Luisa di Hannover

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Luisa di Hannover
Luisa di Gran Bretagna, regina di Danimarca e Norvegia.
Luisa di Gran Bretagna, regina di Danimarca e Norvegia.
Regina consorte di Danimarca e Norvegia
Stemma
Nascita Londra, 27 settembre 1724
Morte Copenaghen, 19 dicembre 1751
Dinastia Hannover
Padre Giorgio II di Gran Bretagna
Madre Carolina di Brandeburgo-Ansbach
Consorte Federico V di Danimarca
Religione Anglicanesimo

Luisa di Gran Bretagna (Londra, 27 settembre 1724Copenaghen, 19 dicembre 1751) fu la consorte di Federico V di Danimarca (1723-1766).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata principessa di Gran Bretagna e Irlanda a Leicester House, Luisa fu l'ultima dei figli di Giorgio II di Gran Bretagna e di Carolina di Brandeburgo-Ansbach, al momento della sua nascita Principi del Galles.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

In un'unione dinastica, l'11 dicembre 1743 sposò ad Altona, città dell'Holstein, il principe ereditario di Danimarca e Norvegia Federico, figlio di Cristiano VI di Danimarca e di Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach.
Con quest'unione il sovrano danese sperava di ottenere l'appoggio inglese alle sue rivendicazioni sul trono di Svezia. A seguito del matrimonio, Luisa assunse il titolo di cortesia di sua HRH Principessa Federico di Danimarca e Norvegia.
La coppia ebbe cinque figli:

Sebbene si fosse trattato di un matrimonio combinato, la coppia ebbe un ottimo rapporto. Federico dimostrava familiarità nei confronti di Luisa, mentre lei, dal canto suo, fingeva di non accorgersi della sua infedeltà coniugale.

Regina di Danimarca e Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

Regno di Gran Bretagna
Casato di Hannover
Royal Arms of the Kingdom of Hanover.svg

Giorgio I (1714-1727)
Giorgio II (1727–1760)
Giorgio III (1760–1820)
Giorgio IV (1820–1830)
Guglielmo IV (1830–1837)
Vittoria (1837–1901)

Federico e Luisa salirono al trono il 6 agosto 1746, e Luisa assunse il titolo di regina consorte, venendo conosciuta con il titolo di HM La Regina di Danimarca e Norvegia.

Al contrario della regina che la precedette, Luisa fu molto popolare in Danimarca, e si ritiene che questa sua popolarità abbia favorito il suo consorte. Dotata di una personalità vivace, Luisa riusciva facilmente ad instaurare rapporti con il prossimo.

Interessata alla musica, alla danza e al teatro, conferì alla corte un tono più leggero rispetto a quello dato dai suoi suoceri.
Nel 1747, organizzò, per la compagnia dell' Opera Italiana gestita da Pietro Mingotti, una rappresentazione nel teatro di corte, e nel 1748 la francese Du Londel Troupe venne invitata a tenere delle rappresentazioni drammatiche.

Luisa apprese e parlò la lingua danese e dichiarò pubblicamente che avrebbe educato i suoi figli con questo idioma, cosa che la rese immediatamente popolare tra i suoi sudditi, visto che la corte danese utilizzava, quale sua lingua, più il tedesco che il danese.
Viene descritta come una donna ben educata e dotata di un'ottima capacità di fare conversazione, non bella ma dignitosa e ben adatta a svolgere il suo ruolo di regina.
Saggia e graziosa, la regina riuscì nel corso del tempo ad influenzare positivamente l'operato del marito, promuovendo lo sviluppo delle arti e delle scienze.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Luisa fu regina di Danimarca e Norvegia solo per cinque anni, morì il 19 dicembre del 1751 nel palazzo di Christiansborg, durante la sua sesta gravidanza. Venne sepolta nella cattedrale di Roskilde. In suo onore Klopstock compose nel 1752 un'Ode alla Regina Luisa. I suoi figli furono affidati alle cure della sorella Maria, e della nonna Sofia Maddalena.

La figura di Luisa, estremamente apprezzata in vita, venne dopo la morte trasfigurata dai danesi, assurgendo a modello di perfetta Regina di Danimarca. Ciò tuttavia ebbe conseguenze spiacevoli per le sue succeditrici: difatti sia Giuliana Maria, che pure si sforzò di seguire le orme di Luisa, affidando il proprio figlio a precettori danesi e mantenendo una condotta dignitosa, che Carolina Matilde, donna affascinante e spontanea, non riuscirono a vincere il confronto con la memoria della defunta, e fallirono nel conquistare le simpatie del popolo danese. Per Carolina Matilde poi il confronto fu quanto mai stringente, essendo anch'essa una principessa inglese (Luisa era difatti sua zia paterna).

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Luisa di Hannover Padre:
Giorgio II del Regno Unito
Nonno paterno:
Giorgio I d'Inghilterra
Bisnonno paterno:
Ernesto Augusto di Brunswick-Lüneburg
Trisnonno paterno:
Giorgio di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna paterna:
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Sofia del Palatinato
Trisnonno paterno:
Federico V del Palatinato
Trisnonna paterna:
Elisabetta Stuart
Nonna paterna:
Sofia Dorotea di Celle
Bisnonno paterno:
Giorgio Guglielmo di Brunswick-Lüneburg
Trisnonno paterno:
Giorgio di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna paterna:
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Éléonore d'Esmier d'Olbreuse
Trisnonno paterno:
Alexandre II d'Esmier d'Olbreuse
Trisnonna paterna:
Jacquette Poussard de Vandré
Madre:
Carolina di Brandeburgo-Ansbach
Nonno materno:
Giovanni Federico di Brandeburgo-Ansbach
Bisnonno materno:
Alberto II di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonno paterno:
Gioacchino Ernesto di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonna paterna:
Sofia di Solms-Laubach
Bisnonna materna:
Sofia Margherita di Öttingen-Öttingen
Trisnonno materno:
Gioacchino Ernesto di Öttingen-Öttingen
Trisnonna materna:
Anna Sibilla di Solms-Sonnenwalde
Nonna materna:
Eleonora Erdmuthe di Sassonia-Eisenach
Bisnonno materno:
Giovanni Giorgio I di Sassonia-Eisenach
Trisnonno materno:
Guglielmo di Sassonia-Weimar
Trisnonna materna:
Eleonora Dorotea di Anhalt-Dessau
Bisnonna materna:
Giovannetta di Sayn-Wittgenstein
Trisnonno materno:
Ernesto di Sayn-Wittgenstein
Trisnonna materna:
Luisa Giuliana di Erbach-Erbach

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte di Danimarca e Norvegia Successore
Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach 1746 - 1751 Giuliana Maria di Brunswick-Lüneburg