Let There Be More Light

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Let There Be More Light
Artista Pink Floyd
Tipo album Singolo
Pubblicazione 19 agosto 1968
Durata 5 min.:38 sec. (in A Saucerful of Secrets)
3 min.:00 sec. (singolo)
Genere Rock psichedelico
Space rock
Etichetta Tower Records
Produttore Norman Smith
Pink Floyd - cronologia
Singolo precedente
(1968)
Singolo successivo
(1968)

Let There Be More Light è un brano dei Pink Floyd, la prima traccia dal secondo LP, A Saucerful of Secrets. Venne rilasciata come quarto singolo negli Stati Uniti e suonata dal vivo tra il '68 ed il '69.

Dopo Take Up Thy Stethoscope and Walk (dal primo LP) è la seconda composizione interamente affidata a Roger Waters, che sostituisce quasi in tutto e per tutto, nella composizione, Syd Barrett, l'ex-leader della band.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Il brano inizia con una riff di basso di lunga durata, dopodiché entra in scena il canto, affidato a Richard Wright e a Roger Waters. Il ritornello, invece è cantato da David Gilmour. Gli ultimi due minuti presentano il primo assolo di Gilmour in un album dei Pink Floyd. Nel testo del brano è presente un esplicito riferimento alla canzone Lucy in the Sky with Diamonds dei Beatles.

Esecuzioni dal vivo[modifica | modifica sorgente]

I Pink Floyd hanno eseguito spesso la canzone dal vivo nei loro concerti, spesso come bis.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo