Impero coloniale danese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Impero coloniale danese al suo apogeo, intorno al 1800, che raggiungeva una superficie di circa due milioni e seicentomila chilometri quadrati. Va considerato che la maggior parte del territorio della Groenlandia è perennemente ricoperto da ghiacciai.

Per Impero coloniale danese si intende l'Impero che la Danimarca costituì tra il Trecento e l'Ottocento, con possedimenti in Nord America (Groenlandia e le attuali isole Vergini americane), Africa (per breve tempo alcuni stanziamenti nell'attuale Ghana), Asia (stanziamenti seicenteschi nel sud dell'India (Tranquebar), nel Bengala (Serampore) e sulle Isole Nicobare) e in Europa (Faer Oer, Norvegia, Islanda). Agli inizi dell'Ottocento si estendeva dunque su una superficie superiore ai due milioni e seicentomila chilometri quadrati (in larga parte ricoperti di ghiacci perenni), ridottisi poi a circa due milioni e trecentomila con la cessione della Norvegia alla Svezia nel 1815. De facto l'impero esiste ancora, dato che la Danimarca mantiene ancora la sovranità sulla Groenlandia e sulle Isole Fær Øer, pur avendo assicurato a questi territori una larga autonomia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Colonialismo e Imperi coloniali
Austria-Ungheria Austriaco | Belgio Belga | Regno Unito Britannico | Bandiera dell'Impero curlandese Curlandese | Danimarca Danese | Francia Francese | Giappone Giapponese | Italia Italiano
Bandiera dell'Impero olandese Olandese | Bandiera dell'Impero portoghese Portoghese | Bandiera dell'Impero russo Russo | Bandiera della Scozia Scozzese | Bandiera dell'Impero spagnolo Spagnolo | Stati Uniti Statunitense | Svezia Svedese | Germania Tedesco