Fabio Volo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabio Volo nel 2013

Fabio Volo, nome d'arte di Fabio Bonetti (Calcinate, 23 giugno 1972), è un attore, scrittore, conduttore radiofonico, conduttore televisivo, doppiatore e sceneggiatore italiano[1]. Distintosi nei vari campi dei media italiani, ha da prima raggiunto il successo in radio e in televisione[2][3] per poi farsi un nome anche nel mondo del cinema e soprattutto nel campo letterario: nel 2011 i suoi romanzi sono infatti arrivati a vendere oltre 5 milioni di copie nella sola Italia[3][4].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fabio Bonetti nasce a Calcinate, in provincia di Bergamo, il 23 giugno 1972[1][5]. Dopo le scuole medie (odiando lo studio, non si iscrisse mai ad una scuola superiore[6]) si dedica ad alcuni lavori saltuari, tra cui il panettiere nella panetteria del padre, il batterista e una fulminea carriera da cantante (una manciata di singoli dance cantati in lingua italiana, incisi tra il 1994 e il 1995 per l'etichetta bresciana Media Records, uno dei quali intitolato Volo, da cui deriva il cognome d'arte). Nel 1996 diventa uno dei nuovi personaggi di punta a Radio Capital, di Claudio Cecchetto. Dal novembre 1998 conduce tre edizioni del programma Le Iene su Italia 1, accanto a Simona Ventura e Andrea Pellizzari.

Nel 2000 inizia l'avventura con Il Volo del mattino su Radio Deejay e pubblica il suo primo libro, Esco a fare due passi, che vende oltre 300.000 copie[7].

Nel 2001 e 2002 conduce per due edizioni il programma Ca' Volo, in prima serata su MTV[8]. Da settembre 2001 a gennaio 2002 conduce Il volo su LA7[9]. Nel 2002 è la volta del cinema: Fabio debutta in Casomai di Alessandro D'Alatri, nel ruolo di Tommaso, accanto a Stefania Rocca. L'interpretazione gli varrà la candidatura al David di Donatello nella categoria "Miglior attore protagonista".

Nel 2003 conduce Il coyote su MTV e pubblica il suo secondo libro È una vita che ti aspetto, uno dei best-seller dell'anno. Dello stesso anno è il suo debutto teatrale, ne Il mare è tornato tranquillo, pièce scritta e diretta da Silvano Agosti, con musiche di Ennio Morricone[10]. Nell'autunno del 2003 conduce su Italia 1 la trasmissione di seconda serata Smetto quando voglio. Della carriera televisiva in questo anno si ricordano anche due partecipazioni al programma Milano-Roma e una breve esperienza di conduttore del programma DOC 3 (Rai 3).

Fabio Volo durante una manifestazione a Roma nel 2003

Nel 2005 esce il film La febbre, sempre di D'Alatri, dove Fabio recita nel ruolo del protagonista, mentre in TV presenta Lo spaccanoci[8]. Nel 2006 viene pubblicato il suo terzo libro Un posto nel mondo.

Nell'aprile del 2006 ritorna su MTV con Italo-Spagnolo, trasmesso da un attico che si affaccia su una Rambla di Barcellona. Il bis si ha nel 2007: sempre su MTV, questa volta in diretta da Parigi (Panoramique du Funicolaire a Montmartre) con Italo-Francese. Nel 2008 è nuovamente su MTV con Italo-Americano - Homeless edition, dove, accompagnato su e giù dall'inseparabile amico Ivo, analizza la realtà socio-culturale degli Stati Uniti d'America paragonandola col suo paese di origine.

Nel 2007 è al cinema con Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi di Giovanni Veronesi e Uno su due di Eugenio Cappuccio, con cui però collabora solo alla sceneggiatura, e di nuovo su MTV Italia con Italo-Francese, talk-show serale trasmesso da Parigi. Il 27 novembre 2007 è uscito il suo quarto libro dal titolo Il giorno in più. Nel 2008 è protagonista del nuovo film di Cristina Comencini, Bianco e nero, insieme ad Ambra Angiolini. Parallelamente presta la sua voce a Po, il panda protagonista del film d'animazione della DreamWorks Kung Fu Panda. Doppierà Po anche nel seguito Kung Fu Panda 2, uscito nel 2011[11].

Il 24 novembre 2009 esce il suo quinto libro Il tempo che vorrei. Nell'aprile 2010 esce invece nelle sale cinematografiche il film Matrimoni e altri disastri, diretto da Nina Di Majo, in cui Fabio Volo recita al fianco di Margherita Buy e Luciana Littizzetto. Sempre nel 2010 è il vincitore della sesta edizione del "Premio Letterario la Tore Isola d'Elba", un premio all'ingegno e all'eccellenza, già conferito tra gli altri a Stella, Faletti, Camilleri e Vitali; gli è stato assegnato la sera del 21 agosto, in una gremitissima Marciana Marina[12].

Nell'ottobre 2011 esce il suo sesto romanzo, dal titolo Le prime luci del mattino, in cui, per la prima volta in un romanzo di Volo, vi è una protagonista femminile. Nel settembre dello stesso anno inizia le riprese per Studio illegale, che successivamente uscirà nelle sale italiane il 7 febbraio 2013[13]. A dicembre esce invece il film Il giorno in più, basato sul suo omonimo romanzo e diretto da Massimo Venier, in cui lui stesso recita nel ruolo di protagonista[14]. Il 21 marzo 2012 torna in televisione conducendo il programma Volo in diretta nella seconda serata di Rai 3[1].

L'8 ottobre 2012 annuncia la fine del suo ultradecennale programma radiofonico Il Volo del mattino[15]. Il 27 ottobre dello stesso anno viene invitato a partecipare al TED Global tenutosi a Firenze[7]. Successivamente l'autore si sposta a New York per lavorare al suo settimo libro[16].

Il 28 giugno 2013 annuncia il suo ritorno a Radio Deejay con Il Volo del mattino, che tornerà in onda dal 30 settembre[17]. Il 22 ottobre viene pubblicato il suo settimo libro, intitolato La strada verso casa[18]. Il romanzo ottiene un buon successo, raggiungendo le 550.000 copie vendute già a dicembre[19].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Fabio Volo alla libreria Feltrinelli di Roma nel 2008

Dal 2011 è fidanzato con l'islandese Johanna Hauksdottir, un'istruttrice di pilates conosciuta in una palestra di New York. Nel maggio 2013 viene annunciato che i due sono in attesa del loro primo figlio[16], Sebastian, nato a novembre[20].

Libri[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

  • Dall'altra parte del binario, Milano, Corriere della Sera, 2007.
  • La mela rossa, Milano, Corriere della Sera, 2008.
  • La mia vita, Milano, Corriere della Sera, 2011.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Doppiatore[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Compilation[modifica | modifica sorgente]

  • Il Volo (gennaio 2003)
  • El Vuelo (gennaio 2003)
  • Il Volo a colazione (novembre 2003)
  • Il Volo classico (novembre 2003)
  • Il Volo nuovo (febbraio 2005)
  • Il Volo vintage (febbraio 2005)

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Radio[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Rai Tre Volo in diretta - Fabio Volo, Rai.it. URL consultato il 31 marzo 2013.
  2. ^ Il successo di Fabio Volo, Televisione.ilbloggatore.com, 10 dicembre 2011. URL consultato il 12 settembre 2013.
  3. ^ a b Fabio Volo, esordio da rockstar Le prime luci del mattino, GQItalia.it, 21 ottobre 2011. URL consultato il 12 settembre 2013.
  4. ^ Fabio Volo, ecco perché i suoi libri sono un successo, Panorama, 19 ottobre 2011. URL consultato il 12 settembre 2013.
  5. ^ La scheda di Fabio Volo. Bibliografia e filmografia, Trovacinema.repubblica.it. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  6. ^ Arnaldo Casali, Intervista a Fabio Volo, Filmfestivalpopoliereligioni.it. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  7. ^ a b Fabio Volo, TEDxFirenze.net. URL consultato il 5 novembre 2012.
  8. ^ a b La scheda di fabio Volo, Deejay.it. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  9. ^ Il volo, Film.it. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  10. ^ Fabio Volo - "Il mare è tornato tranquillo" di Silvano Agosti, Digilandet.libero.it. URL consultato il 12 settembre 2013.
  11. ^ Kung Fu Panda 2, intervista esclusiva al doppiatore Fabio Volo, Cinema-tv.virgilio.it, 3 agosto 2011. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  12. ^ I vincitori del Premio letterario La Tore - Isola d'Elba - Marciana Marina, Premiolatoreisoladelba.it. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  13. ^ Studio illegale, MYmovies. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  14. ^ Il giorno in più, MYmovies.it. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  15. ^ Fabio Volo, Il volo del mattino non andrà più in onda, Twitter, 8 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2012.
  16. ^ a b Fabio Volo mette la testa a posto: presto papà, Corriere della Sera, 8 maggio 2013. URL consultato l'8 maggio 2013.
  17. ^ Fabio Volo is Back, Deejay.it, 28 giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2013.
  18. ^ Attraverso la sua pagina facebook Fabio Volo annuncia l’uscita del suo prossimo romanzo, “La strada verso casa”, Contrordine.it, 4 ottobre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  19. ^ Il nuovo romanzo di Fabio Volo - La strada verso casa in Corriere della Sera, n. 16 dicembre 2013.
  20. ^ Fabio Volo è diventato padre, l'attore: "assomiglia alla mamma", Il Giorno, 26 novembre 2013. URL consultato il 26 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]