ERT (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ellinikí Radiofonía Tileórasi
Logo
Stato Grecia Grecia
Tipo azienda pubblica
Fondazione 23 febbraio 1966 a Atene
Chiusura 11 giugno 2013, sostituita da NERIT
Sede principale Grecia Atene
Dipendenti 2800 (2013)
Slogan «παντού! - ovunque!»
Sito web www.ert.gr

Ellinikí Radiofonía Tileórasi (in greco Ελληνική Ραδιοφωνία Τηλεόραση, abbreviato EPT, in caratteri latini ERT) è stata l'azienda radiotelevisiva di stato greca, nonché prima televisione di lingua greca per ascolti. La ERT riscuoteva il canone televisivo attraverso le bollette dell'energia elettrica.

La ERT operava in campo televisivo con l'acronimo "ET" (Elliniki Tileorasi) e con l'acronimo "ERA" (Elliniki Radiofonia) per quanto concerne le sue reti radiofoniche.

L'11 giugno 2013, alle ore 23:11, l'azienda venne chiusa su decisione del governo, a causa della crisi economica che sconvolge il Paese.[1] Dopo una settimana di vaste mobilitazioni in tutta la Grecia, numerose prese di posizione internazionali, atti di resistenza dei lavoratori dell'ERT (occupazione degli studi di produzione, diffusione delle trasmissioni via internet) il Consiglio di Stato sancì, il 17 giugno 2013, l'illegittimità della decisione governativa e ordina 'ipso facto' la ripresa immediata delle attività della televisione pubblica greca.

Tale ingiunzione non ebbe seguito: la ERT continuò a trasmettere in maniera semiclandestina, anche dopo la costituzione, nel 2014, di un nuovo ente radiotelevisivo pubblico, denominato NERIT.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda la televisione, le sue trasmissioni sono iniziate il 23 febbraio 1966 con il primo canale ET1, di carattere generalista. Negli anni si sono aggiunti NET (news), ET3 (regionale) e da ultimo il canale satellitare a diffusione estera ERT World. Al momento della chiusura, i canali televisivi erano:

  • ET 1 - generalista
  • NET (in precedenza ET2) - notizie e grandi eventi
  • ET 3 - regionale
  • ERT World - generalista internazionale

ET1 e NET irradiavano i loro programmi dalla sede di Atene, mentre ET3 aveva la sua sede principale a Salonicco e sedi distaccate nelle varie regioni greche. Negli ultimi tempi il secondo canale televisivo pubblico precedentemente denominato ET2 è stato rinominato per l'appunto in NET, acronimo di Nea Elliniki Tileorasi (trad."Nuova televisione greca").

Tra i programmi televisivi si annoveravano Stin Ygeia Mas (trad."Alla nostra salute") condotto da Spyros Papadopoulos, che consisteva in una tavolata conviviale tra amici dove si mangia, si ascolta musica greca e si assiste ai tipici balli locali. Altri programmi seguiti erano Ehi Gousto (trad."C'è gusto") un contenitore sullo stile e le tendenze del momento, piuttosto che sulla cultura, la musica o il teatro, la Athlitikì Kyriaki (la "domenica sportiva" proposta dalla ERT), Ouranio Toxo (trad."Arcobaleno") un programma per bambini, Menoume Ellada, incentrato sulla scoperta della Grecia nei posti più remoti, quindi un programma a titolo informativo-turistico, e le EIDISIS (ossia gli spazi informativi). Molto seguito era l'Eurovision Song Contest, che ERT ha organizzato nel 2006.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda la radio, ERT aveva un'offerta variegata con diverse emittenti radiofoniche. Esse erano:

  • ERA NET (la prima emittente radiofonica pubblica, una radio prevalentemente a carattere all-news, ridenominata NET FM e successivamente PROTO PROGRAMA)
  • ERA DEFTHERO PROGRAMA (la seconda emittente radiofonica pubblica, la cui programmazione è principalmente incentrata sulla musica greca)
  • ERA TRITO PROGRAMA (la terza emittente radiofonica pubblica, a base di musica classica e di cultura)
  • ERA SPORT (la quarta emittente radiofonica pubblica, la cui programmazione come il nome stesso suggerisce, è basata sull'informazione sportiva con dirette continue ma trova anche spazio la musica greca e internazionale)
  • KOSMOS (la quinta emittente radiofonica pubblica, specializzata in "world music" e altri generi come bossa nova, chillout, lounge, ambient, jazz eccetera).

Per il suo stile e il suo format di programmazione molto interattivo con gli ascoltatori e con un tono sempre amichevole e informale, Era Sport era il canale radiofonico della ERT al quale gli appassionati sportivi ellenici erano più affezionati. Molto seguito su questa rete era il contenitore sportivo Mikrofono Sta Ghypeda (trad."Microfono sui campi sportivi") che nell'edizione domenicale offriva all'ascoltatore una diretta che iniziava dal pomeriggio e perdurava fino alla notte di tutti gli eventi sportivi, soprattutto quelli calcistici, della Grecia, ma anche esteri. Era Sport proponeva un contenitore informativo ogni ora e uno spazio di informazione prettamente sportiva (le cosiddette Athletikès Edisis) ogni mezz'ora. Un altro programma molto seguito dagli sportivi greci e trasmesso da Era Sport aveva per nome "Pes to eleuthera" ("Πες το ελευθερα" trad."Dillo liberamente"), proposto ogni sabato e domenica notte dalle ore 23:00 alle ore 02:00 italiane (un'ora in più in Grecia) e condotto da Dimitris Kaimas, Giannis Papageorgiou, Loukas Loukas, Dimitris Moros e, precedentemente, anche da Petros Mavrogiannidis. La trasmissione consisteva di un filo diretto con gli ascoltatori il tutto in un clima amichevole e cordiale e con un sottofondo musicale d'eccezione, la bellissima "Batucada" dei Thievery Corporation. Fino al 2004 lo slogan di Era Sport era To Olympiakò radiofono (trad."la radio olimpica") in quanto in quell'anno ci sono state le Olimpiadi di Atene. A seguire, lo slogan è cambiato in To Athlitikò radiofono (trad. "la radio atletica" o "la radio sportiva").

La rete radiofonica della ERT comprendeva anche le emissioni regionali (stazioni radio locali che trasmettevano programmi autoprodotti maggiormente nelle ore mattutine e che nel pomeriggio si collegavano a rotazione con le principali emittenti nazionali del gruppo, maggiormente con Era Net o Era Sport, mentre Kosmos veniva proposta in orari serali.)

Per quanto riguarda la Macedonia, la ERT disponeva anche di una stazione radiofonica a parte, denominata "ERT 3 MAKEDONIAS" che irradiava i suoi programmi sulla frequenza locale dei 102.000 MHz in modulazione di frequenza e su quella in onde medie dei 1044 kHz. Questa emissione viene anche definita "Trito Programa Vrakea" per distinguerla dal "TRITO PROGRAMA" che è quello diffuso su tutto il territorio nazionale.

Particolare attenzione va prestata anche all'emittente radiofonica FILIA che opera sui 665 kilohertz in onde medie; questa è un'altra radio del gruppo ERT che dedica la sua programmazione agli stranieri residenti in Grecia e molto spesso la sera ripete sulla stessa frequenza la programmazione della "Foni tis Ellados" ("la voce della Grecia") e di Kosmos.

Negli orari notturni, Era Proto Programa, Era Defthero ed Era Sport unificano le loro trasmissioni in un programma generalista dove viene proposta una carrellata di musica greca tradizionale, brevi notiziari e intrattenimento. Questo programma a volte viene proposto anche durante il giorno nelle feste nazionali. Il nome del programma è DIKTYO ELLINIKIS RADIOFONIAS (trad. "Rete radiofonica greca"). Nel mentre, Kosmos, Filia, Era Trito e ERT Makedonias proseguono le loro trasmissioni regolari.

Per quanto riguarda la ricezione delle varie emittenti facenti parte del gruppo, ad Atene è possibile ascoltare PROTO PROGRAMA sulle frequenze dei 105.800 e 91.600 MHz, ERA DEFTHERO sui 103.700 MHz, ERA TRITO sui 90.900 MHz, ERA SPORT sui 101.800 e sui 100.900 MHz e KOSMOS sui 93.600 e 107.000 MHz.

La ERT disponeva anche di una rete radiofonica in onde medie, così che i segnali delle varie radio risultavano ricevibili anche all'estero e maggiormente nel bacino del Mediterraneo. Per ascoltare ERA NET era quindi necessario sintonizzarsi in AM sui 729 kHz, ERA SPORT era sui 981 e sui 792 kHz, ERT MAKEDONIAS era sui 1044 kHz mentre KOSMOS veniva programmata, assieme alla "Foni tis Ellados" (trad. "Voce della Grecia") sui 665 kHz di FILIA.

Tra le emissioni delle sedi regionali in AM si annoveravano quella di Corfù sui 1008 kHz, di Heraklion sui 954 kHz, di Chania sui 1512 kHz, di Zakynthos sui 927 kHz, di Tripolis sui 1314 kHz, di Orestiada sui 1080 kHz e di Patrasso sui 1485 kHz. Questi impianti di emissione regionale usavano una potenza di trasmissione più bassa rispetto al wattaggio dei trasmettitori usati da Era Net, Filia ed Era Sport, essendo quindi più difficilmente ricevibili. FILIA era anche diffusa in onde corte, dalle ore 07.00 alle ore 12.00 UTC sulla frequenza degli 11645 kilohertz. Essendo un'emittente multilingue, si rivolgeva anche ai turisti o agli stranieri stabilmente residenti in Grecia.

La sospensione della programmazione[modifica | modifica wikitesto]

A causa della crisi economica che attanaglia il Paese, l'11 giugno 2013, alle ore 23.11, la ERT venne chiusa dal governo: le trasmissioni radiotelevisive cessarono sull'intero territorio greco e tutti i 2.800 dipendenti vennero licenziati.

Tale iniziativa era stata intrapresa ufficialmente nel quadro del piano di contenimento della spesa pubblica attuato dal governo, che addusse a motivazione i costi elevati dell'emittente stessa, rendendo nota altresì l'intenzione di rifondare l'ente, con meno dipendenti e un nuovo nome: NERIT (Νέα Ελληνική Ραδιοφωνία, Ίντερνετ και Τηλεόραση - Nuova Radio, Televisione e Internet ellenica)[1]. Tale nuovo ente cominciò effettivamente a trasmettere ad interim con un canale televisivo e due reti radiofoniche da luglio 2013[2]

Dopo lo spegnimento del segnale, andando contro l'obbligo di lasciare l'edificio, i giornalisti e lo staff di ERT continuarono le trasmissioni radiotelevisive sul sito web dell'azienda (sui canali NET ed ET3, giacché ET1 venne completamente spento) ed attraverso le frequenze digitali dell'emittente 902 TV. Dal pomeriggio del 12 giugno 2013 anche il sito web istituzionale ert.gr fu posto offline, ma le trasmissioni radiotelevisive continuarono, grazie al contributo dell'EBU - UER, che decise di ritrasmettere il segnale radiotelevisivo via satellite e in streaming sul suo sito istituzionale[3][4], cessando però il servizio a partire dal 20 agosto[5]. La redazione, nel frattempo, aprì un nuovo sito web, ertopen.com, su cui vennero resi disponibili i vari canali in streaming e le notizie scritte dai redattori.

Il Consiglio di Stato greco decise, il 17 giugno 2013, l'annullamento della decisione governativa di chiudere l'azienda, ingiungendo l'immediata ripresa delle attività di ERT, in attesa di una riforma del settore[6]. Tale annuncio non ebbe tuttavia seguito: la ERT continuò ad operare solo sui canali "clandestini". Il 7 novembre 2013 la polizia fece irruzione nella sede aziendale di Atene, sgomberandola da tutti i dipendenti e arrestandone alcuni, scatenando violenti tafferugli all'interno e all'esterno dell'edificio[7]. Le trasmissioni del canale NET tuttavia proseguirono all'esterno dell'edificio, con mezzi di fortuna, per poi fermarsi definitivamente l'indomani. La sede periferica di Salonicco continuò invece a trasmettere senza interruzioni sul canale ET3, l'unico a restare ancora attivo. Egualmente continuarono a trasmettere sette canali radiofonici, cinque irradiati a carattere regionali (Atene, Salonicco, Giannina, Larissa, Egeo), più il secondo e terzo programma[8].

Nel 2014 NERIT ha sostituito la ERT come membro dell'UER. Le trasmissioni clandestine della redazione ERT non si sono tuttavia fermate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b www.corriere.it
  2. ^ Riot police removes former ERT employees from defunct state broadcaster's headquarters - ekathimerini.com - 7 nov 2013.
  3. ^ (EN) Diretta Streaming dell'ERT - EBU.ch
  4. ^ ERA Radio Live - EBU.ch
  5. ^ EBU - Greece: EBU looking forward, not back
  6. ^ www.repubblica.it
  7. ^ Occupata la tv statale in Grecia, scontri - rainews24.rai.it - 7 nov 2013.
  8. ^ Live streaming di ET3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • ertopen.com - il sito de facto ufficiale dopo la chiusura dell'azienda