Guelfo IV d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guelfo IV d'Este

Guelfo IV d'Este (... – Pafo, 9 novembre 1101) fu duca di Baviera dal 1070 al 1077 e successivamente dal 1096 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Guelfo fu il primo membro della famiglia degli Welfen (guelfi) ad appartenere alla famiglia degli Estensi. Era infatti figlio di Alberto Azzo II d'Este e di sua moglie Cunegonda di Altdorf. Quando lo zio materno, Guelfo duca di Carinzia (conosciuto come Guelfo III), morì senza figli, il nipote ereditò le sue proprietà; successivamente sposò Ethelinda, figlia di Ottone II di Northeim, duca di Baviera.

Anche se suo padre, guidato dalla cugina Matilde di Canossa, continuerà a perseguire gli interessi del papato, Guelfo si schierò dalla parte dell'imperatore Enrico IV.

Ottone II, suo suocero, che aveva interessi in Sassonia e temeva la riduzione del potere ducale in Baviera, nel 1070 fu accusato di ordire un complotto contro l'imperatore; per questo fu privato del titolo ducale e, fatto atto di sottomissione nel 1071, fu reintegrato ma solo dei suoi possessi personali.

Infatti il Ducato di Baviera era passato a Guelfo che, dopo il divorzio da Ethelinda, si era schierato con Enrico IV. Si risposò con Giuditta di Fiandra (figlia di Baldovino IV delle Fiandre detto il barbuto e zia della moglie di Guglielmo I d'Inghilterra, detto il Conquistatore) che era rimasta vedova nel 1066; dal loro matrimonio nacque, nel 1072, Guelfo che in seguito sarà conosciuto come Guelfo V.

Più tardi, durante la lotta per le investiture, cambiò schieramento e sostenne il papa Gregorio VII e, nel marzo 1077, appoggiò l'elezione dell'anti-re Rodolfo di Rheinfelder. L'imperatore di conseguenza lo privò del titolo ma, aiutato dal padre e dalla nobiltà bavarese a lui fedele, fu in grado di conservare i suoi territori.

Quando il papa tolse il suo consenso a Rodolfo, Guelfo non poté continuare a sostenerlo. Nel 1085 Gregorio VII morì e Guelfo rimase dalla parte del papato tanto che suo figlio Guelfo V sposò diciassettenne Matilde di Canossa, nel 1089, che aveva ventisei anni più di lui.

Quando nel 1095 il giovane Guelfo V divorziò a sua volta, il padre fece ammenda presso l'imperatore e riottenne il Ducato di Baviera che nel frattempo era stato retto da Enrico IV in persona.

Dopo la morte del padre Alberto Azzo II nel 1097, cercò di entrare in possesso di alcuni feudi a sud delle Alpi, ma non ebbe successo contro il fratellastro Fulco. Nel 1101 si unì ai crociati in Terra Santa ma morì di lì a poco a Cipro, durante il viaggio di ritorno.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Dal matrimonio con Giuditta ebbe tre figli:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duca di Baviera Successore
Ottone 1070-1077 Enrico IV
Predecessore Duca di Baviera Successore
Enrico IV 1096-1101 Guelfo II

Controllo di autorità VIAF: 33085650 LCCN: nr2005010908