Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach
Sophiemagdalenedenmark.jpg
Regina consorte di Danimarca e Norvegia
In carica 1730 - 1746
Predecessore Anna Sofia Reventlow
Successore Luisa di Hannover
Nascita 28 novembre 1700
Morte Christiansborg, 27 maggio 1770
Luogo di sepoltura Cattedrale di Roskilde
Padre Cristiano Enrico, Margravio di Brandeburgo-Bayreuth-Kulmbach
Madre Sofia Cristiana di Wolfstein
Consorte Cristiano VI di Danimarca
Figli Federico V di Danimarca
Luisa, Duchessa di Sassonia-Hildburghausen
Religione luteranesimo

Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach (Lauf an der Pegnitz, 28 novembre 1700Copenaghen, 27 maggio 1770) fu regina consorte di Danimarca e Norvegia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sofia Maddalena era figlia del margravio Cristiano Enrico di Brandeburgo-Kulmbach e di Sofia Cristiana di Wolfstein. Discendeva da un ramo cadetto degli Hohenzollern originatosi alla morte di Cristiano di Brandeburgo-Bayreuth.

Fu dama di compagnia di Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth, regina di Polonia.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposo, il 7 agosto 1721, il principe ereditario di Danimarca e Norvegia Cristiano. Ebbero tre figli, ma solo due raggiunsero l'età adulta:

Regina[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Federico IV, nel 1730, Cristiano salì al trono e Sofia Maddalena divenne regina.

L'unione fu felice, suo marito la rispettava e si fidava di lei, ma Sofia Maddalena era impopolare. Venne descritta come altezzosa, arrogante e orgogliosa.

Era molto interessata al lusso, allo sfarzo, alla moda e ai gioielli e ha speso ingenti somme di denaro durante un periodo di povertà nel paese.

Fu molto criticata per non aver dimenticato le proprie radici tedesche, anche se già prima della sua venuta la Corte danese era fortemente influenzata dalla lingua e dalla cultura tedesche. Inoltre, la sua religione, molto influenzata dal Pietismo, influì sulla sua vita di corte. Non imparò mai il danese.

Al suo entourage tedesco venivano affidati importanti incarichi a corte. Sua sorella, Sofia Carolina di Brandeburgo-Kulmbach, che ha vissuto alla corte danese, si diceva che fosse l'amante di suo marito.

Nel 1732, ha fondato l'Ordine dell'Unione Perfetta, che doveva essere dato solo alle donne che vivevano in matrimoni felici. Nel 1737, fondò un monastero protestante per nobildonne sposate.

Ultimi anni e morte[modifica | modifica wikitesto]

Come una regina vedova, ha vissuto una vita discreta durante il regno di suo figlio, con il quale non andava d'accordo.

Nel 1746, si ritirò nel Palazzo di Hirscholm, che lei aveva fatto costruire, e trascorse lì i suoi ultimi anni. Morì il 27 maggio 1770 e venne sepolta nella Cattedrale di Roskilde.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54947972