George Washington Carver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Washington Carver

George Washington Carver (gennaio 18645 gennaio 1943) è stato un ricercatore botanico statunitense ed educatore nel campo dell'agronomia; a tale titolo lavorò nel Dipartimento di Agricoltura dell'Istituto Tuskegee[1] a Tuskegee in Alabama insegnando sul campo ad ex-schiavi le tecniche di agricoltura per l'autosufficienza.

Nato da una famiglia di schiavi del Missouri, venne adottato dal suo ex-padrone Moses Carver (l'abolizione della schiavitù negli USA avvenne nel 1865), che lo fece studiare.

È curiosa l'origine del suo secondo nome, Washington: essendo noto a tutti come "George dei Carver", come avveniva spesso con gli schiavi, assunse poi il nome George Carver; ma, esistendo un'altra persona con lo stesso nome e cognome nei pressi, spesso la posta che gli era indirizzata (soprattutto appunti di studio che riceveva in abbonamento) andava all'altro; per evitare ciò aggiunse una "W" al proprio nome (quindi "George W. Carver") e quando gli fu chiesto che cosa significasse la W, lui rispose: "Beh! Washington, perché no?" E tale nome rimase.

La sua maggiore attività fu quella della organizzazione di una scuola agricola "con cattedra ambulante": lui stesso, o gli insegnanti da lui formati, si spostavano nelle fattorie principali con un carretto, trainato da un cavallo, che conteneva tutte le attrezzature per le dimostrazioni e per l'insegnamento; dalle fattorie circostanti confluivano i contadini, soprattutto neri come lui, ma anche bianchi, e nell'aia, all'aperto, o sotto un portico, venivano mostrate e messe in pratica le novità da adottare e gli errori comuni da evitare, spiegandone con parole semplici ma efficaci il motivo[2].

La sua maggiore premura fu quella di introdurre presso i contadini, spesso privi di ogni base culturale, il concetto di necessità del rigore quantitativo e giustificativo delle azioni; ogni azione di impresa lavorativa doveva essere praticata nella misura precisa e per un motivo preciso e verificato nella sua validità per essere efficace, evitando quindi eccessi e carenze, o azioni approssimate e dispersive. La dimostrazione pratica della validità delle sue teorie gli guadagnò una enorme popolarità e soprattutto credibilità[1].

La sua affermata credibilità gli permise di fare pubblicamente obiettive ma brucianti analisi del conflitto razziale così forte allora in Alabama, basate solamente sul rigore giustificativo: "Se un uomo vuole tenerne un altro in un fosso, e vuol essere sicuro che ci stia, finisce che deve stare anche lui nel fosso come l'altro; che vantaggio ne ha?"

La sua azione, come è comprensibile, non fu esente da problemi, che egli puntigliosamente affrontò e risolse. A puro esempio: la promozione che fece della coltivazione della arachide, (facile da coltivare in Alabama, e preziosa miglioratrice biologica del suolo), incrementò enormemente il prodotto nella regione, salvo produrre rapidamente una grave saturazione del mercato; per risolvere tale questione studiò a fondo ogni possibile utilizzo di ogni parte della pianta e dei suoi derivati[3]; tale studio aprì notevolissimi sviluppi non solo alimentari per quella pianta, ma anche tecnologici ed industriali, proponendo a ragion veduta un valido filone produttivo, che permane tale ancor oggi, per la produzione di oli, solventi, resine, diluenti, isolanti, mangimi e concimi.

Per commemorare la sua vita e le sue affermazioni rivoluzionarie in campo agricolo viene celebrato il "George Washington Carver Recognition Day", cioè il giorno di riconoscimento a George Carver il 5 gennaio, giorno in cui morì. Gli è stato dedicato un cratere sulla Luna, il cratere Carver.

A lui è dedicato l'episodio 13 della seconda serie del cartone American Dad!. Venne anche nominato ne La famiglia Proud - Il film dove uno dei personaggi (il dottor Carver) è un suo discendente.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b George Washington Carver - Erba TiSana
  2. ^ Quando La Scienza È Al Servizio Dell’Uomo
  3. ^ Inventor George Washington Carver Biography

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79397254 LCCN: n50034776