Carlo Calenda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Calenda
Carlo Calenda (cropped).jpg

Viceministro del Ministero dello Sviluppo Economico
In carica
Inizio mandato 2 maggio 2013
Presidente Enrico Letta, Matteo Renzi

Dati generali
Partito politico Scelta Civica

Carlo Calenda (Roma, 9 aprile 1973) è un dirigente d'azienda e politico italiano, è stato Viceministro del Ministero dello Sviluppo Economico nel Governo Letta, confermato in tale incarico nel Governo Renzi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio dell'economista Fabio Calenda e della regista Cristina Comencini, nell'estate del 1983 all'età di dieci anni, è piccolo attore nello sceneggiato televisivo Cuore (1984), tratto dall'omonimo romanzo di Edmondo De Amicis e diretto dal nonno Luigi Comencini, dove presta il volto allo scolaro protagonista Enrico Bottini.

Laureatosi in Giurisprudenza, incomincia a lavorare nel mondo della finanza per San Paolo Invest, Prudential Sim e Suothern Star[1]. Nel 1998 approda alla Ferrari, dove assume i ruoli di Responsabile Customer Relationship Management e di Responsabile delle relazioni con le istituzioni finanziarie[1]. Dopo essere stato Responsabile Marketing per Sky, viene nominato Direttore dell’Area strategica e Affari Internazionali della Confindustria durante la presidenza di Luca Cordero di Montezemolo dal 2004 al 2008[2][1]. È stato Direttore Generale di Interporto Campano[3] e Presidente di Interporto Servizi Cargo[1].

Coordinatore politico dell'associazione Italia Futura[4], nel 2013 è candidato alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio nella lista di Scelta Civica nella circoscrizione Lazio 1 della Camera[5], ma non viene eletto.

Il 2 maggio 2013 viene nominato Viceministro del Ministero dello Sviluppo Economico nel Governo Letta[6], e viene confermato in tale incarico nel Governo Renzi, con delega al commercio estero.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Scelta Civica - Profilo personale di Carlo Calenda
  2. ^ «C'è bisogno di un Ice più forte» - Il Sole 24 ore, 13 novembre 2007
  3. ^ Arrivo da Sky in Ferrari all'Interporto - Il Denaro, 1 luglio 2008
  4. ^ «Noi alternativi ai democratici, li batteremo» - Corriere della Sera, 2 gennaio 2013
  5. ^ Candidati Camera Lazio 1 di Scelta Civica con Monti per l'Italia - la Repubblica
  6. ^ Governo italiano - Consiglio dei Ministri n.2 del 2/05/2013

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]