Sousafono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sousafono
Informazioni generali
Classificazione Aerofoni a bocchino
Utilizzo
Musica medievale
Sousafono

Il sousafono, susafono (sousaphone in inglese) è uno strumento musicale grave della famiglia degli ottoni.

Un sousafono bianco fatto in materiali moderni

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un basso tuba a tre (o quattro) pistoni, dal canneggio medio-sottile con ampio padiglione e dalla tipica forma ad anello data dall'helicon. Generalmente è intonato in si bemolle, anche se ne esistono in fa e mi bemolle. Come i tuba, può essere scritto in note reali (chiave di basso) o come strumento traspositore (chiave di basso o di violino).

Rispetto alla tuba tradizionale, il sousaphone ha migliore trasportabilità ed usabilità in posizione eretta ed in marcia, visto che si avvolge intorno al musicista e poggia sulla spalla sinistra, lasciandogli più libertà di movimento.

Dagli anni '60 esistono strumenti realizzati in gran parte in vetroresina bianca che, pur offrendo un suono meno ricco, consente un notevole risparmio in peso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu sviluppato negli stabilimenti di J.W. Pepper negli anni novanta del XIX secolo, su richiesta del famoso compositore e maestro di banda statunitense John Philip Sousa, modificando l'helicon e il basso tuba.

La banda di Sousa, all'epoca, utilizzava gli helicon, bassi dal canneggio molto sottile con una piccola campana rivolta a 45° che producevano un suono sottile e "sparato" in maniera molto direzionale lontano dalla banda. Sousa voleva uno strumento ergonomico come l'helicon ma con un canneggio più ampio, una grande campana ed un suono caldo che avvolgesse tutta la banda, direzionato verso l'alto come nella tuba tradizionale.

La campana staccabile, orientabile e rivolta in avanti venne sviluppata solo intorno agli anni '20 del XX secolo: in precedenza lo strumento somigliava ad un ombrello rovesciato ("raincatcher").

Pro e contro[modifica | modifica wikitesto]

Sousafono o tuba? Ci sono pro e contro.

A favore del sousafono giocano questi elementi:

  • Il sousafono è più ergonomico della tuba, è ideale per la marcia e per suonare in piedi.
  • La tuba richiede sempre e comunque un'imbragatura per essere trasportata in marcia.
  • Nelle bande vi è ampia disponibilità di strumenti, anche se spesso in cattivo stato di conservazione.
  • L'ampia campana è un elemento coreografico irrinunciabile e di sicuro effetto.

D'altra parte:

  • Il sousafono ha solo tre cilindri, quindi presenta maggiori problemi di intonazione ed una minore estensione.
  • Il canneggio più sottile offre un suono più chiaro e direttamente percepibile, meno efficace musicalmente.
  • La campana orientata in avanti offre direzionalità al suono (anche se minore dell'helicon) ed un effetto meno diffuso di sostegno.
  • Anche suonando da seduti, il peso del suosafono grava sul musicista, a meno di usare ingombranti supporti. La tuba appoggia su un "piede" verticale o direttamente sulla sedia tra le gambe del musicista.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Il sousaphone trova oggi il suo utilizzo quasi esclusivamente nelle marching band e nei gruppi tradizionali di musica dixieland e New Orleans. Le bande preferiscono in grande maggioranza il suono più caldo e meno direzionato del basso tuba.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Lo strumento ha un irrinunciabile fascino coreografico, al punto che alcune bande hanno due o più muscolosi membri che "portano a spasso" i sousaphone pur non sapendoli suonare.

La grande campana (65 cm di diametro circa) è un ottimo veicolo pubblicitario per il nome del produttore dello strumento, degli sponsor o della banda stessa. Talvolta viene avvolta da un sottile telo decorato (chiamato "sock", calzino), sia per non rovinare la campana stessa incollandoci lettere o scritte, sia per evitare che oggetti lanciati dal pubblico (attratto da questo facile e vistoso bersaglio) penetrino nello strumento.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica