lusso, spesso aiuta Tom a trovarle. È possibile ucciderlo nell'ultima missione, in tal caso, la sua data di morte risalirebbe al 1938.

Yellow Pete[modifica | modifica sorgente]

Venditore di armi, Yellow Pete (1867 - 1942) appare nelle ultime due missioni del gioco. Gestisce un'armeria a Hoboken, vicino al cinematografo "Twister". È possibile ucciderlo nelle ultime due missioni, in tal caso la sua data di morte risalirebbe al 1938. A quanto pare, ha conosciuto Salieri in gioventù.

Vincenzo[modifica | modifica sorgente]

Armaiolo del Don, Vincenzo (1878 - 1959) appare in tutti i livelli in cui Tommy lavora per Salieri. Ha un nipote, Marco, protagonista di Mafia 2 Mobile. Probabilmente è stato anche lui arrestato dato che procurava al Don delle armi.

Salvatore[modifica | modifica sorgente]

Scassinatore professionista, Salvatore (1900-1958/9) appare nel livello "Visita a gente ricca". Muore nel 1958/9, picchiato da alcuni poliziotti corrotti.

Big Biff[modifica | modifica sorgente]

Informatore della famiglia Salieri, Big Biff (1899 - 1967) appare nelle missioni "Meglio farci l'abitudine" e "Omertà". Viene citato anche in "Fortunato Bastardo". Bazzica spesso nella piazza di Chinatown.

Tonino[modifica | modifica sorgente]

Tonino o "Tony" (1900 - 1970) è un altro informatore della famiglia. Come si può sentire dal suo accento, è di origini siciliane.

Carlo[modifica | modifica sorgente]

Guardia del corpo di Don Salieri, Carlo (1895 - 1935) è passato in segreto alla famiglia Morello. Dopo un tentato omicidio da parte dei gangster di Morello, Tommy e Salieri raggiungono la sua casa e lo fanno fuori.

Armi[modifica | modifica sorgente]

Tirapugni

In Mafia le armi sono di svariato tipo[4]; si passa dal pugno di ferro al fucile di precisione. Nella modalità Storia le armi sono affidate in custodia da Vincenzo, l'armaiolo personale di Don Salieri, tranne nelle ultime missioni in cui devono essere acquistate nell'armeria Yellow Pete; nella modalità Fatti un giro vanno sempre comprate all'armeria, oppure sottratte ai gangster che uccideremo. Durante il gioco il protagonista può portare con sé otto armi più una in mano, avendo anche la possibilità di nasconderle, nei risvolti dei vestiti, agli occhi inquisitori delle forze dell'ordine.

Colt 1911

Le armi contrassegnate con (*) sono ottenibili solo tramite l'uso di trucchi.

  • Armi bianche: mani nude, mazza da baseball, spranga, barra d'acciaio, piede di porco, tirapugni, coltello, asse di legno, spada (*)
Carabina Springfield M1903

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

I brani scelti per la colonna sonora del gioco spaziano tra composizioni di Django Reinhardt e il Quintette du Hot Club de France, The Mills Brothers, Louis Armstrong, Louis Prima, Lonnie Johnson, Latcho Drom e una traccia di Louis Jordan. Il tema principale è stato composto da Vladimir Šimůnek, e eseguito dalla Czech Symphony Orchestra, diretta dal maestro Adam Klemens. Il brano sui titoli di coda e ringraziamenti è una reinterpretazione del brano Gravesend (Lake of Fire). L'ultima strofa dell'arrangiamento si struttura come il brano tematico del film Il Padrino.

Elenco dei brani[5][modifica | modifica sorgente]

Artista Autore Brano
Lordz of Brooklyn Curt Kirkwood Gravesend (Lake of Fire)
Le Quintette du Hot Club de France Andy Razaf & Fats Waller Honeysuckle Rose
Django Reinhardt & Stéphane Grappelli Minor Swing
Féline & A. Mathias Coucou
Django Reinhardt Rhythm Futur
Vendredi 13
Oiseaux des Iles
Belleville
Lentement, Mademoiselle
Douce ambiance
Manoir de mes rêves
Cavalerie
Claude Joseph Rouget de Lisle (Arr, Django Reinhardt) Echoes of France
Johnny Green, Carmen Lombardo & Gus Kahn Coquette
Lonnie Johnson I'm not Rough
Duke Ellington & Irving Mills The Mooche
The Mills Brothers Spo-De-Odee I'll Be Glad When You're Dead (You Rascal, You)
William Jerome & Jean Schwartz Chinatown, My Chinatown
Henry Ragas, Edwin B. Edwards, Nick La Rocca, Tony Sbarbaro & Larry Shields Tiger Rag
Al Dubin & Harry Warren Out For No Good
Harvey Brooks Moanin' For You
Duke Ellington, Juan Tizol & Irving Mills Caravan
Louis Prima Alex Hill & Irving Mills Long About Midnight
Hoagy Carmichael & Jo Trent Sing It 'Way Down Low
Dorothy Fields & Jerome Kern I'm Living In A Great Big Way
Mise ' ulicka
Dorothy Fields & Jerome Kern I'm Living In A Great Big Way
Latcho Drom[6] Latcho Drom La verdine
Louis Jordan and His Tympany Five Louis Armstrong You Run Your Mouth and I'll Run My Business, Brother

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ All Game Guide - Mafia per PC. URL consultato il 31-05-2009.
  2. ^ All Game Guide - Mafia per PS2. URL consultato il 31-05-2009.
  3. ^ All Game Guide - Mafia per Xbox. URL consultato il 09-06-2010.
  4. ^ Mafia Network - Le armi. URL consultato il 31-05-2009.
  5. ^ Mafia: The City of Lost Heaven (2002) (VG) - Soundtracks
  6. ^ Latcho Drom official site. URL consultato il 23-09-2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]