Stemma della Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo stemma nazionale danese.

Lo stemma nazionale della Danimarca è l'attuale emblema ufficiale di stato del Regno di Danimarca.

Blasonatura dello stemma nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma nazionale è costituito da un campo d'oro seminato di nove cuori rossi e caricato di tre leoni passanti d'azzurro, coronati, rostrati d'oro e linguati di rosso, il tutto sormontato dalla corona regale. La più antica descrizione di questo stemma risale al re Canuto VI di Danimarca nel 1194.ma canuto VI mori e cambiarono lo stemma aggiungendo i diamanti alla corona che prima era semplice e senza pietre decorative.

Blasonatura dello stemma reale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma reale danese.

Lo stemma reale è più complesso. Lo scudo è inquartato da una croce d'argento lampassata di rosso, derivante dalla bandiera della Danimarca. Il primo e il quarto quarto rappresentano la Danimarca e sono costituiti da un campo d'oro seminato di nove cuori rossi e caricato di tre leoni passanti d'azzurro, coronati, rostrati d'oro e linguati di rosso; il secondo quarto rappresenta Schleswig (un'antica provincia danese ora divisa fra Danimarca e Germania) ed è costituito da un campo d'oro caricato di due leoni passanti d'azzurro, coronati e rostrati d'oro, linguati di rosso; il terzo quarto, infine, è interzato in un campo d'azzurro timbrato di tre corone d'oro nel capo (che rappresentano l'antica Unione di Kalmar), oltre a riportare le figure di un ariete e di un orso polare al naturale negli altri quarti dello scudo.

Il simbolo delle corone si presenta identico allo stemma della Svezia. L'ariete rappresenta le Isole Fær Øer e l'orso polare rappresenta la Groenlandia. L'attuale versione dello stemma, istituita dal regio decreto del 5 luglio 1972[1], è notevolmente semplificata rispetto alla versione precedente, che conteneva altri sette simboli: cinque territori precedentemente sotto la giurisdizione dei re danesi nel medioevo (Holstein, Stormarn, Dithmarschen, Lauenburg e Delmenhorst) e due titoli nobiliari (re dei Goti e re dei Venedi).

Una corona d'argento timbrata su campo rosso era stata precedentemente inserita a rappresentare l'Islanda, ma, a causa dell'opposizione islandese, questo simbolo è stato sostituito nel 1903 da un falco d'argento al campo d'azzurro. Il falco è stato a sua volta rimosso dallo stemma reale nel 1948 dopo la fine dell'unione danese-islandese nel 1944.

Al centro dello scudo due barre rosse su campo d'oro rappresentano gli Oldenburg, l'antica dinastia che unì la Danimarca nel XV secolo. Quando questa dinastia si estinse, nel 1863, la corona passò al Principe Cristiano del ramo cadetto dei Glücksburg, i cui discendenti regnano tuttora sulla Danimarca. Il Casato di Glücksburg continua a utilizzare lo stemma degli Oldenburg.

Lo scudo, ornato dai collari dell'Ordine del Dannebrog e dell'Ordine dell'Elefante, è sostenuto da due giganti, avvolto nel manto di ermellino ed è sormontato dalla corona regale.

Lo stemma reale è riservato esclusivamente al sovrano, alla famiglia reale, alla guardia reale e alla corte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito della Casa Reale danese

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]