Danimarca-Norvegia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Danimarca-Norvegia
Danimarca-Norvegia – Bandiera Danimarca-Norvegia - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Dati amministrativi
Nome completo Danimarca-Norvegia
Nome ufficiale Danmark–Norge

Dänemark–Norwegen

Lingue ufficiali danese, tedesco
Lingue parlate islandese, norvegese, frisone, faroese, groenlandese
Capitale Copenaghen
Politica
Forma di governo
Re Re di Danimarca
Nascita con Federico I
Fine
Territorio e popolazione
Territorio originale Danimarca
Economia
Valuta Rigsdaler danese, Rigsdaler norvegese
Religione e società
Religione di Stato Luteranesimo
Danimarca-Norvegia - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Unione di Kalmar
Succeduto da Danimarca
Norvegia

La Danimarca–Norvegia fu uno Stato dell'Europa del nord, esistito dal 1536 al 1814 ed univa i regni di Danimarca e Norvegia. Comprendeva anche le colonie norvegesi dell'Islanda, Groenlandia e Isole Fær Øer. A seguito della rottura dell'unione di Kalmar che raggruppava i regni di Norvegia, Danimarca e Svezia, i primi due si unirono di nuovo nel 1536. Quest'unione durò fino al 1814, anno in cui la Francia di Napoleone fu sconfitta e si tenne il congresso di Vienna che obbligò la Danimarca-Norvegia, sconfitta, a cedere la Norvegia alla Svezia. Al momento della separazione della Norvegia dalla Danimarca nel 1814, tutti i possedimenti ex-norvegesi, tra cui Groenlandia, Islanda, Isole Fær Øer e Indie Occidentali danesi rimasero alla Danimarca.

La Danimarca-Norvegia era formata dai seguenti territori: