Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow
Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow
Duca di Meclemburgo-Güstrow
Stemma
In carica 1654-1695
Predecessore Giovanni Alberto II
Successore Titolo soppresso
Nascita Güstrow, 26 febbraio 1633
Morte Güstrow, 6 ottobre 1695
Dinastia Meclemburgo-Güstrow
Padre Giovanni Alberto II di Meclemburgo-Güstrow
Madre Eleonora Maria di Anhalt-Bernburg
Consorte Maddalena Sibilla di Holstein-Gottorp
Religione protestantesimo

Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow (Güstrow, 26 febbraio 1633Güstrow, 6 ottobre 1695) fu duca di Meclemburgo-Güstrow dal 1654 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gustavo Adolfo era figlio di Giovanni Alberto II di Meclemburgo-Güstrow e della terza moglie Eleonora Maria di Anhalt-Bernburg.

Alla morte del padre, essendo ancora un bambino, il ducato venne retto dallo zio Adolfo Federico I di Meclemburgo-Schwerin. Ciò causò una disputa su chi dovesse però realmente assumere la reggenza del ducato. Prima della sua ascesa al trono paterno, Gustavo Adolfo ottenne dal 1636 l'amministrazione del Vescovato di Retzeburg che mantenne sino al 1648 quando questo venne secolarizzato dalla Pace di Vestfalia. Nel 1654 Gustavo Adolfo venne dichiarato dall'Imperatore maggiorenne e iniziò a governare sul ducato fino alla propria morte.

Nel 1661, a termine della Guerra dei Trent'anni, Gustavo Adolfo condusse un censimento, uno dei primi ad essere realizzati nella storia della Germania. Dal 1662 decise di adottare un regolamento per l'eliminazione dei lupi che infestavano la zona e dal 1671 adottò un nuovo regolamento per la riforma globale della scuola. Nei quindici distretti che rientravano nei suoi domini, egli nominò dei sovrintendenti appositi per l'applicazione delle nuove norme scolastiche, ai quali chiese di istituire scuole locali per più villaggi di modo da unificare l'istruzione della popolazione, fornendo personale adeguato e dimostrando una grande attenzione anche sotto l'aspetto della tassazione, chiedendo ai suoi agenti di determinare caso per caso la disponibilità economica. Nel 1684, infine, fu tra i primi in assoluto a prevedere l'istruzione obbligatoria di tutti i bambini di tutte le classi sociali sino al percorso elementare.

Nel 1676, per una migliore sicurezza nelle città, Gustavo Adolfo emise un ordine contro l'uso sconsiderato di fuochi accesi sa all'interno che all'esterno delle case e vietò la birra nelle case locali. Nel 1682, per combattere la diffusione della stregoneria, creò un enorme falò nella piazza principale di Gustrow con tutti i libri di magia sequestrati alle presunte streghe, preoccupandosi di controbattere il fenomeno della magia con la distribuzione di farmaci gratuiti alla sua popolazione ed al bestiame. Sempre di quello stesso anno è il curioso editto che vietava le tradizionali feste popolare natalizie che vedevano coinvolto il personaggio di Santa Claus, temendo che queste tradizioni potessero sviare la popolazione dal vero significato del Natale facendola scadere nella stregoneria.

Gustavo Adolfo morì nel 1695 senza eredi e con lui si estinse la linea dei Meclemburgo-Güstrow. Il ducato venne suddiviso tra il Meclemburgo-Schwerin e un nuovo ducato, il Meclemburgo-Strelitz.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Gustavo Adolfo sposò Maddalena Sibilla di Holstein-Gottorp, figlia di Federico III di Holstein-Gottorp e da questa unione nacquero i seguenti figli:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Johann Stieber: Merckwürdige und erbauliche Lebensbeschreibung der ... Fürstin Magdalena Sibylla, verwitwete regierende Fürstin zu Mecklenburg, Rostock 1745
Predecessore Duca di Meclemburgo-Güstrow Successore
Giovanni Alberto II 1654-1695 territori divisi tra il Meclemburgo-Schwerin
(nella persona di Federico Guglielmo)
ed il Meclemburgo-Strelitz
(nella persona di Adolfo Federico II)
Predecessore Vescovo di Ratzeburg
Amministratore
Successore
Augusto I di Brunswick-Lüneburg 1636-1648 Diocesi secolarizzata

Controllo di autorità VIAF: 27428483 LCCN: n2003071740

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie