Sofia Maddalena di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sofia Maddalena di Danimarca
Sofia Maddalena di Danimarca
Regina Consorte di Svezia
In carica 12 febbraio 1771- 29 marzo 1792
Predecessore Luisa Ulrica di Prussia
Successore Federica di Baden
Nome completo Sophie Magdalene af Danmark
Nascita Copenaghen, 3 luglio 1746
Morte Stoccolma, 21 agosto 1813
Dinastia Casato degli Oldenburg
Padre Federico V di Danimarca
Madre Luisa di Gran Bretagna
Consorte Gustavo III di Svezia
Figli Gustavo IV Adolfo di Svezia

Sofia Maddalena di Danimarca (Copenaghen, 3 luglio 1746Stoccolma, 21 agosto 1813) fu Regina consorte di Svezia a fianco del marito Gustavo III di Svezia (1746-1792).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sofia Maddalena fu figlia del re Federico V di Danimarca e Norvegia (1723-1766) e della regina Luisa di Hannover (1724-1751).
I suoi nonni paterni furono Cristiano VI di Danimarca (1699-1746) e Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach, quelli materni Giorgio II di Gran Bretagna (1683-1760) e Carolina di Brandeburgo-Ansbach (1683-1737).

All'età di cinque anni venne fidanzata con il principe ereditario di Svezia Gustavo, per siglare un patto di amicizia tra Svezia e Danimarca. Conseguentemente, ricevette un'educazione volta a renderla una perfetta regina svedese. Il fidanzamento fu il risultato dei negoziati del Partito dei Cappelli[1], dominante a quei tempi nel Parlamento svedese. I sovrani di Svezia, Adolfo Federico (1710-1771) e Luisa Ulrica (1720-1782), genitori del Principe, si opposero al matrimonio a causa dell'ostilità che la famiglia di Adolfo Federico aveva con la famiglia degli Oldenburg regnante in Danimarca. Inoltre Luisa Ulrica aveva intenzione di far sposare Gustavo con la propria nipote Filippina, figlia della sua sorella preferita, Sofia. Ma la debolezza della monarchia svedese rese impossibile l'annullamento del fidanzamento.

Il matrimonio si celebrò al palazzo di Christiansborg, nella città di Copenaghen, il 1º ottobre del 1766 e, in seguito, anche a Stoccolma il 4 novembre dello stesso anno.

Gustavo salì al trono nel 1771 e Sofia Maddalena fu incoronata regina il 29 maggio del 1772.

Dal loro matrimonio nacquero due figli:

I contemporanei ci dicono che questo matrimonio non fu felice, in parte per incompatibilità di carattere dei due sposi e, in parte, a causa delle intromissioni della regina Luisa Ulrica. Mentre Gustavo conduceva un'intensa vita politica, Sofia Maddalena, che era di carattere timido, ritroso e serio, coltivava interessi per la cultura, l'arte e la letteratura, e non si abituò mai alla vita della corte svedese. Le relazioni tra i due coniugi rimasero fredde e distanti.

Ci fu anche uno scandalo, forse alimentato dalla regina madre Luisa Ulrica, secondo il quale i figli di Sofia Maddalena non erano figli del Re, ma del conte Adolf Fredrik Munck af Fulkila, amico della coppia reale.

Dopo la morte del secondo figlio Carlo Gustavo nel 1783 il matrimonio fallì definitivamente. Dopo l'assassinio del marito nel 1792 Sofia Maddalena si ritirò ad una vita tranquilla, partecipando solo ad alcune attività politiche di minore importanza. Fu testimone all'abdicazione del figlio Gustavo Adolfo nel 1809, poi durante il regno del cognato Carlo XIII visse ritirata nel palazzo di Ulriksdal dove morì il 28 agosto del 1813.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Sofia Maddalena di Danimarca Padre:
Federico V di Danimarca
Nonno paterno:
Cristiano VI di Danimarca
Bisnonno paterno:
Federico IV di Danimarca
Trisnonno paterno:
Cristiano V di Danimarca
Trisnonna paterna:
Carlotta Amalia d'Assia-Kassel
Bisnonna paterna:
Luisa di Meclemburgo-Güstrow
Trisnonno paterno:
Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow
Trisnonna paterna:
Maddalena Sibilla di Holstein-Gottorp
Nonna paterna:
Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach
Bisnonno paterno:
Cristiano Enrico di Brandeburgo-Kulmbach
Trisnonno paterno:
Giorgio Alberto di Brandeburgo-Kulmbach
Trisnonna paterna:
Maria Elisabetta di Holstein-Glücksburg
Bisnonna paterna:
Sofia Cristiana di Wolfstein
Trisnonno paterno:
Alberto Federico di Wolfstein
Trisnonna paterna:
Luisa di Castell-Remlingen
Madre:
Luisa di Hannover
Nonno materno:
Giorgio II d'Inghilterra
Bisnonno materno:
Giorgio I d'Inghilterra
Trisnonno materno:
Ernesto Augusto di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Sofia del Palatinato
Bisnonna materna:
Sofia Dorotea di Celle
Trisnonno materno:
Giorgio Guglielmo di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Éléonore d'Esmier d'Olbreuse
Nonna materna:
Carolina di Brandeburgo-Ansbach
Bisnonno materno:
Giovanni Federico di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonno materno:
Alberto II di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonna materna:
Margherita Sofia di Oettingen-Oettingen
Bisnonna materna:
Eleonora Erdmuthe di Sassonia-Eisenach
Trisnonno materno:
Giovanni Giorgio I di Sassonia-Eisenach
Trisnonna materna:
Giovannetta di Sayn-Wittgenstein

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il partito detto dei Cappelli (in svedese hattpartiet o hattarna) fu un partito politico svedese del secolo XVIII, che detenne il potere nel Paese durante un lungo periodo di tempo, che venne in seguito chiamato Età della libertà. Il nome con cui il partito era comunemente conosciuto, faceva riferimento al tricorno utilizzato dai militari che, come metafora, alludeva ai sentimenti bellicosi che tenne il partito ai suoi inizi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina Consorte di Svezia Successore
Luisa Ulrica di Prussia 1771 - 1792 Federica di Baden