Giuseppe Castiglione (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Castiglione

Sottosegretario di Stato al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali
In carica
Inizio mandato 3 maggio 2013
Presidente Enrico Letta, Matteo Renzi
Predecessore Franco Braga

Presidente della Provincia di Catania
Durata mandato 17 giugno 2008 –
31 ottobre 2012
Predecessore Raffaele Lombardo
Successore vacante

Presidente della Unione Province Italiane
Durata mandato 12 febbraio 2008 –
31 ottobre 2012
Predecessore Fabio Melilli
Successore Antonino Saitta (ad interim)

Presidente dell'"European Confederation of Local Intermediate Authorities"
Durata mandato 10 novembre 2010 –
31 ottobre 2012
Predecessore Livio Jacob
Successore Paul-Emile Mottard (ad interim)

Vice Presidente della Regione Siciliana
Durata mandato 27 luglio 2001 –
30 agosto 2004
Presidente Salvatore Cuffaro
Predecessore Fabio Granata
Successore Francesco Cascio

Dati generali
Partito politico Il Popolo della Libertà
Nuovo Centrodestra
on. Giuseppe Castiglione
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Bronte
Data nascita 5 ottobre 1963
Titolo di studio maturità classica
Professione politico
Partito Nuovo Centrodestra
Legislatura XVII
Circoscrizione XXIII (Sicilia 2)
Giuseppe Castiglione
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Data nascita 5 ottobre 1963
Partito Forza Italia
Legislatura VI
Circoscrizione Isole

Giuseppe Castiglione (Bronte, 5 ottobre 1963) è un politico italiano, Già Presidente della Provincia di Catania, dell'UPI e del CEPLI (European Confederation of Local Intermediate Authorities).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha conseguito la maturità classica, è stato dirigente d'azienda e giornalista pubblicista.

Attività politica[modifica | modifica sorgente]

Membro del Comitato di gestione dell'USL 39 - Bronte (1984-1989); Presidente del Comitato dei Garanti dell'USL 39.

Consigliere comunale di Bronte dal 1989 al 1992 per la Democrazia Cristiana, nel 1996 è stato eletto all'Assemblea Regionale Siciliana con la lista del CDU di Buttiglione, nel Collegio di Catania, con 8.487 voti di preferenza. Assessore Regionale all'Industria della Regione Siciliana nella Giunta Provenzano di centrodestra (1996-1998), la I e II Giunta Drago di centrodestra (1998), la I e II Giunta Capodicasa di centrosinistra (1998-2000).[1]. Aderisce all'Udeur nel 1998 e nel 2000 a Forza Italia.

Il 24 giugno 2001 è stato rieletto all'Ars nella lista di Forza Italia con 18.087 voti, il più votato in Sicilia. Viene nominato Vicepresidente della Regione Siciliana e Assessore Regionale all'Agricoltura nella I Giunta Cuffaro, fino al 2004. Vicepresidente nazionale dell'AICCRE (Associazione italiana Comuni e Regioni d'Europa); membro del Consiglio mondiale della CGLU (Città e governi locali uniti)".

Eletto Parlamentare europeo in FI nel 2004 nella Circoscrizione Italia insulare, aderisce al gruppo del Partito popolare europeo e si dimette dall'ARS. Membro della Commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni e della Delegazione per le relazioni con i paesi del Maghreb e l'Unione del Maghreb arabo (compresa la Libia), è anche membro sostituto della Sottocommissione per i diritti dell'uomo e della Delegazione per le relazioni con la Repubblica popolare cinese.

Portavoce di Forza Italia al Parlamento Europeo e vicecoordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia. Viene proclamato presidente della Provincia regionale di Catania il 18 giugno 2008, eletto in una coalizione di centrodestra.

Nell'aprile 2009 viene nominato coordinatore regionale del PdL in Sicilia, assieme a Domenico Nania. Viene eletto presidente dell'UPI (Unione delle Province d'Italia) l'11 dicembre 2009. Il 10 novembre 2010 è eletto Presidente della associazione europea delle province, ovvero dell'istituto del CEPLI (European Confederation of Local Intermediate Authorities).

Il 31 ottobre 2012 rassegna le dimissioni da Presidente della Provincia di Catania per potersi candidare alle elezioni politiche del 2013 dove è eletto alla Camera nella lista del PDL[2]. Con le dimissioni dalla Presidenza della Provincia lascia la Presidenza dell'UPI e del CEPLI.

Nel maggio 2013 è nominato Sottosegretario di Stato al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali nel governo Letta.

Il 16 novembre 2013, contestualmente alla sospensione delle attività del Popolo della Libertà e al rilancio di Forza Italia[3], aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano[4][5]di cui diviene coordinatore regionale per la Sicilia.

Il 28 febbraio 2014 è confermato sottosegretario alle Politiche agricole anche nel governo Renzi.

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica sorgente]

Indagato nel 1998 per turbativa d'asta nell'ambito dell'inchiesta per le tangenti all' Ospedale Garibaldi di Catania, nel 1999 è stato condannato a dieci mesi di carcere (in primo grado), insieme al suocero e Senatore di Forza Italia Giuseppe Firrarello, (condannato in via definitiva a due anni di reclusione per corruzione e turbativa d'asta nell'ambito della stessa inchiesta). Imputato anche per concorso esterno in associazione mafiosa, accusa da cui venne prosciolto nel corso dello stesso processo[6].

Il 12 novembre 2004 Giuseppe Castiglione viene assolto in appello dall’accusa di turbativa d’asta, perché il fatto non sussiste[7].

La sentenza d’appello, per quanto impugnata dalla Procura Generale, è stata confermata dalla Suprema Corte di Cassazione Sez. I n. 1161 dell11/11/2005 che lo ha definitivamente assolto. Per il Senatore di Forza Italia Giuseppe Firrarello la Corte di Cassazione, il 25 febbraio 2014, ha dichiarato l’annullamento della condanna per turbativa d’asta per essersi il reato prescritto in epoca antecedente alla sentenza di primo grado.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Assemblea Regionale Siciliana - Profilo Deputato Castiglione Giuseppe
  2. ^ Camera.it - XVII Legislatura - Deputati e Organi - Scheda deputato - CASTIGLIONE Giuseppe
  3. ^ L’addio al Pdl (in frantumi), rinasce Forza Italia
  4. ^ Camera dei Deputati: Composizione del gruppo NUOVO CENTRODESTRA
  5. ^ Berlusconi lancia Forza Italia E Alfano il Nuovo Centrodestra
  6. ^ Catania, Dieci mesi a Castiglione. A giudizio l'ex sottosegretario Cusumano in Gazzetta del Sud. URL consultato il 16 giugno 2010.
  7. ^ Turbativa d' asta assolto Castiglione in La Repubblica, 16 giugno 2010, p. 4 sezione: Palermo. URL consultato il 16 giugno 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente della Provincia di Catania Successore Provincia di Catania-Stemma.png
Raffaele Lombardo dal 17 giugno 2008 - 31 ottobre 2012 vacante
Predecessore Presidente dell'Unione Province Italiane Successore
Fabio Melilli 11 dicembre 2009 - 31 ottobre 2012 Antonino Saitta (ad interim)
Predecessore Presidente dell'Unione Province Europee Successore
Livio Jacob 10 novembre 2010 - 31 ottobre 2012 Paul-Emile Mottard (ad interim)
Predecessore Vice presidente della Regione Siciliana Successore Sicilia-Stemma.png
Fabio Granata 27 luglio 2001-30 agosto 2004 Francesco Cascio