John Philip Sousa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

John Philip Sousa /ˈsuːzə/, /ˈsuːsə/[1] (Washington, 6 novembre 1854Reading, 6 marzo 1932) è stato un compositore e direttore di banda statunitense, del periodo tardo-romantico conosciuto soprattutto per le sue marce. A causa della sua rilevanza nell'ambito, è ricordato come "The March King" (il re della marcia). A lui si deve l'invenzione del sousafono, sorta di basso tuba, che porta per l'appunto il suo nome.

Ritratto di John Philip Sousa del 1900

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sousa nacque a Washington, D.C. da John Antonio de Sousa e Maria Elisabeth Trinkhaus. I suoi genitori erano discendenti da famiglie portoghesi, Spagnole e Bavaresi; i suoi nonni erano rifugiati portoghesi. Sousa iniziò la sua educazione musicale cominciando a studiare il violino allievo di John Esputa e G. F. Benkert per l'armonia e la composizione musicale all'età di 6 anni. Subito notarono che aveva un buon orecchio musicale. Quando Sousa arrivò all'età di 13 anni, suo padre, un trombonista nella banda della marina, reclutò suo figlio nella United States Marine Corps Band come apprendista.

Vi rimase come apprendista fino al 1875, e imparò a suonare quasi tutti gli strumenti a fiato mentre si destreggiava bene anche col violino. Il 30 dicembre 1879 sposò Jane van Middlesworth Bellis. Ebbero 3 bambini: John Philip Sousa, Junior (1º aprile 1881 - 18 maggio 1937), Jane Priscilla (7 agosto 1882 - 28 ottobre 1958), e Helen (21 gennaio 1887 - 14 ottobre 1975). Tutti e tre sono sepolti nella cappella di John Philip Sousa nel Cimitero del Congresso di Washington. Jane entrò nell'associazione Figlie della rivoluzione americana nel 1907.

Molti anni dopo Sousa lasciò la sua posizione di apprendista per entrare in un'orchestra teatrale, dove imparò a dirigere. Ritornò alla Banda del Corpo dei Marines come direttore nel 1880, e vi rimase fino al 1892.

Sousa organizzò una sua band l'anno in cui lasciò la Banda del Corpo dei Marines. La Sousa Band rimase attiva dal 1892 al 1931, eseguendo 15,623 concerti. Nel 1900 la sua band rappresentò gli Stati Uniti all'Esposizione Universale di Parigi, prima di fare un tour in Europa. A Parigi, la Sousa Band marciò per le strade fra cui anche le Champs-Élysées fino all'Arco del Trionfo - una delle solo otto parate della banda nei suo quaranta anni di attività.

Sousa rifiutò ripetutamente per molti anni di condurre un programma alla radio. Accettò solo nel 1929. Fu anche scrittore: fu autore di 3 racconti e dell'autobiografia "Marching Along". Da questa, Hollywood trasse nel 1952 un film biografico che prese il nome di Stars and Stripes Forever e che la distribuzione italiana ribattezzò Squilli di primavera. Diretto da Henry Koster, il film era interpretato da Clifton Webb.

Morì il 6 marzo 1932, nella sua stanza presso l'Hotel Abraham Lincoln di Reading, in Pennsylvania.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La marcia "The liberty Bell March" verrà usata come sigla iniziale per lo serie televisiva "Monty Python's Flying Circus".

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Marce[modifica | modifica wikitesto]

Aiuto
"Stars and Stripes Forever" (info file)
La marcia militare statunitense "Stars and Stripes Forever", composta e diretta da John Philip Sousa, in una registrazione, del 1909, di Thomas Alva Edison.

È famoso per aver composto ben 132 marce, le più famose delle quali sono:

Operette[modifica | modifica wikitesto]

Copertina di El Capitan, 1896

Scrisse purtuttavia anche altre composizioni, fra le quali vale la pena di menzionare le sue operette:

  • The Queen of Hearts (1885), conosciuta anche come Royalty and Roguery
  • The Smugglers (1882)
  • Désirée (1883)
  • El Capitan (1896) che al Broadway Theatre di New York raggiunge 112 recite e nel 1899 al Lyric Theatre di Londra raggiunge 140 recite
  • The Bride Elect (1897), libretto by Sousa.
  • The Charlatan (1898)
  • Chris and the Wonderful Lamp (1899)
  • The Free Lance (1905)
  • The American Maid (1909), conosciuta anche come The Glass Blowers

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Merriam-Webster's Online Dictionary

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 197714 LCCN: n79122078