Saaremaa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saaremaa
Saare - Osel - Osilia
Geografia fisica
Localizzazione mar Baltico; Golfo di Riga
Coordinate 58°25′00″N 22°30′00″E / 58.416667°N 22.5°E58.416667; 22.5Coordinate: 58°25′00″N 22°30′00″E / 58.416667°N 22.5°E58.416667; 22.5
Arcipelago Estone
Superficie 2.673 km²
Geografia politica
Stato Estonia Estonia
Contea Saaremaa Saaremaa
Centro principale Kuressaare coatofarms.png Kuressaare (14.706 - 31 dicembre 2010)
Demografia
Abitanti 39.231 (2008)
Densità 14,96 ab./km²
Gruppi etnici Estoni
Sito web http://www.saaremaa.ee/
Cartografia
Estonian archipelago (Saaremaa and Hiiumaa).jpg
Mappa di localizzazione: Estonia
Saaremaa

fonte: Lonely Guide of Estonia

voci di isole dell'Estonia presenti su Wikipedia
Suddivisione dell' isola

Saaremaa (in svedese e in tedesco Ösel o Oesel, in latino Osilia) è la più grande isola dell'Estonia (2673 km²) nonché la terza isola più grande del mar Baltico dopo Selandia e Gotland.

Situata a ovest della terraferma estone delimita a settentrione il Golfo di Riga e fa parte dell'arcipelago estone insieme all'isola di Hiiumaa.

Il capoluogo di Saaremaa è Kuressaare che ha circa 16.000 abitanti, l'isola nel suo complesso ne ha invece circa 40.000.

Secondo alcuni metodi di calcolo, non universalmente accettati, l'isola di Saaremaa corrisponderebbe al centro geografico dell'Europa.

Saaremaa è l'isola principale della Contea di Saaremaa o Saare maakond.

L'isola vanta alcune località turistiche e termali, uno splendido castello medioevale, chiese e fortezze dei Cavalieri Teutonici immerse in un ambiente tranquillo ideale per compiere escursioni, cavalcare o gironzolare semplicemente per la campagna, con i suoi boschi di pini e gineprai.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

I ritrovamenti archeologici fanno risalire i primi insediamenti sul territorio di Saaremaa ad almeno 5000 anni. Nelle antiche saghe nordiche Saaremaa è chiamata Eysysla che significa "distretto dell'isola", lo stesso significato dell'attuale parola Saaremaa in estone.

Dall'antico nome derivano anche in nomi in svedese e tedesco, Ösel e il nome latino Osilia.

Talvolta il nome appare accompagnato dal termine Adalsysla, 'la grande terra', forse equivalente all'estone 'Suuremaa' o 'Suur Maa' che sono le definizioni per descrivere la terraferma.

Le saghe narrano di frequenti schermaglie tra gli isolani e i vichinghi. Saaremaa era la parte più ricca dell'antica Estonia e sede di pirati talvolta chiamati vichinghi orientali.

La cronache di Enrico di Livonia descrivono una flotta di 16 navi e 500 "osiliani" che saccheggiano la Svezia meridionale, all'epoca parte della Danimarca.

Nel 1227, nel corso delle Crociate del Nord Saaremaa fu conquistata dai Cavalieri Portaspada ma rimase una roccaforte della resistenza estone.

Quando l'ordine fu sconfitto dall'esercito lituano nel 1236 gli abitanti di Saaremaa si ribellarono e il conflitto terminò con un trattato fra gli isolani e il gran maestro dell'ordine che prevedeva che parte dell'isola fosse governata dall'ordine e la parte rimanente fosse governata dal vescovato di Ösel-Wiek.

Il 15 aprile del 1560, il vescovato e Saaremaa furono venduti dall'ultimo vescovo-principe alla Danimarca.

Nel 1645 la Danimarca cedette l'isola alla Svezia (Trattato di Brömsebro).

Nel 1721 l'isola passò, insieme al resto dell'Estonia svedese alla Russia imperiale (Trattato di Nystad) e divenne parte dell'Governatorato russo dell'Estonia.

Nel XX secolo l'isola fu occupata due volte dalle truppe tedesche, nella prima guerra mondiale fu conquistata (Operazione Albione) nell'ottobre 1917 e rimase occupata fino alla fine del conflitto.

Saaremaa insieme all'Estonia divenne indipendente dopo la Rivoluzione d'ottobre e il crollo dell'Impero russo.

Il nuovo stato fu aggredito, occupato e annesso nell'Unione Sovietica nel giugno del 1940 in seguito al patto Molotov-Ribbentrop. I tedeschi occuparono nuovamente l'isola nel 1941 (Operazione Beowulf) e vi rimasero fino all'espulsione da parte dell'Armata rossa nel novembre 1944.

Saaremaa insieme all'Estonia riottenne l'indipendenza e la libertà il 20 agosto, 1991 con il crollo dell'Unione Sovietica.

Le è stato dedicato un asteroide, 4163 Saaremaa.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Saaremaa è raggiungibile tramite il traghetto che collega Virtsu, sulla terraferma, con l'isola di Muhu a sua volta collegata con Saaremaa tramite un terrapieno.
Dall'isola di Hiiumaa vi è un traghetto che collega Sõru a Saaremaa. Vi è anche un collegamento con la piccola isola di Ruhnu, con traghetti estivi e voli settimanali da Kuressaare

Servizi di autobus di linea collegano Tallinn, Pärnu e Tartu.

Voli locali collegano Kuressaare a Tallinn, e ci sono voli stagionali per Pärnu e Stoccolma.

È in progetto la costruzione di un ponte o di un tunnel che metta in collegamento Saaremaa con la terraferma.

Persone legate a Saaremaa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ fonte Lonely Guide

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]