Carta marina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Carta Marina

La Carta marina, nome completo Carta Marina et descriptio septemtrionalium terrarum ac mirabilium rerum in eis contentarum, diligentissime elaborata anno 1539 Veneciis liberalitate Reverendissimi Domini Ieronimi Quirini, è una mappa geografica marina creata nel XVI secolo dall'ecclesiastico svedese Olao Magno.

È la prima mappa geografica a noi nota che descrive i Paesi nordici, indicando dettagli e nomi dei luoghi. Prima di questa mappa la Scandinavia era nota solo attraverso le carte geografiche di Jacob Ziegler e Claudius Clavus.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La mappa fu pubblicata a Venezia nel 1539 dall'ecclesiastico svedese Olao Magno, fratello dell'arcivescovo di Uppsala Giovanni Magno. Olao Magno era stato inviato a Roma dal re Gustavo I di Svezia per dirimere la questione sulla titolarità della nomina a arcivescovo di Uppsala, contesa tra la casa reale svedese e il papato.

La mappa è scritta in latino, con note tradotte in italiano e tedesco dallo stesso Olao Magno. La seconda edizione apparve nel 1555 insieme alla Historia de gentibus septentrionalibus, la ponderosa opera su usi e costumi dei popoli scandinavi, sempre dello stesso autore.

Carolina Rediviva, l'edificio principale della Biblioteca Universitaria di Uppsala

La mappa è formata dall'unione di nove xilografie in formato 55 x 40 cm in modo da dare luogo a un grande foglio di dimensioni 170 x 125 cm.

Fu stampata per circa 12 anni, e nel 1572 Antoine Lafréry ne pubblicò una versione fedele a Roma.[1] Dopo il 1574 si persero le tracce delle poche copie di quest'opera, tanto che in seguito fu anche messa in dubbio la sua effettiva esistenza.

Nel 1886 Oscar Brennen ne trovò una copia originale presso la Hof- und Staatsbibliothek[2] di Monaco di Baviera.

Nel 1961 una seconda copia fu trovata in Svizzera. L'anno seguente fu acquistata dall'Uppsala University Library e dal 2007 è conservata nell'edificio principale dell'Università noto come Carolina Rediviva. Queste sono le due uniche versioni originali attualmente esistenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carta Marina, Lafreris edition 1572. World Digital Library - edizione romana del 1572 di Antoine Lafréry (1512 - 1577) digitalizzata dalla Kungliga biblioteket, Stoccolma.
  2. ^ Cipher Project

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]