Gustavo IV Adolfo di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gustavo IV Adolfo di Svezia
Ritratto di Gustavo IV Adolfo di Svezia
Ritratto di Gustavo IV Adolfo di Svezia
Re di Svezia
Stemma
In carica 1792-1809
Incoronazione 3 aprile 1800
Predecessore Gustavo III di Svezia
Successore Carlo XIII di Svezia
Nome completo Gustav Adolf av Holstein-Gottorp
Nascita Stoccolma, 1 novembre 1778
Morte San Gallo, 7 febbraio 1837
Luogo di sepoltura Chiesa di Riddarholmen, Stoccolma
Dinastia Holstein-Gottorp
Padre Gustavo III di Svezia
Madre Sofia Maddalena di Danimarca
Consorte Federica di Baden
Figli Gustavo
Sofia
Cecilia

Gustavo IV Adolfo di Svezia (Stoccolma, 1º novembre 1778San Gallo, 7 febbraio 1837) fu re di Svezia dal 1792 sino alla propria abdicazione nel 1809.

Era figlio di Gustavo III di Svezia e della regina consorte Sofia Maddalena di Danimarca, figlia maggiore del Re Federico V di Danimarca e della sua prima moglie, Luisa di Hannover. Fu l'ultimo monarca svedese a regnare anche sulla Finlandia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gustavo Adolfo nacque a Stoccolma. Si mormorò che egli fosse il figlio del Nobile, poi Barone e più tardi conte Adolfo Fedrico Munck af Fulkila, anche se questo sospetto non venne mai confermato. Egli crebbe sotto la tutela del padre e del liberale Nils von Rosenstein.

Gustavo IV Adolfo e Federica di Baden

All'assassinio di Gustavo III nel marzo 1792, Gustavo Adolfo gli succedette al trono all'età di 14 anni, sotto la reggenza dello zio, Carlo, Duca di Södermanland. Nell'agosto 1796, il giovane re ed il reggente si recarono a San Pietroburgo per organizzare il matrimonio con la nipote di Caterina II di Russia, la granduchessa Alexandra Pavlovna. Il matrimonio non si concluse per l'ostinata opposizione di Gustavo Adolfo; uno smacco che certamente accelerò la morte di Caterina II, già sofferente di cuore da tempo.

Gustavo Adolfo sposò il 31 ottobre del 1797, a Stoccolma, Federica di Baden (1781-1826), nipote di Carlo Federico, Margravio di Baden. Questo matrimonio fu generalmente considerato abbastanza felice, almeno per i primi anni, in quanto Gustavo si dimostrò molto interessato alla vita matrimoniale.

Il rapporto tra i coniugi si deteriorò durante l'esilio, ed essi si separano nel 1812.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Il suo matrimonio con Federica di Baden sembrò presagire ad un'imminente guerra con la Russia, dopo il rifiuto dell'anno precedente, ma fortunatamente lo stesso Gustavo Adolfo trovò un accordo con Paolo I, che condizionò anche la futura alleanza tra Svezia e Russia nell'ambito delle guerre napoleoniche. Il re oppose una strenua guerra al giacobinismo che andava diffondendosi in Europa dalla Rivoluzione Francese, al punto che divenne un fervido reazionario. Comunque, la situazione disastrosa delle finanze dello stato svedese, ereditata in gran parte dalla guerra contro la Russia intrapresa da Gustavo III negli anni 1788-92, oltre ad alcune carestie di grano che colpirono la Svezia nel 1798 e nel 1799, lo costrinsero a convocare gli stati generali a Norrköping nel marzo del 1800 ed il 3 aprile dello stesso anno. Quando il re riscontrò una seria opposizione del parlamento, decise di non convocare più gli stati generali.

Il Colpo di Stato[modifica | modifica sorgente]

Regno di Svezia
Holstein-Gottorp
Blason Adolphe Frédéric de Suède.svg

Adolfo Federico
Gustavo III
Gustavo IV Adolfo
Carlo XIII
Modifica

Nel 1805, Gustavo Adolfo partecipò alla Terza Coalizione contro Napoleone. La sua personale campagna di opposizione alla Francia non portò a grandi risultati e, anzi, favorì l'invasione della Pomerania svedese da parte dell'esercito napoleonico. Quando la sua alleata, la Russia, firmò un armistizio e concluse una pace con la Francia a Tilsit nel 1807, la Svezia rimase la sola alleata in Europa della Gran Bretagna assieme al Portogallo. Nell'inverno del 1808, la Russia invase la Finlandia svedese col pretesto di voler comprendere la Svezia nel Sistema Continentale promosso da Napoleone. La Danimarca, a sua volta, dichiarò guerra alla Svezia. Agli inizi del 1809 i russi avevano occupato completamente la Finlandia che Alessandro I di Russia aveva elevato a Granducato ed aveva posto sotto la propria sovranità. Questa perdita rappresentava la perdita di un terzo delle risorse della Svezia ed un quarto della sua popolazione. L'inettitudine e l'incapacità di gestione delle faccende diplomatiche di Gustavo Adolfo portarono alla sua deposizione grazie ad un complotto di ufficiali dell'esercito. Il 13 marzo 1809 sette dei cospiratori fecero irruzione negli appartamenti reali, arrestarono il re e lo imprigionarono nel castello di Gripsholm; il Duca Carlo venne persuaso ad accettare temporaneamente la leadership di un governo provvisorio, che venne proclamato quel giorno stesso; venne proclamata anche una dieta, solennemente approvata dalla rivoluzione.

L'Abdicazione[modifica | modifica sorgente]

Il 29 marzo, Gustavo IV Adolfo, al fine di preservare la corona per il figlio, abdicò volontariamente; ma il 19 maggio gli stati generali, pressati dall'esercito svedese, dichiararono che non solo Gustavo, ma tutta la sua famiglia dovesse essere esclusa dal trono di Svezia. Il 5 giugno il Duca Reggente (lo zio di Gustavo) venne proclamato re con il nome di Carlo XIII, dopo aver sottoscritto una nuova costituzione liberale (1809), che venne rattificata dall'assemblea parlamentare lo stesso giorno. Nel dicembre dello stesso anno Gustavo e la sua famiglia vennero esiliati in Germania. Durante il periodo dell'esilio Gustavo utilizzò diversi titoli nobiliari come Conte di Gottorp, Duca di Holstein-Eutin e, quando si stabilì nel cantone di San Gallo in Svizzera dove visse gli ultimi anni della sua vita in un piccolo ostello ed in grande indigenza, portò il nome di colonnello Gustafsson. Qui morì d'infarto il 7 febbraio 1837. Per ordine del Re Oscar II di Svezia il suo corpo venne riportato in Svezia e sepolto nella chiesa di Riddarholmskyrkan.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Gustavo Adolfo e Federica ebbero cinque figli:

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Gustavo IV Adolfo di Svezia Padre:
Gustavo III di Svezia
Nonno paterno:
Adolfo Federico di Svezia
Bisnonno paterno:
Cristiano Augusto di Holstein-Gottorp
Trisnonno paterno:
Cristiano Alberto di Holstein-Gottorp
Trisnonna paterna:
Federica Amelia di Danimarca
Bisnonna paterna:
Albertina Federica di Baden-Durlach
Trisnonno paterno:
Federico VII di Baden-Durlach
Trisnonna paterna:
Augusta Maria di Holstein-Gottorp
Nonna paterna:
Luisa Ulrica di Prussia
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo I di Prussia
Trisnonno paterno:
Federico I di Prussia
Trisnonna paterna:
Sofia Carlotta di Hannover
Bisnonna paterna:
Sofia Dorotea di Hannover
Trisnonno paterno:
Giorgio I d'Inghilterra
Trisnonna paterna:
Sofia Dorotea di Celle
Madre:
Sofia Maddalena di Danimarca
Nonno materno:
Federico V di Danimarca
Bisnonno materno:
Cristiano VI di Danimarca
Trisnonno materno:
Federico IV di Danimarca
Trisnonna materna:
Luisa di Meclemburgo-Güstrow
Bisnonna materna:
Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach
Trisnonno materno:
Cristiano Enrico di Brandeburgo-Kulmbach
Trisnonna materna:
Sofia Cristiana di Wolfstein
Nonna materna:
Luisa di Hannover
Bisnonno materno:
Giorgio II di Gran Bretagna
Trisnonno materno:
Giorgio I d'Inghilterra
Trisnonna materna:
Sofia Dorotea di Celle
Bisnonna materna:
Carolina di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonno materno:
Giovanni Federico di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonna materna:
Eleonora Erdmuthe di Sassonia-Eisenach

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dei Serafini
Gran Maestro dell'Ordine della Stella Polare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Stella Polare
Gran Maestro dell'Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Spada
Gran Maestro dell'Ordine di Vasa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Vasa

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Svezia Successore Flag of Sweden.svg
Gustavo III 1792-1809 Carlo XIII
Predecessore Granduca di Finlandia Successore Grand Duchy of Finland Arms.svg
Gustavo III 1792-1809 Alessandro I di Russia
Territorio ceduto alla Russia

Controllo di autorità VIAF: 96515208