Estonia svedese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Estonia svedese
Naval Ensign of Sweden.svg
Bandiera navale della Svezia
Estonia-small-coa.png
Stemma
Dati
Capitale Reval (Tallinn)
Lingua ufficiale Tedesco, estone, svedese
Forma di governo Principato
Potere legislativo Riksdag degli Stati
Religione Luterana
Esistenza 6 giugno 1561—10 settembre 1721


Estonia, parte dell'Impero Svedese (1561–1721)
L'Estonia svedese con gli altri possedimenti svedesi negli stati baltici

L'Estonia fu un possedimento dell'Impero svedese dal 1561 al 1719, quando fu ceduta all'Impero russo con il Trattato di Nystad, alla fine della Grande guerra del Nord. Il possedimento nacque quando la parte settentrionale dell'attuale Estonia fu unita al dominio svedese nel 1561. La città di Tallinn e le contee di Harjumaa, Lääne-Virumaa, Raplamaa e Järvamaa si arresero nel 1561, e quella di Läänemaa fu conquistata nel 1581.

Governatori Generali[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]